Star Wars 7: Mark Hamill e l'incidente sul set in cui ha rischiato la vita

Mark Hamill è quasi morto girando "Star Wars: Episodio VII".

Mark Hamill è arrivato sul set di Star Wars: Episodio VIII. Il film si sta girando in Irlanda sulla famosa isola di Skellig Michael, che ha già causato qualche problema a causa dell'asperità della location. Anche se le riprese sono state ritardate all'inizio della settimana a causa del maltempo, le produzione continuerà per tutto il mese di settembre. La location è stata ostile anche in passato ed è quasi costata la vita dell'attore Mark Hamill noto come Luke Skywalker.

Con l'avvio della produzione di Star Wars: Episodio VIII è emersa anche la notizia che Skellig Michael ha quasi ucciso Mark Hamill durante le prime riprese per Star Wars: Il risveglio della Forza, l'attore si è salvato da una caduta pericolosa su quest'isola situata al largo della costa irlandese nella Contea di Kerry. Lo stesso sito è costato la vita ad alcuni turisti negli ultimi anni e se non fosse stato per i riflessi di una guida, il più potente Jedi del mondo non esisterebbe più e questa nuova trilogia avrebbe preso una tragica e sconvolgente svolta.

Mark Hamill, che ha 63 anni, era impegnato in una insidiosa e ripida salita su Skellig Michael quando il terreno sotto i suoi piedi ha ceduto con l'attore che è scivolato e caduto. Una guida assegnata al gruppo è stata veloce a reagire, notando che che Mark Hamill stava per precipitare nel vuoto. Un qualsiasi spettatore che avrebbe assistito a quella scena in tempo reale avrebbe pensato che Mark Hamill era spacciato, ma per fortuna non è stato così anche se la paura per tutti i presenti ha fatto novanta.

Star Wars: Il risveglio della Forza ha dovuto ottenere un permesso speciale per girare a Skellig Micahel. Si tratta di un patrimonio mondiale dell'UNESCO che si trova a 180 metri di altezza con circa 600 ripidi scalini in pietra da percorrere che portano ad un monastero del 6° secolo. Il paesaggio è descritto come un territorio che non perdona da parte di coloro che vivono nella zona.

Ora che sappiamo che Mark Hamill è sopravvissuto, la parte più triste di questa storia è che non potremmo vedere Mark Hamill in persona impegnarsi in un duello poiché, vista l'età dell'attore, l'ausilio di una controfigura supportata da CG e motion capture sembra divenuta cosa indispensabile. Quelli che come noi hanno seguito passo passo le riprese di Star Wars: Il risveglio della Forza sanno che questo non è stato l'unico incidente accaduto sul set. E' stato ampiamente riportato che a Harrison Ford si è chiusa una porta idraulica del Millennium Falcon sulla gamba, lesionandogli la caviglia e mettendolo fuori uso per un paio di settimane. Nello stesso incidente il regista J.J. Abrams si è lesionato una vertebre della schiena cercando di sollevare il portellone per liberare Han Solo. Il regista ha dovuto passare il resto delle riprese indossando un busto ortopedico.

Mark Hamill è tornato sul set di Skellig Michael ieri mattina, per girare le prime scene di Star Wars: Episodio VIII, sotto la direzione di Rian Johnson. Alla produzione è consentito di girare solo per il mese di settembre, questo ha costretto lo studio ad iniziare le riprese del sequel prima del previsto. In questo momento solo le scene di Skellig Michael verranno girate con il resto del film che sarà girato in una seconda fase di riprese fissate all'anno prossimo.

 

star-wars-7-mark-hamill-e-lincidente-sul-set-in-cui-ha-rischiato-la-vita.jpg

 

Fonte: The Sunday Times / Movieweb

  • shares
  • Mail