Un’intervista a Rob Zombi sul suo Halloween

Quei simpaticoni di Bloody-Disgusting sono riusciti ad intervistare il mitico Rob Zombie, personaggio che chi scrive adora come regista e ignora totalmente come musicista.Personalmente credo che sia uno dei pochi che in questo momento, dopo l’ondata del new horror asiatico, stia salvando il genere dal piattume dei vari Saw (ci arriveranno al decimo sequel?) e


Quei simpaticoni di Bloody-Disgusting sono riusciti ad intervistare il mitico Rob Zombie, personaggio che chi scrive adora come regista e ignora totalmente come musicista.

Personalmente credo che sia uno dei pochi che in questo momento, dopo l’ondata del new horror asiatico, stia salvando il genere dal piattume dei vari Saw (ci arriveranno al decimo sequel?) e dalla scarsità di buoni horror nelle sale. Dico questo perchè è un regista che ha stile, ammetto anche che possa risultare pesante per alcuni, ma sa comunque come costruire tensione, paura e passione, e quello che più amiamo nei suoi film (La casa dei 1000 corpi, La casa del diavolo) è che torna a dare all’horror una dimensione fisica, carnale e sopratutto, pur essendo fortemente ironico, è un regista dannatamente serio, che ci rende tutta la sofferenza dei suoi corpi squartati; riesce a farci scordare che è solo sangue finto, e da un horror non chiediamo altro.

Adesso che ho finito di fare l’apologia di Rob Zombi potete andare su Bloody-Disgusting per leggere l’intervista dove si parla del suo Halloween, del rapporto con l’originale e con i fan di quello, ma sopratutto si parla di Michael Myers e dei suoi perchè.

Come? Ancora non avete visto il fantastico Trailer?

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →