I Goonies: la casa del film chiusa al pubblico

La donna che possiede la casa del film 'I Goonies' ha vietato l'accesso a turisti e curiosi.

Immaginate migliaia di persone in piedi nel vostro giardino ogni giorno per anni e anni, per questo inarrestabile "pellegrinaggio" la casa del film I Goonies, in cui vivevano Mikey (Sean Astin) e suo fratello maggiore Brandon (Josh Brolin), è stata chiusa al pubblico dalla proprietaria, una donna di Astoria in Oregon.

La casa, che una volta era una destinazione turistica molto popolare e il sito di una convention annuale dedicata al film I Goonies che ospitava reunion del cast, è stata chiusa al pubblico dopo che la proprietaria è entrata in conflitto con alcune delle persone che la visitano ogni singolo giorno. La zona più popolare della casa è il recinto anteriore, dove "Mouth" (Corey Feldman) costringe Chunk (Jeff Cohen) ad esibirsi nella famigerata danza del ventre nota negli States come "The Truffle Shuffle".

Prima che fosse chiusa al pubblico, la casa attirava oltre 1.500 visitatori al giorno, che facevano tappa nella piccola città costiera di Astoria per vedere la location. Le cose sono precipitate quest'anno con I Goonies che ha celebrato il suo 30° anniversario e con l'interesse che è salito alle stelle soprattutto grazie alla notizia che si sta sviluppando il sequel Goonies 2.

La proprietaria sino ad ora non aveva avuto problemi con la gente di passaggio giunta sul posto per dare una rapida occhiata alla casa e amava la nostalgia anni '80 che si prova vivendo nella proprietà, ma bottiglie di birra e mozziconi di sigarette che hanno cominciato a sporcare l'esterno della casa e le persone che portavano i loro cani in cortile, con urina e feci lasciate in giro, sono state la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La donna, che vive ancora all'interno della casa, ha coperto la parte anteriore della proprietà con un telo blu. Ha anche messo un cartello nel cortile anteriore che intima la gente a lasciare la proprietà. Su un cartello si legge "Accesso chiuso alla casa dei Goonies", mentre il cartello successivo è un po' più esplicito:

Immaginate di acquistare una casa, la riparate, ci spendete soldi, tempo e amore. Poi la città di Astoria incoraggia 100.000 persone a vederla e a sostarci di fronte. Questo vialetto di accesso (gestito dai proprietari di casa) vede più di 1.000 persone ogni giorno. La maggior parte sono divertenti e benvenute, ma molte non lo sono.

Il consigliere comunale di Astoria è rimasto sorpreso della chiusura dell'attrazione turistica, un evento mai accaduto prima. Non è chiaro se la chiusura della casa ai turisti sia qualcosa di definitivo o meno. I Goonies 2 è ancora in fase di sviluppo, con lo sceneggiatore originale Chris Columbus che il mese scorso ha assicurato tutti che il progetto è vivo e vegeto. Sembra probabile che il sequel vorrà almeno utilizzare la casa originale per la cui salvezza i Goonies hanno combattuto così duramente. Forse il proprietario permetterà che ciò accada, ma forse no, in quanto questo potrebbe voler dire ancora una volta aprire il cancello ad una marea di turisti desiderosi di vedere dove Chunk ha fatto la sua famigerara "danza del ventre".

 

i-goonies-la-casa-del-film-chiusa-al-pubblico-dal-proprietario-arrabbiato.jpg

 

Fonte: Movieweb / Independent UK

  • shares
  • Mail