• Film

Collateral Beauty con Will Smith, abbandona Alfonso Gomez-Rejon

Will Smith avrà bisogno di un nuovo regista. Il lanciatissimo Alfonso Gomez-Rejon ha salutato Collateral Beauty

Un film nato male, inutile girarci attorno, questo Collateral Beauty. Inizialmente avvicinato ai volti di Huhgh Jackman e Rooney Mara, la pellicola New Line ha perso sia il divo X-Men che l’ex Lisbeth Salander, recuperando terreno grazie all’ingresso nel cast di Will Smith, chiamato a sostituire il divo australiano. Peccato che la regia, inizialmente affidata al lanciatissimo Alfonso Gomez-Rejon, regista del premiato e acclamato Me and Earl and the Dying Girl, sia tornata in alto mare a causa del suo addio alla baracca. Il motivo? Le solite divergenze creative con lo studios. Fonti vicine alla New Line parlano comunque di un sostituto trovato a tempo di record, in modo da dare l’imminente via alla produzione.

Protagonista della pellicola un dirigente pubblicitario costretto a dover superare una dolorosa tragedia personale. I suoi colleghi, per farlo uscire dal tunnel della depressione, elaboreranno un piano poco convenzionale per riuscire nell’impresa. Un piano che incredibilmente funziona, ma non nel modo che gli altri immaginavano.

Da scovare anche colei che andrà ad affiancare Smith, avendo perso per strada la Mara. Gomez-Rejon, invece, potrebbe subito imbarcarsi nella produzione di The Current War, titolo Weinstein con protagonisti Jake Gyllenhaal e Benedict Cumberbatch che avrebbe dovuto girare una volta terminate le riprese di Collateral Beauty. Ma avendo salutato il progetto, evidentemente, potrà ora completamente concentrarsi su questa pellicola storica ambientata nel 1880 e ispirata a fatti realmente accaduti, ovvero a quella ‘guerra’ della corrente (tra continua e alternata) che vide battersi Thomas Edison e la Westinghouse Electric.

Fonte: HollywoodReporter

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann