40 anni senza Totò.

Il 15 aprile del 1967, alle 3 e 25 del mattino, moriva a Roma, ai Parioli, il principe Antonio de Curtis, in arte Totò.Son passati 40 anni dalla morte del più importante e celebre attore comico italiano, prima bisfrattato dalla critica, come spessissimo accade per un genere, quello comico, considerato “poca cosa”, poi idolatrato. 40


Il 15 aprile del 1967, alle 3 e 25 del mattino, moriva a Roma, ai Parioli, il principe Antonio de Curtis, in arte Totò.

Son passati 40 anni dalla morte del più importante e celebre attore comico italiano, prima bisfrattato dalla critica, come spessissimo accade per un genere, quello comico, considerato “poca cosa”, poi idolatrato.
40 anni e ancora oggi Totò appartiene alla nostra vita contemporanea, con citazioni tratte dalle sue pellicole ormai entrate a far parte del parlare quotidiano.

Nato a Napoli, nel famoso rione sanità, nel lontano 1898, Totò ha interpretato oltre 100 pellicole, scritto decine di poesie, di canzoni, partecipando anche ad un Festival di Sanremo, spopolando, in termini di celebrità, tra la fine degli anni 40 e i primi anni 50. Si contanto a decine i classici, ormai diventati veri e propri cult, da lui interpretati.
Napoli lo ricorda con una serie di appuntamenti, la Festa del Cinema di Roma lo onorerà con un documentario tutto lui dedicato, dopo averlo omaggiato con un busto che lo raffigura in Piazza Cola di Rienzo, davanti il Cinema Eden, storico cinema d’autore della capitale.

Su continua, per non dimenticarlo mai, troverete due storici filmati. Il telegiornale dell’epoca, che annunciò il triste addio del principe, e quello che probabilmente è il suo sketch più celebre, la “storica” lettera con Peppino.

Noi di CineBlog lo ricordiamo con grande affetto, per quello che era, ovvero un mito del cinema italiano, non solo comico, perchè “signori si nasce, e lui, modestamente, lo nacque!”.
Ciao principe..

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →