Film 2016-2017: Anne Hathaway per Colossal di Nacho Vigalondo - Laura Dern in The Founder

Scaled Image

- The Founder: Laura Dern affiancherà Michael Keaton in The Founder, biopic sul creatore di McDonald. Diretto da John Lee Hancock , il film racconterà la storia di due semplici fratelli, Richard e Maurice "Mac" McDonald, e di come riuscirono a creare la più celebre catena internazionale di fast food al mondo, con 68 milioni di clienti al giorno. Hancock rimetterà mano ad uno script firmato Robert Siegel , con la FilmNation in cabina di produzione. La Dern sarà Ethel, prima moglie di Ray Kroc, ovvero colui che nel 1955 diede una svolta all'azienda fondando la "McDonald's Systems, Inc. Tom Hanks era stato precedentemente avvicinato per il ruolo di Ray. L'uscita in sala: 25 Novembre 2016.

- Colossal: Anne Hathaway sarà la star di Colossal, nuovo film del regista di culto Nacho Vigalondo (Timecrimes, Open Windows). Il film, che è stato descritto come 'Godzilla che incontra Lost in Translation', vedrà l'attrice premio Oscar nei panni di Gloria, donna comune che dopo aver perso il lavoro e il fidanzato decide di lasciare la sua vita a New York per tornare nella sua città natale. Ma quando le giungono notizie che una lucertolona gigante sta distruggendo la città di Tokyo Gloria capisce di essere stranamente collegata a questi eventi grazie al potere della sua mente. Onde evitare ulteriore distruzione, Gloria deve capire il perché la sua esistenza apparentemente insignificante abbia un effetto tanto colossale sul destino del mondo. Vigalondo ha definito la sua ultima fatica come la più 'personale' e 'ambiziosa'.

- The Circle - Il Cerchio: Alicia Vikander, star di Ex Machina, affiancherà Tom Hanks in The Circle, tratto dall'omonimo romanzo di Dave Eggers (Ologramma per il re, altro suo romanzo, sarà film sempre con Tom Hanks). Via alle riprese ad agosto, in California. Scritta e diretta da James Ponsoldt (The Spectacular Now), la pellicola sarà prodotta dallo stesso Hanks con la sua Playtone. Alicia sarà la protagonista indiscussa del film, ovvero Mae Holland, sconvolta una volta fatto l'ingresso al Cerchio. Mai avrebbe pensato di lavorare in un posto simile: la più influente azienda al mondo nella gestione di informazioni web, un asteroide lanciato nel futuro e pronto a imbarcare migliaia di giovani menti. Mae adora tutto del Cerchio: gli open space avveniristici, le palestre e le piscine distribuite ai piani, la zona riposo con i materassi per chi si trovasse a passare la notte al lavoro, i tavoli da ping pong per scaricare la tensione, le feste organizzate, perfino l'acquario con rarissimi pesci tropicali. Pur di far parte della comunità di eletti del Cerchio, Mae non esita ad acconsentire alla richiesta di rinunciare alla propria privacy per un regime di trasparenza assoluta. "Se non sei trasparente, cos'hai da nascondere?" è uno dei motti aziendali. Cioè, condividere sul web qualsiasi esperienza personale, trasmettere in streaming la propria vita. Nessun problema per Mae, tanto la vita fuori dal Cerchio non è che un miraggio sfocato e privo di fascino. Perlomeno fino a quando un ex collega non la fa riflettere: il progetto di usare i social network per creare un mondo più sano e più sicuro è davvero privo di conseguenze o rende gli esseri umani più esposti e fragili, alla fine più manipolabili? Se crolla la barriera tra pubblico e privato, non crolla forse anche la barriera che ci protegge dai totalitarismi?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail