Far East Film Festival, parte 8

La nostra esperienza al Feff9 è ormai definitivamente conclusa ed è venuto il momento di tirare le somme. Grossa delusione sono stati i film Giapponesi, ormai dediti solo a rincorrere gli americani sul terreno del blockbuster, le uniche cose meritevoli che ho visto sono state Memories of Matsuko e il Pinku Eiga The uncle’s paradise.

La nostra esperienza al Feff9 è ormai definitivamente conclusa ed è venuto il momento di tirare le somme.

Grossa delusione sono stati i film Giapponesi, ormai dediti solo a rincorrere gli americani sul terreno del blockbuster, le uniche cose meritevoli che ho visto sono state Memories of Matsuko e il Pinku Eiga The uncle’s paradise.

I film più belli rimangono ancora gli hongkongesi e i sudcoreani, malgrado la crisi industriale del cienema della città cantonese e quella creativa del cinema coreano si dimostrano tutt’ora capaci di portare sullo schermo film del calibro di Eye in the sky, Dog bite dog, The Host e A Dirty Carnival.

Ma i più interessanti, anche fra quelli meno riusciti, sono stati per me i film dalla Cina Popolare: sarà anche vero che tendono a ripetersi nelle tematiche e nelle forme e che sono lenti e severi, ma la distanza che mettono fra i soggetti e lo spettatore è un continuo spazio per la riflessione e l’osservazione, e cosa ancora più importante è che si sente viva la voglia, la necessità di comunicare di queste pellicole.

One summer with you è il film che probabilmente mi sentirei di giudicare come il migliore dell’intero festival.

Ci saremmo aspettati qualcosina di meglio dalla Tailandia.

Parte 1, Parte 2, Parte 3, Parte 4, Parte 5, Parte 6, Parte 7

Ultime notizie su Film Orientali

Tutto su Film Orientali →