Busto Arsizio Film Festival: ha inizio oggi la tredicesima edizione

Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto è film d’apertura della XIII edizione del Busto Arsizio Film Festival, che si tiene da oggi, 18 aprile, a venerdì prossimo, 24 aprile. Potete seguirlo anche tramite il sito ufficiale

Parte ufficialmente l’edizione numero XIII del Busto Arsizio Film Festival (18-24 aprile), quest’anno dedicato alla commedia. Non a caso l’omaggio a Mario Monicelli, qui ricordato sia con una mostra dal titolo Mario Monicelli e RAP, 100 anni di cinema composta da stampe pittoriche realizzate da RAP, Chiara Rapaccini, e da una selezione di foto dai set di Monicelli, un convegno e la proiezione di due film, Risate di gioia con Anna Magnani e Totò e L’armata Brancaleone, con Vittorio Gassman, oltre al documentario Vicino al Colosseo c’è Monti.

Oggi, primo giorno di Festival, ad aprire ufficialmente le danze è Sergio Castellitto, che porta al BA Film Festival il suo ultimo lavoro, Nessuno si salva da solo, la cui proiezione è preceduta da un’introduzione del regista. Madrina di questa edizione è Valeria Solarino, interprete tra l’altro di Mi chiamo Maya, opera di Tommaso Agnese che verrà proiettata in anteprima (l’uscita nelle nostre sale è prevista per il 7 maggio). Ospiti della manifestazione, tra gli altri, Walter Veltroni, Giorgio Pasotti e Vittorio Sgarbi. Di seguito le dichiarazioni del direttore artistico del Festival, Steve Della Casa.

Abbiamo pensato al Baff come a un festival inserito in una realtà ricca di interesse per il cinema.
Busto Arsizio è infatti una delle città italiane a più alta densità di cineforum esistenti, amati e apprezzati da un pubblico attento e competente. Inoltre esiste una scuola d’elite come l’Istituto Antonioni, e una Film Commission attiva da parecchi anni. In questa situazione, il festival è come l’extra di un dvd. Nei giorni della manifestazione, noi portiamo a Busto attori e registi noti, gente popolare che parlerà di cinema, giornalisti, storici e critici della settima arte. Ma non sarà un tappeto rosso fine a se stesso.
Ogni ospite si incontrerà con il pubblico, dialogherà con esso, arricchirà con la sua presenza e con la sua intelligenza un sapere di cinema che è diffuso. A Busto, durante il Baff, ci saranno i nomi principali del cinema italiano, ma questo non esaurisce la portata del festival. E’ un festival fatto soprattutto per il pubblico: e questo, per chi ama il cinema, è al tempo stesso una sfida e un motivo di orgoglio.
E’ un periodo in cui si discute molto (e a ragione) sull’importanza e il ruolo dei festival. Da questo punto di vista, l’esperienza di Busto può dare un suo contributo: la mondanità non come vuota passarella, ma come arricchimento del pubblico è infatti la formula che può dare un futuro a tante manifestazioni di cinema.
A noi l’orgoglio di sperimentarla prima di molti altri.

FILM IN PROGRAMMA

A TUTTO TONDO

di Andrea Bosca l ITALIA, 2014 l 15′ colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 18:30 presso Sala polifunzionale biblioteca Enzo Biagi, Fagnano Olona
Con la presenza di Adelmo Togliani, Andrea Bosca
Produzione: AC Playtown Roma_Moviemov Italian Film Festival
Sceneggiatura: Andrea Bosca, Laura Luchetti, Gero Giglio
Cast: Andrea Bosca, Benjamin Vasquez Barcellano JR., Giorgio Colangeli, Paola Minaccioni, Davide Iacopini, Salvatore Striano
Fotografia: Federico Schlatter

SINOSSI
L’incontro tra due mondi apparentemente lontani che nella loro diversità intessono un dialogo tra momenti tragici e note comiche. Lo sbocciare di un’amicizia che vince paure ed incomprensioni, l’intenso bianco e nero del mondo ordinato in cui vive il protagonista che sfuma nel colore chiassoso e festoso del piccolo universo filippino a Roma.

ANIME NERE

di Francesco Munzi l Italia/Francia, 2014 l 103′ l colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema S. G. Bosco, Busto Arsizio
Con la presenza di Fabrizio Ferracane
Sceneggiatura: Fabrizio Ruggirello, Francesco Munzi, Maurizio Braucci
Fotografia: Vladan Radovic
Montaggio: Cristiano Travaglioli
Colonna Sonora: Giuliano Taviani
Produzione: Cinemaundici e Babe Films con Rai Cinema, On My Own, Bianca Film
Cast: Marco Leonardi, Peppino Mazzotta, Fabrizio Ferracane, Anna Ferruzzo, Barbora Bobulova

SINOSSI
Luigi, Rocco e Luciano sono tre fratelli, figli di pastori dell’Aspromonte, vicini all’ ‘ndrangheta. Luigi, il più giovane, è un trafficante internazionale di droga; Rocco, milanese d’adozione, è imprenditore grazie ai soldi sporchi del primo; Luciano, il più anziano, coltiva il sogno di una Calabria preindustriale e ha un figlio, Leo, per il quale sembra che il futuro non esista. Per un banale litigio il ragazzo compie un atto intimidatorio contro un bar protetto dal un clan rivale. Sarà la scintilla che appiccherà l’incendio, riportando Luciano al passato e alla drammatica uccisione del padre.

C’ERA UNA VOLTA IL PROSSIMAMENTE

di Fabio Micolano l ITALIA, 2014 l 67′ l Documentario l colore l

Proiezione:
Lunedì 20 aprile 2015 alle 18:30 presso Spazio festival, Busto Arsizio
Con la presenza di Fabio Micolano
Soggetto: Fabio Micolano
Fotografia: Fabio Micolano
Suono: Fabio Micolano
Montaggio: Marco Massaccesi
Musiche: Fabrizio Gatti
Produzione: Micol Productions
Post produzione audio: Stefano Di Fiore
Animazioni e titoli: Federica Grigoletto

SINOSSI
Nel mondo del cinema il termine “prossimamente” una volta indicava quelli che oggi chiamiamo “trailer”, “presentazioni”, o più volgarmente “pezzi”, “spezzoni”, “provini”. L’oggetto di questa mutevole denominazione è anch’esso cambiato, col tempo, nel linguaggio e nella durata, così come sono progredite le tecnologie impiegate per realizzarlo. Il documentario “C’era una volta il prossimamente” ripercorre le tappe evolutive di questa forma di comunicazione a metà tra lo spot pubblicitario e il film stesso che rappresenta. Ma anche dei suoi creatori, i cosiddetti “traileristi”, considerati per troppo tempo semplici artigiani della settima arte, eppure figure importantissime per il destino di un film e registi loro stessi nella realizzazione di piccoli capolavori di montaggio e titolistiche. Il documentario presenta, tra le altre, anche le testimonianze di Renzo Arbore, Pupi Avati, Maurizio Nichetti, Neri Parenti, Tatti Sanguineti, Ettore Scola, Giuseppe Tornatore.

D.A.D.

di Marco Maccaferri l ITALIA, 2014 l colore l

Produzione: L’Isola srl
Soggetto: Marco Maccaferri e Diego Runko
Sceneggiatura: Marco Maccaferri e Antonello Rinaldi
Cast: Stefano Annoni, Luca Bastianello,Giovanni Battaglia, Giorgio Borghetti, Maria Carpaneto, Francesca Cassottana, Giusto Cucchiarini
Fotografia: Claudio bellero
Montaggio: Marco Garavaglia
Musiche: Roberto Cecchetto, Marco Mati, Franco Serafini
Film riconosciuto di interesse culturale con il sostegno del MIBACT e Film Commission Lombardia

SINOSSI
Diciannove persone sono nascoste e in fuga in un buco largo sei metri e lungo otto. È una
porzione di terreno scavato probabilmente per le fondamenta di una casa. Terra, qualche
calcinaccio e sacchi di cemento che gli abitanti del buco usano come riparo, giaciglio.
Sulla parete a sud si affaccia un tubo dal quale esce un rivolo d’acqua; una grande ruspa
con la benna immobile si staglia sul cielo, ed è il cielo l’unica visuale permessa ai 19
fuggiaschi. Già, perché tutti loro hanno un grosso problema: non appena mettono fuori il
naso dalle basse pareti che circondano il buco, vengono metodicamente falciati da precisi
colpi di mitragliatrice. Non sanno chi li tiene lì, chi non viene a stanarli, chi si diverte in un
gioco al massacro; sanno che devono camminare a carponi, strisciare e non alzarsi mai
nella posizione eretta così normale e rassicurante. E i 19 comunque vivono, interagiscono
tra loro, scatenano sentimenti irrazionali, litigano, organizzano la fuga, si amano, fanno
amicizia. Non si sa molto del perché sono lì. Una guerra? Bande armate che si sono
scatenate nella zona? Sadici assassini? Brandelli di dialoghi raccontano il passato del
gruppo: la loro vita prima del buco, le cose o le persone lasciate bruscamente al momento
della fuga… Ma è soprattutto il tempo presente che importa: una malinconica, nevrotica,
amara e paradossale realtà.

FANGO E GLORIA

di Leonardo Tiberi l ITALIA, 2014 l 90′ l colore l

Proiezione:
Lunedì 20 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema Lux, Busto Arsizio
Con la presenza di Domenico Fortunato (attore)
Sceneggiatura: Leonardo Tiberi, Salvatore De Mola
Fotografia: Stefano Paradiso
Montaggio: Luca Onorati
Scenografia: Mauro Vittorio Quattrina
Costumi: Nicoletta Ercole
Colonna Sonora: Baptiste Allard
Produzione: Baires Produzioni
Cast: Eugenio Franceschini, Valentina Corti, Domenico Fortunato, Francesco Martino, Alberto Lo Porto

SINOSSI
Realizzato in occasione del centenario della Grande Guerra e dei 90 anni dell’istituto Luce, il docu-film racconta le vicende di tutti quei giovani caduti durante la Prima Guerra Mondiale, utilizzando come simbolo di tutti il Milite Ignoto. Una parte, di fiction, narra le vicende di Mario, dei suoi amici e della sua fidanzata, giovani entusiasti della piccola borghesia di provincia. Si affianca a questa una parte di materiali di repertorio dell’Archivio Storico Luce, sottoposti a processi di colorizzazione e sonorizzazione per migliorarne la fruibilità.

FINO A QUI TUTTO BENE

di Roan Johnson l ITALIA, 2014 l 80′ l colore l

Proiezione:
Venerdì 24 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema Manzoni, Busto Arsizio
Con la presenza di Alessio Vassallo
Sceneggiatura: Roan Johnson, Ottavia Madeddu
Fotografia: Davide Manca
Montaggio: Paolo Landolfi, Davide Vizzini
Scenografia: Rincen Caravacci
Costumi: Rincen Caravacci
Colonna Sonora: I Gatti Mezzi
Produzione: Roan Johnson
Interpreti: Alessio Vassallo, Paolo Cioni, Silvia d’Amico, Guglielmo Favilla, Melissa Anna Bartolini

SINOSSI
A Pisa, cinque ragazzi stanno per lasciare l’appartamento che hanno condiviso mentre studiavano. Cioni si prepara a tornare dai genitori; Ilaria, disinibita, deve affrontare una gravidanza imprevista; Vincenzo potrebbe avere una cattedra come professore, ma in Islanda; Francesca continua a sperare in una carriera teatrale e Andrea è frustrato dalla mancanza di occasioni. Tutti e cinque stanno per intraprendere una nuova vita e si preparano a lasciare quell’appartamento, che ha rappresentato per ognuno il rifugio dal mondo esterno e dalla vita adulta.

FUORISCENA

di Massimo Donati e Alessandro Leone l ITALIA, 2013 l 82′ l colore l

Proiezione:
Venerdì 24 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema Lux, Busto Arsizio
Con la presenza di Alessandro Leone
Sceneggiatura: Massimo Donati, Alessandro Leone
Fotografia: Daniele Azzola
Montaggio: Piero Lassandro
Colonna Sonora: Laura Lobetti Bodoni, Rolando Marchesini
Produzione: Ester Produzioni, GA&A Productions
Cast: Allievi e insegnanti dell’Accademia Teatro Alla Scala

SINOSSI
Un anno di corsi all’accademia Teatro Alla Scala di Milano, un mondo affascinante e segreto raccontato attraverso gli allievi. La macchina da presa segue gli allievi nelle attività quotidiane da settembre a giugno, nei corsi, alle prove in vista del risultato finale che è l’eccellenza senza mediazioni. Chi è stato ammesso, dopo una severa selezione, deve affrontare danza, canto, scenografia, costumi, corsi di lingue e materie previste dalle varie fasce d’età.

I BAMBINI SANNO

di Walter Veltroni l ITALIA, 2015 l Documentario l 113′ l colore l

Proiezione:
Lunedì 20 aprile 2015 alle 16:00 presso I.C.M.A. – Villa Calcaterra, Busto Arsizio
Con la presenza di Walter Veltroni
Produzione: Wildside, Palomar e Skycinema
Fotografia: Davide Manca
Montaggio: Gabriele Gallo
Musiche originali: Danilo Rea

SINOSSI
Come ci vedono i bambini? Come vedono, i bambini, quello che li circonda? Un gruppo di ragazzi, dagli 8 ai 13 anni, ce lo spiega. I loro pensieri sulla crisi, l’Italia, il futuro, la vita, i grandi, raccontati nel documentario realizzato da Walter Veltroni. I bambini hanno un loro mondo, un loro punto di vista, ci osservano e deducono. Interrogati sull’amore, l’omosessualità, il rapporto con Dio, la famiglia, spiegano le loro impressioni e le loro speranze usando la loro meravigliosa sincerità.

I NOSTRI RAGAZZI

di Ivano De Matteo l ITALIA, 2014 l 92′ l colore l

Proiezione:
Mercoledì 22 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema Sociale, Busto Arsizio
Con la presenza di Cristina Puccinelli (Attrice)
Sceneggiatura: Valentina Ferlan, Ivano De Matteo
Fotografia: Vittorio Omodei Zorini
Montaggio: Consuelo Catucci
Scenografia: Francesco Frigeri
Costumi: Valentina Taviani
Colonna Sonora: Francesco Cerasi
Produzione: Rodeo Drive con Rai Cinema
Cast: Alessandro Gassman, Giovanna Mezzogiorno, Luigi Lo Cascio, Barbora Bobulova, Rosabell Laurenti Sellers, Cristina Puccinelli

SINOSSI
Massimo e Paolo sono due fratelli che non hanno nulla in comune: uno è avvocato, l’altro fa il pediatra in ospedale. Anche le loro mogli sono molto diverse e spesso ostili fra loro. Da anni, ogni mese, i quattro si incontrano in un ristorante, solo per rispettare la tradizione. Qui riempiono i vuoti parlando di futilità: i piatti in tavola, l’ultimo film uscito, il politico corrotto di turno. Eppure una sera, l’equilibrio va in frantumi: alcune videocamere di sorveglianza, infatti, riprendono due ragazzi, molto simili ai loro figli, impegnati a picchiare una senzatetto. Come affronteranno, essendo così diversi, la situazione?

IL GIOVANE FAVOLOSO

di Mario Martone l ITALIA, 2014 l 137′ l colore l

Proiezione:
Mercoledì 22 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema Manzoni, Busto Arsizio
Sceneggiatura: Mario Martone, Ippolita Di Majo
Fotografia: Renato Berta
Montaggio: Jacopo Quadri
Scenografia: Giancarlo Muselli
Costumi: Ursula Patzak
Colonna Sonora: Sascha Ring
Produzione: Palomar, Rai Cinema, Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC)
Cast: Elio Germano, Michele Riondino, Massimo Popolizio, Anna Mouglalis, Valerio Binasco

SINOSSI
Giacomo Leopardi è un bambino prodigio che cresce in una casa che è una biblioteca e ha un rapporto conflittuale con il padre, rigido e severo. La dimora è una prigione e il giovane sogna di andarsene: legge di tutto, ma l’universo è fuori. In Europa scoppiano le rivoluzioni e Giacomo cerca contatti con l’esterno. A 24 anni, lascia finalmente Recanati e continua a dare alle stampe le sue opere, non sempre apprezzate. L’alta società italiana gli apre le porte ma lui, ribelle, non si adatta. A Firenze rimane coinvolto in un triangolo amoroso con l’amico Ranieri, con cui convive da Bohemien, e la bellissima Fanny. Scoppia il colera e Giacomo si trasferisce alle pendici del Vesuvio, dove ha l’ispirazione per la celebre poesia “La Ginestra”.

IL SOGNO DI BRENT

di Alessandro Belli l ITALIA, 2014 l 43′ l colore l

Proiezione:
Domenica 19 aprile 2015 alle 15:00 presso Spazio Festival, Busto Arsizio
Con la presenza di Alessandro Belli
Sceneggiatura: Andre Lucchetta, Alessandro Belli
Produzione: Rai Fiction e Lucky Dreams

SINOSSI
Brent Winters ha 14 anni e una grande passione per le moto, trasmessagli dal padre, ex pilota. Un giorno, tornando a casa, ha un grave incidente e perde le gambe dal ginocchio in giù. Brent entra in depressione fino a quando il suo insegnante Dave non lo sprona a reagire e a entrare in una squadra di pallacanestro in carrozzina. Due anni dopo l’incidente, Brent mette le protesi e, dopo aver conosciuto Giusy, atleta che si allena per le paraolimpiadi, decide di seguire il suo esempio e gareggiare, sostenuto dagli amici, dai genitori e dalla sua ragazza Patty, pallavolista dello Spike Team.

Il cartone è patrocinato da tre Ministeri, dalla Polizia di Stato, che lo porta in giro nelle scuole, dal Cip e dall’Ics.

IO, ARLECCHINO

di Matteo Bini e Giorgio Pasotti l ITALIA, 2014 l 90′ l colore l

Proiezione:
Domenica 19 aprile 2015 alle 21:00 presso Cinema Fratello Sole, Busto Arsizio
Con la presenza di Matteo Bini, Giorgio Pasotti
Produzione: Officina della comunicazione e Rai cinema
Soggetto: Elisabetta Sola, Maurice Caldera, Matteo Bini
Sceneggiatura: Maurice Caldera, Matteo Bini
Cast: Giorgio Pasotti, Roberto Herlitzka, Valeria Bilello, Lunetta Savino, Lavinia Longhi, Gianni Ferreri, Eugenio De’ Giorgi, Massimo Molea
Fotografia: Charlie Goodger
Montaggio: Michele Chiappa
Musiche: Matt J. Kelly

SINOSSI
Paolo, noto conduttore di un talk show televisivo pomeridiano, viene raggiunto a Roma
da una telefonata che gli comunica che il padre Giovanni è stato ricoverato in ospedale.
Costretto a tornare nel piccolo villaggio medioevale di Cornello del Tasso, in provincia
di Bergamo, Paolo scopre che il padre è gravemente ammalato.
Giovanni, ex attore teatrale e famoso Arlecchino, manifesta il desiderio di voler
spendere gli ultimi mesi della sua vita continuando a recitare con la piccola compagnia
teatrale del paese, mettendo in scena spettacoli di Commedia dell’Arte.
Il ritorno al paese, ed il contatto con il padre ed il suo mondo, porteranno Paolo a
ricucire un rapporto con le sue origini, a ridefinire la sua identità e a riscoprire il tesoro
artistico rappresentato dal personaggio di Arlecchino, del quale si troverà a vestire i
panni. Una favola moderna che racconta la storia di un padre e di un figlio, avvolta dalla magia
del personaggio di Arlecchino e della tradizione della Commedia dell’Arte italiana che
tutto il mondo ci riconosce.

L’ALTRO ADAMO

di Pasquale Squitieri l ITALIA, 2014 l Lungometraggio l 83′ l colore l

Proiezione:
Martedì 21 aprile 2015 alle 19:00 presso I.C.M.A. – Villa Calcaterra, Busto Arsizio
Con la presenza di Pasquale Squitieri, Lino Capolicchio
Soggetto e sceneggiatura di: Pasquale Squitieri
Cast: Lino Capolicchio, Marianna Jensen, Ottavia Fusco, Saverio Mastelloni
Produzione: Cosmo Production
Scenografia: Massimo Galluzzi
Musiche: Manuel De Sica

NOTE DELL’AUTORE
Adamo vive in un futuro molto vicino, dove si verificheranno quelle che oggi sono previsioni in rapido progresso. Solo fra pochi anni infatti, la popolazione mondiale salirà a 9 miliardi e mezzo di individui e la robotizzazione aumenterà del 35 %. Si avvererà l’espandersi di quella società di massa che Adorno, sul finire del secolo scorso, nel suo “Minima Moralia”, così definiva: “Non ha idea o immagine di se stessa. Non ha fedi né ideali. Non crede in niente, salvo che nel progresso illimitato. La Storia non l’attrae e la distoglie dalla necessità del denaro e dai sogni della televisione che cambiano di continuo”.
Nasce così l’uomo di massa, privo di identità privata, privo d’anima.
In suo aiuto arriverà la magia tecnologica di Kurzweil con la sua intelligenza artificiale che consente di chiedere al computer un proprio doppio clonato da se stesso “che agisca osservando le direttive del primo per doppiare un corpo che rimpianga l’anima” (Jean Claire).
In tale contesto, si rinnova e amplifica l’antica equazione platonica: essere o apparire…”Se non appare, l’uomo di massa non esiste” (Durenmatt).
Adamo, il nostro protagonista, che ha accettato il falso e la solitudine come sole possibilità di sopravvivenza in un mondo affamato e feroce, dal quale fuggano i pochi che possano pagarsi un futuro nello Spazio,chiede alla eccezionale intelligenza artificiale del suo computer (che ha battezzato Ulisse e che si materializza in una mano quasi umana) di usare l’emotional computing per realizzare un suo doppio che viva un breve sogno di vita vera: uno spazio esistenziale fatto di ideali, di valori autentici, di passioni.
Ulisse lo accontenta e Adamo vivrà una vera storia d’amore il cui finale, però, sarà tragico: Adamo ucciderà la donna amata e non ci sarà verso di modificare l’elaborazione del computer…Quelle immagini saranno captate dai servizi di sicurezza e Adamo verrà condannato alla pena capitale.
Ecco, dunque, che l’apparenza diventerà realtà rendendo finalmente reale il sogno di Adamo.

L’ARMATA BRANCALEONE

di Mario Monicelli l ITALIA, 1966 l Lungometraggio l 120′ l colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 21:00 presso Cinema Fratello Sole, Busto Arsizio
Con la presenza di Chiara Rapaccini
Sceneggiatura: Agenore Incrocci, Furio Scarpelli, Mario Monicelli
Fotografia: Carlo Di Palma
Montaggio: Ruggero Mastroianni
Scenografia: Piero Gherardi
Costumi: Piero Gherardi
Colonna Sonora: Carlo Rustichelli
Produzione: Mario Cecchi Gori
Cast: Vittorio Gassman, Catherine Spaak, Folco Lulli, Gian Maria Volontè, Maria Grazia Buccella

SINOSSI
Civitanova, XI secolo. Brancaleone da Norcia, rampollo di una ricca famiglia dotato di una straordinaria eloquenza, si mette alla guida di un gruppo di miserabili in un’eroica impresa: conquistare il feudo di Aurocastro, in Puglia. Attraversando la penisola, il gruppetto vive una serie di avventure, che vanno dall’incontro con un monaco diretto a Gerusalemme per liberare il Santo Sepolcro al salvataggio di una fanciulla dai barbari, a fughe rocambolesche. Arrivati infine ad Aurocastro, Brancaleone e i suoi uomini scoprono che non tutto era come credevano. Devono ancora affrontare i pirati saraceni e scampare ad una condanna al rogo…

L’UOMO VOLANTE

di Adelmo Togliani l ITALIA, 2014 l 25′ l colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 18:30 presso Sala polifunzionale biblioteca Enzo Biagi, Fagnano Olona
Con la presenza di Adelmo Togliani
Soggetto e sceneggiatura di: Adelmo Togliani e Elena Tommasini
Cast: Bianca Guaccero, Adelmo Togliani, Elena Tommasini, Chiara Ricci e la partecipazione amichevole di Antonella Ferrari
Produzione: Giallo Limone Movie in collaborazione con Accademia Achille Togliani

SINOSSI
Greta e Achille, due anime affini, un grande amore senza fine. Achille rincorre la vita, la passione…Greta rincorre lui. Attraversano i capitoli della loro vita tenendosi per mano, sin dai primi anni 80, quando di lì a poco assisteranno al tramonto dell’amore ‘analogico’. I due respirano a pieni polmoni la loro adolescenza, continuando a essere “l’uno per l’altra”, lasciando a poco a poco spazio alla nostalgia del tempo che fu; Greta continua a inseguire questo ragazzo mai cresciuto e viene da chiedersi cosa ci sia al di là di questa relazione che non sfocia mai in amore. Lui la ignora e si perde dietro donne di ogni genere, ed estrazione sociale, alla ricerca di qualcosa che non c’è – come l’isola di Peter Pan. Lei fa la sua vita ma soffre. Per lui? Chissà. Soffre per le scelte che non riesce a prendere? O solo per l’ammirazione che nutre per Achille, le cui gesta Greta stessa non riesce ad emulare, né prendere a spunto per cambiare la propria vita? Ormai divenuti adulti, i due decidono di seguire ognuno la strada giusta per sé. Di ‘mollarsi’. Greta coronerà un sogno che coltiva da lungo tempo, Achille partirà per vivere una vita bohèmienne, in eterno conflitto fra passione e amore. L’Uomo Volante è la storia di Greta e Achille e del loro legame indissolubile.

LA PRIMA VOLTA (DI MIA FIGLIA)

di Riccardo Rossi l ITALIA, 2015 l 85′ l colore l

Proiezione:
Martedì 21 aprile 2015 alle 21:00 presso I.C.M.A. – Villa Calcaterra, Busto Arsizio
Con la presenza di Riccardo Rossi
Sceneggiatura: Chiara Barzini, Luca Infascelli, Ricccardo Rossi
Fotografia: Maurizio Calvesi
Montaggio: Walter Fasano
Scenografia: Daniele Frabretti
Costumi: Gemma Mascagni
Colonna Sonora: Gabriele Roberto
Produzione: Ascenti Film con Rai Cinema
Interpreti: Riccardo Rossi, Anna Foglietta, Fabrizia Sacchi, Stefano Fresi, Benedetta Gargari

SINOSSI
L’incubo di ogni padre? Scoprire che la propria figlia ha deciso di perdere la verginità. E l’incubo diventa realtà per Alberto, padre divorziato, che legge di nascosto il diario segreto della figlia Bianca e scopre che la sua bambina sta per fare l’amore per la prima volta. Alberto va in crisi e organizza una cena con una coppia di amici (alla quale si aggiungerà un’amica ginecologa molto anticonformista) per dissuaderla dall’insano proposito. Ma non tutto andrà come avrebbe sperato…

LA TERRA DEI SANTI

di Fernando Muraca l ITALIA, 2015 l 81′ l colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 21:30 presso Sala Ratti, Legnano
Con la presenza di Valeria Solarino, Fernando Muraca
Soggetto e sceneggiatura di: Monica Zapelli e Fernando Muraca
Cast: Valeria Solarino, Lorenza Indovina, Daniela Marra, Ninni Bruschetta, Francesco Colella, Marco Aiello, Piero Calabrese e con la partecipazione di Tommaso Ragno
Produzione: Kinesis Film in collaborazione con Rai cinema
Fotografia: Federico Annicchiarico AIC
Montaggio: Paola Freddi e Marcello Saurino
Musica Originale : Valerio Vigliar

SINOSSI
Vittoria ha lasciato il Nord di sua volontà per iniziare la carriera di magistrato a Lamezia Terme, con l’unica missione di sconfiggere la ‘ndrangheta. Assunta, invece, nella ‘ndrangheta è costretta a restare, anche se le hanno ucciso il marito e ora deve sposarne forzatamente il fratello, Nando. La aiuta a accettare le nozze Caterina, sorella maggiore di Assunta, che controlla gli affari di famiglia mentre suo marito Alfredo Raso, il boss, è latitante. Piegarsi al volere di Alfredo e, in fondo, a quello della sorella, è l’unico modo che Assunta ha per proteggere i suoi due figli: il piccolo Franceschino e l’adolescente Giuseppe, che ha già la stoffa del capo. Alfredo, il boss, apprezza la scaltrezza di Giuseppe che riesce a scappare alla polizia mentre Nando viene arrestato durante un tentativo di attentato che stanno facendo insieme contro l’auto di Vittoria. Giuseppe viene battezzato nella ‘ndrangheta e diventa il guardaspalle di suo cugino Pasquale un compito pericoloso che immediatamente lo pone in bilico fra la vita e la morte. Nando, una volta in carcere, decide di collaborare, ma Assunta lo dissuade. Durante il loro drammatico interrogatorio Vittoria, con un’intuizione improvvisa, annuncia ad Assunta che le farà togliere la patria potestà. A lei e a tutte le madri che mandano a morire i propri figli… Questa idea di strapparle i figli introduce il film in un territorio di conflitto drammatico che porterà le tre protagoniste della storia Vittoria, Assunta e Caterina ad uno scontro in cui chi perderà potrebbe rinunciare a ciò che ha di più caro: i figli.

LOVE SHARING

di Monica Scattini l ITALIA, 2014 l Cortometraggio l 15′ l colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 21:00 presso Cinema Fratello Sole, Busto Arsizio
Con la presenza di Alessandro Haber
Soggetto: Monica Scattini
Sceneggiatura: Monica Scattini e Matteo Pianezzi
Cast: Monica Scattini, Alessandro Haber, Sandra Milo, Luca Argentero, Eugenia Costantini
Produzione: Moliwood films
Direttore Della Fotografia: Gianni Fiore Coltellacci
Montaggio: Osvaldo Bargero
Musiche: Giuseppe Fulcheri

SINOSSI
Margherita è una donna che soffre la fine di una storia travagliata. Decide di liberarsi di tutto ciò che la lega al suo passato, tra cui una collanina che vuole riconsegnare di persona al suo ex. La macchina che Margherita vuole affittare per andare a restituire l’indesiderato regalo è occupata, come spesso accade ultimamente. Fra dispetti per il possesso dell’auto, una strana amica consigliera e le mille peripezie che la nostra protagonista dovrà affrontare, si sviluppa una dolce e simpatica romantic comedy con un finale a sorpresa.

MI CHIAMO MAYA

di Tommaso Agnese l ITALIA, 2015 l 90′ l colore l

Proiezione:
Lunedì 20 aprile alle 20:45 presso Cinema Dante, Castellanza
Con la presenza di Tommaso Agnese
Sceneggiatura: Tommaso Agnese e Massimo Bavastro
Fotografia: Davide Manca
Montaggio: Marco Careri
Musiche originali: Giorgio Giampà
Cast: Matilda Lutz, Melissa Monti, Carlotta Natoli, Valeria Solarino, Giovanni Anzaldo
Produzione: Magda Film con Rai cinema in coproduzione con EMC Productions – Francia

SINOSSI
In seguito ad un tragico evento, Niki, 16 anni, decide di fuggire dalla casa famiglia cui è stata affidata, portando con se la sorellina Alice di soli 8 anni. Insieme affrontano un viaggio alla ricerca di un’utopica libertà, attraverso la Roma conosciuta e quella sconosciuta, incontrando persone molto diverse tra loro: punk, artisti di strada, cubiste…Una “traversata iniziatica” che, tra mille difficoltà, traghetterà Niki e Alice verso una nuova vita…

MIRAFIORI LUNAPARK

di Stefano Di Polito l ITALIA, 2014 l 78′ l colore l

Proiezione:
Mercoledì 22 aprile 2015 alle 21:00 presso Sala Ratti, Legnano
Con la presenza di Stefano Di Polito, Mimmo Caloprestie Alessandro Haber
Soggetto e sceneggiatura di: Stefano Di Polito e Anna Gasco
Collaborazione alla sceneggiatura : Mimmo Calopresti
Fotografia: Paolo Ferrari (Aic)
Montaggio: Raimondo Aiello
Musica: Saro Cosentino
Cast: Alessandro Haber, Antonio Catania, Giorgio Colangeli, Tiziana Lodato, Carlo Marrapodi, Pietro Delle Piane, Mariella Fabbris
Produzione: Mimmo Calopresti e Eileen Tasca per Alien Films in collaborazione con
Rai Cinema

SINOSSI
A Mirafiori, sede storica dei primi stabilimenti della Fiat e simbolo delle lotte operaie degli anni Settanta, è tempo di riqualificazione: una vecchia fabbrica abbandonata sta per essere abbattuta per fare spazio al vicino campo da golf.
Ma Carlo, Franco e Delfino, che nel capannone hanno speso buona parte della loro vita, non sono disposti a uscire di scena senza fare un ultimo tentativo per ripopolare il quartiere e riavvicinare figli e nipoti.

