E' morto Franco Interlenghi

E' scomparso a 83 anni l'attore Franco Interlenghi volto del Neorealismo e protagonista di "Sciuscià".

E' morto stamane nella sua casa di Ponte Milvio l'attore romano Franco Interlenghi, aveva 83 anni. A dare la triste notizia la figlia Antonellina nata dal matrimonio dell'attore con l'attrice Antonella Lualdi conosciuta nel 1953 sul set del film Canzoni, canzoni, canzoni. Interlenghi lascia anche una seconda figlia, Stella anche quest'ultima attrice come la sorella Antonellina.

Nato a Roma nel 1931 Interlenghi debutta a quindici anni nel classico neorealista Sciuscià (1943) di Vittorio De Sica. Una carriera qulla dell'attore romano costellata da collaborazioni con grandi registi tra cui Michelangelo Antonioni, Federico Fellini e Luchino Visconti che lo dirigerà in teatro in un allestimento di "Morte di un commesso viaggiatore".

Interlenghi è uno dei molti volti lanciati dal Neorealismo, un volto preso dalla strada e dalla recitazione genuina, un ragazzino come tanti che un bel giorno con alcuni compagni di giochi si reca a Cinecittà per rimediare qualche soldo come comparsa e in quell'occasione ci sarà l'incontro con Vittorio De Sica che non gli regalerà solo un ruolo nel capolavoro Sciuscià premiato con un Oscar, ma anche l'altro amore della sua vita oltre alla famiglia, la recitazione e una carriera fatta di passione che lo vedrà dividersi tra cinema e teatro.

La faccia pulita di Franco Interlenghi ne fece un volto amato per un cinema del Dopoguerra in cerca di talenti non costruiti, in cui lo spettatore potesse riconoscersi e così per Interlenghi inizia una carriera nel cinema che lo porterà a recitare in oltre 70 film tra cui ricordiamo Fabiola (1949) di Alessandro Blasetti, secondo ruolo che arriva tre anni dopo l'esordio con De Sica; sarà anche nel classico Don Camillo (1952) primo film della fortunata serie cinematografica con Fernandel e Gino Cervi, farà tappa al Festival di Cannes nel 1953 con La provinciale, dramma di Mario Soldati tratto da Moravia e interpretato con Gina Lollobrigida e lo stesso anno sarà il mite Moraldo nel classico I vitelloni di Federico Fellini (1953), uno dei suoi ruoli più amati e conosciuti dal grande pubblico insieme a quello in Sciuscià.

Interlenghi si dimostrerà un attore affidabile e capace di caratterizzare e dar risalto a ruoli di secondo piano. Gli anni '50 lo vedono recitare in diverse commedie, è il giornalista Alberto al fianco di Totò nello spassoso Totò, Peppino e i fuorilegge (1956) e recita anche per Mario Monicelli (Padri e figli, 1957) e Mauro Bolognini (Giovani Mariti, 1958). Dopo un piccolo ruolo non accreditato in Il generale della Rovere (1959) di Roberto Rossellini, dove Interlenghi ritroverà Vittorio De Sica, Rossellini lo chiamerà ancora per Viva l'Italia! (1961) dove l'attore vestirà i panni del garibaldino Giuseppe Bandi.

Gli anni '70 includono ruoli in film di genere in gran voga in quegli anni, Interlenghi recita nel poliziesco La polizia interviene: ordine di uccidere! (1975) di Giuseppe Rosati e nel western Amore, piombo e furore (1978) di Monte Hellman.

Gli anni '80 si aprono con un ruolo in Miranda (1985) film erotico diretto dal regista Tinto Brass e primo ruolo da protagonista per Serena Grandi e proseguono con il ruolo di Don Saverio nel dramma Il camorrista di Giuseppe Tornatore (1986) e di Mastro Giacomo nella commedia L'avaro (1990) con Alberto Sordi.

