James Spader: 18 curiosità sull’Ultron di Avengers

Conosciamo meglio James Spader, ora nei cinema con “Avengers: Age of Ultron”

di carla

E’ uscito nelle nostre sale “Avengers: Age of Ultron” diretto da Joss Whedon e interpretato da Scarlett Johansson, Chris Hemsworth, Aaron Taylor-Johnson, Robert Downey Jr., Cobie Smulders, Jeremy Renner, Chris Evans, Mark Ruffalo, Samuel L. Jackson, Anthony Mackie. Dopo la nostra recensione e un post di curiosità sul film, oggi dedichiamo un piccolo speciale a James Spader che dà la voce al cattivo del film, proprio Ultron (in italiano è doppiato da Stefano Alessandroni).

– Nato il 7 febbraio 1960 a Boston, Massachusetts.
– Nome Di Nascita: James Todd Spader
– Soprannome Jimmy
– Altezza: 1,78 m
– Prima di diventare attore ha insegnato yoga.
– E’ stato sposato con la moglie Victoria dal 1987 al 2004, hanno divorziato. Hanno due figli: Sebastian (nato nel 1989) ed Elia (classe 1992).
– La compagna Leslie Stefanson ha dato alla luce il suo terzo figlio, il 31 agosto 2008.
– Ammira molto il lavoro di Charles Laughton.
– Rifiuta di guardare qualsiasi film dove ha recitato.
– Ama cucinare ed è un cuoco eccellente.
– Ha problemi di vista, e non può indossare le lenti a contatto. Ha dichiarato che nei ruoli in cui non indossa gli occhiali riesce a malapena a distinguere il volto dell’attore che ha di fronte.
– E’ buon amico di con attori Christian Clemenson, Robert Downey Jr., Eric Stoltz e Jason Alexander.
– Ha fatto il provino per il ruolo del Cadetto Capitano Alex Dwyer nel film Taps – Squilli di rivolta (1981), ma alla fine hanno preso Sean Penn.
– Stava lavorando come custode in una sala prove di Times Square quando ha ottenuto il suo primo ruolo nel film Amore senza fine (Endless Love) di Franco Zeffirelli (1981)
– Ha una memoria fotografica. Quando legge un copione, ricorda la pagina.
– È un grande fan di Bob Dylan .
– Ha piccole ascendenze francesi, olandesi, tedesche e svizzere-tedesche..

Ha detto

Se non ho bisogno di soldi, non lavoro. Ho intenzione di trascorrere del tempo con la mia famiglia e gli amici, e ho intenzione di viaggiare e leggere e ascoltare musica e cercare di imparare un po’ di più su come essere un essere umano, invece di imparare ad essere qualcun altro.

Ho le mie sensibilità artistiche e Crash (1996) li integra. Si tratta di una provocazione, una sfida, un film inquietante fatto per gli adulti. Non è uno scheletro nell’armadio per me.

(Sulle sue scene sadomaso del film Secretary (2002)): ho fatto qualcosa in quella scena che non avevo mai fatto in un film prima, ma è stato il caso di tanti dei miei film.

Nel complesso sono stato fortunato; non guardo indietro con disgusto per il lavoro che ho fatto.

Recitare è un ottimo modo per guadagnarsi da vivere, soprattutto quando considero quelle che erano le mie alternative e che probabilmente ancora sono. Voglio dire, faccio solo dei film. Ho meno pressione di un chirurgo.

James Spader – Filmografia (parziale)

– Amore senza fine (Endless Love), regia di Franco Zeffirelli (1981)
– Terrore al Luna Park (The New Kids), regia di Sean S. Cunningham (1985)
– Pericolo dallo spazio (Starcrossed), regia di Jeffrey Bloom (1985)
– Ultima occasione (Tuff Turf), regia di Fritz Kiersch (1985)
– Bella in rosa (Pretty in Pink), regia di Howard Deutch (1986)
– Baby Boom, regia di Charles Shyer (1987)
– Al di là di tutti i limiti (Less than Zero), regia di Marek Kanievska (1987)
– Mannequin, regia di Michael Gottlieb (1987)
– Wall Street, regia di Oliver Stone (1987)
– Jack’s Back, regia di Rowdy Herrington (1988)
– La ragazza dei sogni (The Rachel Papers), regia di Damian Harris (1989)
– Sesso, bugie e videotape (Sex, Lies, and Videotape), regia di Steven Soderbergh (1989)
– Cattive compagnie (Bad Influence), regia di Curtis Hanson (1990)
– Calda emozione (White Palace), regia di Luis Mandoki (1990)
– I corridoi del potere (True Colors), regia di Herbert Ross (1991)
– Bob Roberts, regia di Tim Robbins (1992)
– Storyville, regia di Mark Frost (1992)
– La musica del caso, regia di Philip Haas (1993)
– Incubo d’amore (Dream Lover), regia di Nicholas Kazan (1994)
– Wolf – La belva è fuori (Wolf), regia di Mike Nichols (1994)
– Stargate, regia di Roland Emmerich (1994)
– Due giorni senza respiro (2 Days in the Valley), regia di John Herzfeld (1996)
– Crash, regia di David Cronenberg (1996)
– Keys to Tulsa, regia di Leslie Greif (1997)
– Driftwood – Ossessione fatale (Driftwood), regia di Ronan O’Leary (1997)
– Se mi amate… (Critical Care), regia di Sidney Lumet (1997)
– Amori e ripicche (Curtain Call), regia di Peter Yates (1999)
– Supernova, regia di Walter Hill (2000)
– Killing Point – Il prezzo del tradimento (Slow Burn), regia di Christian Ford (2000)
– The Watcher, regia di Joe Charbanic (2000)
– Speaking of Sex, regia di John McNaughton (2001)
– The Stickup – Il colpo perfetto, regia di Rowdy Herrington (2002)
– Secretary, regia di Steven Shainberg (2002)
– The Pentagon Papers (2003)
– I witness – La verità uccide (I Witness), regia di Rowdy Herrington (2003)
– Cacciatore di alieni (Alien Hunter), regia di Ron Krauss (2003)
– Shadow of fear – L’ombra della paura (Shadow of Fear), regia di Rich Cowan (2004)
– Il mistero della pietra magica (Shorts) , regia di Robert Rodriguez (2009)
Lincoln, regia di Steven Spielberg (2012)
The Homesman, regia di Tommy Lee Jones (2014)
– Avengers: Age of Ultron, regia di Joss Whedon (2015)

Televisione
– Pericolo dallo spazio (Starcrossed), regia di Jeffrey Bloom – film TV (1985)
– The Practice – Professione avvocati (The Practice) – serie TV, 22 episodi (2003-2004)
– Boston Legal – serie TV, 101 episodi (2004-2008)
– The Office – serie TV, episodi 7×25-7×26 (2011)
– The Blacklist – serie TV (2013-in corso)

Fonte: IMDB

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film Marvel

Tutto su Film Marvel →