NESSUNO SI SALVA DA SOLO

di Sergio Castellitto l ITALIA, 2015 l 100′ l colore l

Proiezione:
Sabato 18 aprile 2015 alle 21:00 presso Teatro Manzoni, Busto Arsizio
Con la presenza di Sergio Castellitto
Sceneggiatura: Margaret Mazzantini
Fotografia: Gianfilippo Corticelli
Montaggio: Chiara Vullo
Scenografia: Luca Merlini
Colonna Sonora: Arturo Annecchino
Produzione: Indiana Production Company, Wildside, RAI Cinema
Cast: Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Anna Galiena, Marina Rocco, Massimo Bonetti

SINOSSI
Delia e Gaetano sono ormai separati e hanno due figli, Cosmo e Nico. Lei continua a vivere nella casa coniugale con i bambini, lui in un residence. Delia, che in passato ha sofferto di anoressia, è una biologa nutrizionista; Gaetano è uno sceneggiatore di programmi televisivi. I due si incontrano a cena in un ristorante, per parlare dell’organizzazione delle vacanze dei figli, ma presto capiranno che quell’incontro servirà a entrambi per fare un viaggio all’interno della loro storia d’amore e scoprirne le ragioni della fine.

NOI 4

di Francesco Bruni l ITALIA, 2014 l 93′ l colore l

Proiezione:
Martedì 21 aprile 2015 alle 09:00 presso Cinema Fratello Sole, Busto Arsizio
Con la presenza di Francesco Bruni (regista)
Sceneggiatura: Francesco Bruni
Fotografia: Arnaldo Catinari
Montaggio: Marco Spoletini
Scenografia: Roberto De Angelis
Costumi: Maria Cristina La Parola
Colonna Sonora: Lele Marchitelli
Produzione: IBC Movie, Rai Cinema
Cast: Kseniya Rappoport, Fabrizio Gifuni, Lucrezia Guidone, Francesco Bracci Testasecca, Raffella Lebboroni

SINOSSI
Per il piccolo Giacomo il 13 giugno è un giorno importante: dovrà affrontare gli orali degli esami di terza media. Se la sua famiglia fosse diversa, questa sarebbe una giornata dedicata a stare insieme e a sostenerlo in quest’impresa. Invece, i suoi genitori Ettore e Lara e la sorella più grande Emma, insieme non riescono proprio a stare. La madre gli sta addosso, il padre non si accorge di lui, la sorella pensa solo a se stessa e ai suoi problemi personali. Oltre alle tensioni familiari, in questa giornata così importante e diversa dal solito, ognuno dovrà affrontare anche una piccola (ma grandissima) sfida personale.

POLI OPPOSTI

di Max Croci l ITALIA, 2015 l colore l

Fotografia: Fabio Zamarion
Montaggio: Marco Spoletini
Costumi: Alessandra Robbiati
Produzione: Rodeo Drive, Rai Cinema, con il contributo del MiBACT, con il sostegno di Regione Sicilia
Cast: Luca Argentero, Sarah Felberbaum, Giampaolo Morelli, Jack Queralt, Roberto Bocchi

SINOSSI
Poli opposti è una commedia romantica che gioca con gli archetipi del genere mettendo in scena l’eterna lotta tra i sessi, ben rappresentati da Luca Argentero e Sarah Felberbaum. Lei è avvocato divorzista, madre single e perennemente in lotta contro gli uomini, lui è un terapeuta della coppia, fresco di separazione. Si incontrano e si scontrano in una Roma borghese e romantica.

QUANDO IL GARDA ERA UN MARE La magnifica avventura della Bertolazzi Film

di Franco Delli Guanti e Ludovico Maillet l ITALIA, 2014 l Documentario l colore l

Proiezione:
Mercoledì 22 aprile 2015 alle 21:00 presso Cinema Manzoni, Busto Arsizio
Soggetto di: Franco Delli Guanti e Ludovico Maillet
Testimonianze: Fabio Testi, Liana Orfei, Kirk Morris, Umberto Lenzi, Steve Della Casa
Produzione: Mediaomnia
Un’iniziativa del Centro Culturale «La Firma» di Riva del Garda

SINOSSI
Il lago di Garda trasformato nel mare dei Caraibi. Accadeva negli anni Sessanta quando a Peschiera del Garda erano attivi dei veri e propri “studios” galleggianti che per quasi un decennio ospitarono produzioni cinematografiche e televisive. Protagonista di questa straordinaria avventura fu Walter Bertolazzi che a partire dal 1959 allestì una vera e propria flotta di navi d’epoca che servivano da set per film di ambiente piratesco. Affascinati da questa vicenda Franco Delli Guanti e Ludovico Maillet hanno lavorato ad un progetto per riportare alla luce e far conoscere alle nuove generazioni una pagina di storia del cinema rimasta per troppi anni chiusa nei cassetti.
Nel documentario si alternano tutti i film girati sul Garda e decine di fotografie, molte delle quali inedite, che propongono i vari set di ripresa dove si sono avvicendati negli anni di attività attori del calibro di Amedeo Nazzari, Silvana Pampanini, Anna Maria Pierangeli, Lisa Gastoni, Lex Barker, Chelo Alonso, Kirk Morris, Alan Steel, e tanti altri.

RISATE DI GIOIA

di Mario Monicelli l ITALIA, 1960 l 106′ l bianco e nero l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 16:00 presso Cinema Fratello Sole, Busto Arsizio
Sceneggiatura: Suso Cecchi D’amico, Agenore Incrocci, Mario Monicelli, Alberto Moravia, Furio Scarpelli
Fotografia: Leonida Barboni
Montaggio: Adriana Novelli
Scenografia: Piero gherardi, Giuseppe Ranieri
Costumi: Piero Gherardi
Colonna Sonora: Lelio Luttazzi
Produzione: Titanus
Interpreti: Anna Magnani, Totò, Ben Gazzara, Fred Clark, Edy Vessel

SINOSSI
Gioia, generica a Cinecittà, e Umberto, che vive di espedienti, si conoscono da vent’anni. La sera di Capodanno si incontrano per caso: lei è stata mandata via da una festa a cui doveva partecipare, lui viene coinvolto da un ladruncolo, Lello, che vuole a tutti i costi fare qualche “colpo”. Casualmente, Gioia e Umberto finiscono per esibirsi insieme in un duetto e vagano insieme per la città insieme a Lello. Dopo una serie di avventure, Gioia scopre che Lello ha rubato una collana da una statua della Madonna e, indignata, lo blocca: l’uomo riesce a scappare, ma lei viene arrestata. Otto mesi dopo, all’uscita dalla prigione, trova ad aspettarla Umberto, che si avvia con lei fantasticando su improbabili successi nel mondo dello spettacolo.