Nel 1992 Interlenghi viene diretto dal collega Michele Placido in Le amiche del cuore, Placido e Interlenghi torneranno a collaborare nel 2005 per Romanzo Criminale in cui Interlegni interpreta il Barone Rossellini. Nel 2007 l'attore è Nonno Luigi nel sequel Notte prima degli esami - Oggi (2007) di Fausto Brizzi. L'ultimo ruolo cinematografico di Interlenghi risale al 2010 nel film La bella società, dramma con Raoul Bova, Maria Grazia Cucinotta, Giancarlo Giannini ed Enrico Lo Verso.

 

Filmografia


e-morto-franco-interlenghi-2.jpg

Sciuscià, regia di Vittorio De Sica (1946)
Fabiola, regia di Alessandro Blasetti (1949)
Domenica d'agosto, regia di Luciano Emmer (1949)
Teresa, regia di Fred Zinnemann (1951) (non accreditato)
Parigi è sempre Parigi, regia di Luciano Emmer (1951)
Processo alla città, regia di Luigi Zampa (1952)
Canzoni di mezzo secolo, regia di Domenico Paolella (1952)
Giovinezza, regia di Giorgio Pastina (1952)
Don Lorenzo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1952)
Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1952)
Ergastolo, regia di Luigi Capuano (1952)
Il mondo le condanna, regia di Gianni Franciolini (1952)
The Story of William Tell (1953)
Gli eroi della domenica, regia di .Mario Camerini (1953)
Canzoni, canzoni, canzoni, regia di Domenico Paolella (1953)
La provinciale, regia di Mario Soldati (1953)
Riscatto, regia di Marino Girolami (1953)
I vitelloni, regia di Federico Fellini (1953)
I vinti, regia di Michelangelo Antonioni (1953)
Cento anni d'amore, regia di Lionello De Felice (1954) (episodio "Garibaldina")
Gli amori di Manon Lescaut, regia di Mario Costa (1954)
Amori di mezzo secolo, regia di Glauco Pellegrini (1954) (episodio "L'amore romantico")
La contessa scalza, regia di Joseph L. Mankiewicz (1954)
Ulisse, regia di Mario Camerini (1954) - nel film è doppiato da Gianfranco Bellini
Le due orfanelle, regia di Giacomo Gentilomo (1954)
Non c'è amore più grande, regia di Giorgio Bianchi (1955)
Gli innamorati, regia di Mauro Bolognini (1955)
Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
Altair, regia di Leonardo De Mitri (1956)
I giorni più belli, regia di Mario Mattoli (1956)
Il cielo brucia, regia di Giuseppe Masini (1957)
La cenicienta y Ernesto (1957)
Padri e figli, regia di Mario Monicelli (1957)
Addio alle armi, regia di Charles Vidor (1957)
Giovani mariti, regia di Mauro Bolognini (1958)
La ragazza del peccato, regia di Claude Autant-Lara (1958)
Polikuska, regia di Carmine Gallone (1958)
Educande al tabarin, regia di Maurice Regamey (1959)
Sangue sull'asfalto, regia di Bernard Borderie (1959)
Il generale Della Rovere, regia di Roberto Rossellini (1959) (non accreditato)
La notte brava, regia di Mauro Bolognini (1959)
Match contro la morte, regia di Claude Bernrd-Aubert (1959)
Le svedesi, regia di Gian Luigi Polidoro (1960)
Viva l'Italia!, regia di Roberto Rossellini (1961)
Cronache del '22, regia di Francesco Cinieri (1961)
Una notte per cinque rapine, regia di Alain Cavalier (1967)
La colonna di Traiano, Mircea Gragan (1968)
Pianeta Venere, regia di Elda Tattoli (1974)
La polizia interviene: ordine di uccidere!, regia di Giuseppe Rosati (1975)
Amore, piombo e furore (1978)
Miranda, regia di Tinto Brass (1985)
Juke box (1985)
Il camorrista, regia di Giuseppe Tornatore (1986)
Pummarò (1990)
L'avaro (1990)
Gli assassini vanno in coppia (1990)
Le amiche del cuore (1992)
Copenhagen fox-trot (1993)
18.000 giorni fa (1993) (non accreditato)
Torta di mele (1993)
Antelope Cobbler (1993)
L'orso di peluche (1994)
Le roi de Paris (1995)
Marciando nel buio (1996)
Mi fai un favore (1996)
La rumbera (1998)
Il conte di Melissa (2000)
Una lunga, lunga, lunga notte d'amore (2001)
The Accidental Detective (2003)
Tosca e altre due (2003)
Romanzo criminale (2005)
Notte prima degli esami - Oggi (2007)
Io, Don Giovanni (2009)
La bella società (2010)

Il teatro

Rosalinda o come vi piace , di William Shakespeare, con Nerio Bernardi, Cesare Fantoni, Carlo Tamberlani, Gabriele Ferzetti, Vittorio Gassman, Ruggero Ruggeri, Luciano Salce, Luciano Mondolfo, Ferruccio Amendola, Paolo Stoppa, Luigi Almirante, Franco Interlenghi, Rina Morelli, Vivi Gioi, Luisa Rossi, Compagnia italiana di Prosa diretta da Luchino Visconti, Teatro Eliseo di Roma 25 novembre 1948.
Morte di un commesso viaggiatore , di Arthur Miller, con Luisa Rossi, Carla Bizzarri, Nino Utili, Gianni Lazzotti, Carlo Lazzotti, Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Vivi Gioi, Rina Morelli, Mario Danieli, Luciano Mondolfo, Franco Interlenghi, Anna Maestri, Cesare Fantoni, Compagnia italiana di Prosa diretta da Luchino Visconti, Teatro Eliseo di Roma 21 gennaio 1949.
Troilo e Cressidra, di William Shakespeare, con Vittorio Gassman, Giorgio De Lullo, Piero Carnabuci, Carlo Ninchi, Gianni Lotti, Bruno Zarotti, Mario Pisu, Ferruccio Stagni, Aristide Baghetti, Paolo Stoppa, Nerio Bernardi, Giovanni Cimara, Franco Interlenghi, Renzo Ricci, Massimo Girotti, Sergio Tofano, Gualtiero Tumiati, Marcello Mastroianni, Memo Benassi, Giorgio Albertazzi, Rina Morelli, regia di Luchino Visconti, Firenze Giardino di Boboli 21 giugno 1949,
Storia di Pablo , di Sergio Velitti, con Angelo Corti, Ottavio Fanfani, Gabriella Giacobbe, Franco Interlenghi, Relda Ridoni, Luisa Rossi, Vittorio Sanipoli, Franco Sportelli, Enzo Tarascio, regia di Virginio Puecher, Piccolo Teatro di Milano, 20 marzo 1961.

Televisione

Canne al vento (1958) Film TV
Una coccarda per il re (1970) Film TV
Addavenì quel giorno e quella sera (1979) Miniserie TV
Un inverno al mare (1982) Miniserie TV
De bien étranges affaires (1 episodio, 1982)
Giovanni, da una madre all'altra (1983) Miniserie TV
Opération O.P.E.N. (1 episodio, 1984)
Un uomo in trappola (1985) Serie TV
Un bambino di nome Gesù (1987) Miniserie TV
Les dossiers secrets de l'inspecteur Lavardin (1 episodio, 1989)
Donne armate (1990) Film TV
...Se non avessi l'amore (1991) Film TV
Il coraggio di Anna (1992) Miniserie TV
Blinde Augen klagen an (1996) Film TV
Racket (1997) Miniserie TV
Il maresciallo Rocca (1 episodio, 1998)
Tre addii (1999) Miniserie TV
Padre Pio - Tra cielo e terra (2000) Film TV
On n'a qu'une vie (2000) Film TV
Gli amici di Gesù - Giuseppe di Nazareth (2000) Film TV
Papa Giovanni - Ioannes XXIII (2002) Film TV
Don Matteo (1 episodio, 2004)
Diritto di difesa (1 episodio, 2004)
Papa Luciani: Il sorriso di Dio (2006) Miniserie TV

Fonte: Wikipedia

  • shares
  • Mail