Fuck You Prof: nuove clip in italiano della commedia tedesca campione d'incassi

Fuck You Prof: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sulla commedia tedesca campione d'incassi nei cinema italiani dal 15 ottobre 2015.

 

Aggiornamento di Pietro Ferraro

Il prossimo 15 ottobre approda nei cinema italiani la commedia tedesca Fuck You, Prof! (Fack ju Göhte) e nell'attesa vi proponiamo 3 nuove clip in italiano con scene tratte dal film diretto da Bora Dagketin e interpretato da Elyas M'Barek nei panni di un ex galeotto che si finge insegnante alla scopo di recuperare il bottino di un furto, refurtiva finita sepolta per errore dove è stata edificata una scuola superiore.

Il regista ha affermato di aver scritto il personaggio di Zeki Müller, il protagonista del film, proprio per Elyas M'Barek, e mai casting fu più apprezzato visto che Fuck You Prof! ha ottenuto un consenso di pubblico in Germania sbalorditivo: sei milioni di biglietti dalla sua uscita, guadagnando più di 60 milioni di euro al box office e battendo nel primo weekend di uscita un kolossal come Lo Hobbit - La desolazione di Smaug di Peter Jackson.

Visto l'enorme successo del film Bora Dagtekin e tutto il resto della troupe di Fuck You, Prof!, hanno realizzato il sequel del film che uscito il 10 settembre 2015 in Germania ha nuovamente sbancato i botteghini tedeschi con un’altra avventura esilarante del Professor Zeki Müller (Elyas M’Barek) e della sua ‘collega’ Lisi Schnabelstedt (KarolineHerfurth). Insieme ai ‘terribili’ studenti della “Scuola Superiore Goethe”, questa volta i due insegnanti faranno anche una puntatina in Thailandia.

 

Clip - Porta in faccia:

Clip - La scuola uccide:

 

Fuck You Prof: prima clip in italiano della commedia campione d'incassi in Germania


Aggiornamento di Pietro Ferraro

Il prossimo 15 ottobre approda nei cinema italiani Fuck You Prof!, una commedia tedesca che ha fatto faville in patria incassando la bellezza di 60 milioni di euro.

Camimovie Productions e Medusa hanno reso disponibile una prima clip in italiano del film che racconta di un ex detenuto che per recuperare una preziosa refurtiva, seppellita per errore sotto una scuola superiore, si finge insegnante per recuperarla e nel frattempo scatena una battaglia contro gli studenti che lo prendono di mira come si può vedere in questa prima scena del film.

Bisogna ammettere che il trailer è piuttosto divertente come l'idea dell'ex detenuto improvvisatosi professore, un escamotage comico utilizzato di frequente come ad esempio in Non siamo angeli con Robert De Niro e Sean Penn e più di recente nella commedia francese Il missionario, in entrambi i casi gli ex galeotti si fingevano preti.

 

Fuck You Prof: trailer italiano della commedia campione d'incassi in Germania


Aggiornamento di Pietro Ferraro

Arriva anche in Italia il prossimo 15 ottobre Fuck You Prof!, la commedia che in Germania ha incassato oltre 60 milioni di euro superando anche i più popolari blockbuster americani.

Il film è diretto da Bora Dagketin e vede protagonista Elyas M'Barek nei panni di Zeki, criminale ed ex galeotto che per recuperare una preziosa refurtiva si finge un professore di scuola superiore, dando il via ad una erie di spassose gag quando entra in conflitto con gli alunni della sua classe.

Tra i crediti dell'attore tedesco Elyas M'Barek ricordiamo ruoli nelle serie tv Squadra Speciale Cobra 11 e Kebab for Breakfast e nei film L'onda e Shadowhunters - Città di ossa.

Il cast è completato da Karoline Herfurth, Katja Riemann, Alwara Höfels, Jana Pallaske, Uschi Glas, Anna Lena Klenke, Max von der Groeben, Jella Haase, Aram Arami, Gizem Emre, Farid Bang, Laura Osswald.

La trama ufficiale:

Qualcuno ha deciso di costruire una palestra scolastica proprio nel punto in cui Charlie (Jana Pallaske) aveva nascosto i soldi rubati dell’amico Zeki Müller (Elyas M’Barek), appena uscito dal carcere. L’ex-galeotto non ha altra scelta se non quella di fingersi un insegnante presso la “Scuola Superiore Goethe”. Di giorno lavora come supplente e di notte scava di nascosto alla ricerca del suo bottino. I suoi drastici e stravaganti metodi per rimettere in riga gli irrequieti studenti della 10B – che alla fine si riveleranno vincenti – si scontrano con quelli docili ed ortodossi della collega Lisi Schnabelstedt (Karoline Herfurth), creando divertenti siparietti fra i due che finiranno con l’innamorarsi l’uno dell’altro. Ma quando la brava e timida Lisi scoprirà la verità sul passato di Zeki…

 

fuck-you-prof-trailer-italiano-e-poster-della-commedia-campione-dincassi-in-germania.jpg

 

'Fuck You, Prof!', ad ottobre nei cinema d'Italia la commedia campione d'incassi in Germania


Uscirà il 1° ottobre nei cinema d'Italia 'Fuck You, Prof!', commedia campione d'incassi in Germania. Diretto da Bora Dagtekin, ideatore della serie tv Mtv Kebab for Breakfast, il film ha staccato oltre sei milioni di biglietti in patria, incassando più di 60 milioni di euro. Un fenomeno che ha visto cadere persino Lo Hobbit - La desolazione di Smaug di Peter Jackson, sconfitto quando 'Fuck You, Prof!' è diventato realtà.

Un divertente ritratto della scuola di oggi, quello ideato da Dagtekin, rappresentata da Elyas M’Barek nei panni del “professore abusivo” Zeki Müller e dalla sua vivace classe. Ricco di sfumature tonali, il film passa con naturalezza da un genere all’altro, abbracciando in un primo momento il paukerfilm (il classico teen movie americano) per poi virare verso una comicità in bilico fra il demenziale ed il grottesco – a tratti anche piuttosto “sboccata” – e cambiare nuovamente rotta sul finale verso un genere più sentimentale. L’immancabile love story, così come l’happy end, però, non distolgono l’attenzione dalla tematica centrale che è quella sul rapporto fra studenti ed insegnanti.

3_fyp_karolineherfurtheelyasmbarek.jpg

La pellicola sbarcherà nel Bel Paese quasi due anni dopo l'uscita tedesca, con distribuzione Camimovie in partnership con Medusa, che provano a sottolineare un'assonanza tra la pellicola e la tanto chiacchierata 'Buona Scuola' voluta dal Governo Renzi. Uno dei punti cruciali del ddl, infatti, è quello di un preside con maggior potere esecutivo, con la possibilità di assumere gli insegnanti a chiamata diretta con contratti di tre anni (rinnovabili), premiando i più meritevoli. In fondo, è un po’ quello che succede in Fuck You, Prof! con la bravissima Katja Riemann nei panni della direttrice Gudrun, che gestisce l’Istituto come una vera e propria manager. Infatti, è lei a decidere quali professori possono rimanere e quali se ne devono andare, deve far quadrare i conti e rientrare tra le migliori scuole della nazione, dato che è attraverso il ‘merito’ che vengono assegnati i sussidi dallo Stato. Su questo e tanti altri punti il sistema scolastico tedesco assomiglia molto a quello prospettato dalla nuova riforma, che entrerà in vigore nel nostro Paese dal 2016. Nel film di Bora Dagtekin, la Goethe Gesamtschule deve fare i conti con una classe che abbassa notevolmente la media dell’intera scuola. Sarà proprio un ex criminale a cambiare l’atteggiamento di questi studenti “sbandati”, facendogli comprendere appieno l’importanza dello studio al fine di crearsi un futuro dignitoso.

Qualcuno ha infatti deciso di costruire una palestra scolastica proprio nel punto in cui Charlie (Jana Pallaske) aveva nascosto i soldi rubati dell’amico Zeki Müller (Elyas M’Barek), appena uscito dal carcere. L’ex-galeotto non ha altra scelta se non quella di fingersi un insegnante presso la “Scuola Superiore Goethe”. Di giorno lavora come supplente e di notte scava di nascosto alla ricerca del suo bottino. I suoi drastici e stravaganti metodi per rimettere in riga gli irrequieti studenti della 10B – che alla fine si riveleranno vincenti – si scontrano con quelli docili ed ortodossi della collega Lisi Schnabelstedt (Karoline Herfurth), creando divertenti siparietti fra i due che finiranno con l’innamorarsi l’uno dell’altro. Ma quando la brava e timida Lisi scoprirà la verità sul passato di Zeki…

Bora Dagtekin e tutto il resto della troupe di Fuck You, Prof! sono attualmente impegnati nel progettare il sequel del film.

  • shares
  • Mail