SGARBISTAN

di Maria Elisabetta Marelli l ITALIA, 2015 l Documentario l 75′ l colore l

Proiezione:
Lunedì 20 aprile 2015 alle 21:30 presso Cinema Sociale, Busto Arsizio
Con la presenza di Vittorio Sgarbi, Maria Elisabetta Marelli
Montaggio: Adalberto Lombardo, Federica Intelisano, Diego Ronzio
Produzione: Maria Elisabetta Marelli

SINOSSI
Una mattina qualunque Vittorio Sgarbi esce da un albergo di Milano, accanto a lui un collaboratore e una guardia del corpo. Ad aspettarlo una telecamera che da quel momento indagherà la vita, senza interruzioni, dell’uomo dagli slanci impetuosi ma ancor più dalla raffinata intelligenza, in una quotidianità di assoluta autenticità. La telecamera registra la profondità dell’uomo Sgarbi e attraverso lui dell’Italia tutta, nella complessità e nella magnificenza.
37 giorni nell’arco di 3 mesi, per un totale di 190 ore di girato. In questo periodo di tempo Vittorio Sgarbi ha visitato 42 mostre e 35 chiese, ha rilasciato 73 interviste, è intervenuto in 27 conferenze, ha visionato il materiale di 25 giovani artisti, ha pernottato in 31 alberghi, accompagnato da 18 “amiche” diverse. Ha dormito a casa soltanto due notti. Testi, prefazioni, introduzioni, articoli e libri scritti in questo periodo non si contano. Un reality a ritmi frenetici che fa scoprire il lato umano del più tenace difensore delle bellezze d’Italia, animato da un forte senso di giustizia tra amore per l’arte e sdegno verso ogni forma di ignoranza.

THE FIGHTERS – ADDESTRAMENTO DI VITA (LES COMBATTANTS)

di Thomas Cailley l FRANCIA, 2014 l 98′ l DCP l colore l v. o. sott. It.

Proiezione:
Lunedì 20 aprile 2015 alle 21:00 presso Cinema Nuovo, Olgiate Olona
Con la presenza di Thomas Cailley
Sceneggiatura: Thomas Cailley, Claude Le Pape
Fotografia: David Cailley
Montaggio: Lilian Corbeille
Musiche: Lionel Flairs, Benoit Rault, Philippe Deshaies
Suono: Jean-Luc Audy, Guillaume Bouchateau, Antoine Baudoin, Niels Barletta
Cast: Adèle Haenel, Kévin Azaïs, Antoine Laurent, Brigitte Roüan, William Lebghil, Thibaut Berducat, Nicolas Wanczycki, Frédéric Pellegeay, Steve Tientcheu, Franc Bruneau
Produzione: Nord-Ouest Films
World Sales: Bac Films
Distribuzione italiana: Nomad Film Distribution

SINOSSI
Tre premi alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes (Label Europa Cinemas, SACD, Art Cinéma Award), il Prix Louis Delluc dell’opera prima, tre César 2015 – Miglior Attrice, Miglior Giovane Attore, Miglior Opera Prima – a coronare l’esordio alla regia di Thomas Cailley. Il film è una commedia militare romantica e irresistibilmente divertente, dove l’amore disarma e la sopravvivenza passa attraverso la solidarietà. Una variante originale del boy meets girl, ambientata nelle suggestive Landes, in Aquitania. L’estate del giovane Arnaud si preannuncia tranquilla fino al momento in cui incontra Madeleine, bella, fragile e appassionata di allenamenti estremi e profezie catastrofiche. Arnaud non si aspetta nulla mentre Madeleine si prepa alla fine del mondo… Tra i due, nasce una storia d’amore e di sopravvivenza (o entrambe), fuori da ogni canone prestabilito.

VICINO AL COLOSSEO… C’E’ MONTI

di Mario Monicelli l ITALIA, 2008 l 22′ l colore l

Proiezione:
Giovedì 23 aprile 2015 alle 17:30 presso Spazio festival, Busto Arsizio
Con la presenza di Chiara Rapaccini
Da un’idea di Chiara Rapaccini
Fotografia: Valerio Azzali
Musiche: Elvira e Giovanni Lo Cascio
Montaggio: Valentina Romano
Produzione: Inspire Production
Cast: Mario Monicelli, gli abitanti, i commercianti, gli artigiani, le associazioni e le scuole del Rione Monti

SINOSSI
Si tratta di uno degli ultimi lavori di Monicelli a quattro mani con Chiara Rapaccini. Il docufilm narra la vita del quartiere in cui Monicelli risiede.
“Volevo raccontare un Rione di Roma, forse il più antico, non con toni enfatici e imperiali ma quotidiani. Volevo parlare di un paese con gli artigiani, con antiche vie percorse da processioni ,con piazze che festeggiano le tipiche ottobrate romane, negozi curiosi ed inaspettati, giardini tropicali dietro i muri delle case, scuole di musica e cinema, teatri e palestre di boxe nascoste nei seminterrati. Tutto molto velocemente, solo per invogliare il curioso a cercare gli aspetti più nascosti del Rione Monti” (Mario Monicelli).

I Video di Cineblog