Southpaw - L'ultima sfida: le recensioni Americane

I pareri dei critici sul film "Southpaw - L'ultima sfida" di Antoine Fuqua

E' uscito il 2 settembre scorso "Southpaw - L'ultima sfida" diretto da Antoine Fuqua e interpretato da Jake Gyllenhaal, Rachel McAdams, Rita Ora, Naomie Harris, Forest Whitaker, 50 Cent, Clare Foley, Beau Knapp, Victor Ortiz, Miguel Gomez, Skylan Brooks. Dopo la nostra recensione, vediamo insieme i pareri dei critici Americani. Su RottenTomatoes, mentre scrivo, il film ha raccolto il 60% di voti positivi. Entriamo nel dettaglio.

Richard Brody - New Yorker: Il minimo di piacere consegnato da "Southpaw" arriva grazie al cast, che lotta coraggiosamente e energicamente con un testo irrimediabilmente blando e la regia impersonale.

James Berardinelli - ReelViews: Southpaw non si accontenta di presentare una galleria di personaggi cliché. Ci vuole il tempo per mettere carne sulle ossa. Voto: 3/4

Andrew O'Hehir - Salon.com: "Southpaw" è un risultato eccezionale di tradizionale mestiere del cinema, una partita quasi perfetta di regista, materiale e star.

Tom Long - Detroit News: è Jake Gyllenhaal - fisicamente feroce e teneramente derelitto - che vende il film, mettendo sia la bestia che il battito cardiaco nello schermo. Voto: B

Wesley Morris - Grantland: Il problema è che Gyllenhaal è al servizio di un materiale debole, quindi si nota lo sforzo.

Brad Wheeler - Globe and Mail: Il melodramma è scomodamente elevato e la trama è manipolativo. Voto: 2/4

Elaine Teng - The New Republic: Il film è impostato come una storia di riscatto semplice, ma ciò che rende Southpaw interessante è la complessità del personaggio di Hope - grazie alle prestazioni eccezionali di Gyllenhaal.

Kenneth Turan - Los Angeles Times: "Southpaw" è la prova di peso del congegno, ma c'è un limite a quello che può fare.

Steven Rea - Philadelphia Inquirer: la performance di Jake Gyllenhaal è feroce e muscolare, dentro e fuori dal ring. Voto: 3/4

Joe Morgenstern - Wall Street Journal: è una vittoria per il signor Gyllenhaal, mentre il film perde i suoi luoghi comuni.

Colin Covert - Minneapolis Star Tribune: Gyllenhaal è straordinariamente muscoloso, ma non fornisce alcuna prestazione ad eliminazione diretta. Il suo lavoro si trascina come 12 giri di scazzottata stanchezza. Voto: 1/4

Peter Howell - Toronto Star: Questo non è grande cinema, ma è soddisfacente. Voto: 2.5 / 4

Soren Anderson - Seattle Times: "Southpaw" è redento dalla performance dei suoi due attori principali, Jake Gyllenhaal e Forest Whitaker. Voto: 2.5 / 4

Mick LaSalle - San Francisco Chronicle: "Southpaw" va oltre le specifiche della boxe e diventa una storia universale di tragedia e di dolore. Voto: 4/4


  • shares
  • Mail