E' morto Gabriele Ferzetti: Il ricordo di Blogo

E'scomparso all'età di 90 anni Gabriele Ferzetti, attore di cinema e teatro.

È scomparso a 90 anni Gabriele Ferzetti, uno degli interpreti più amati del cinema e del teatro italiano.Tra le sue interpretazioni più celebri Le amiche e L’avventura di Michelangelo Antonioni, La lunga notte del ’43 di Florestano Vancini, C’era una volta il west di Sergio Leone e Il portiere di notte di Liliana Cavani.

Gabriele Ferzetti era un interprete vecchio stile, contenuto, elegante e sempre al servizio dei suoi personaggi a cui regalava sfumature del suo carattere con ritratti minimali ma incisivi, fascinosi e con una percettibile ambiguità di fondo, dal seduttore all'insicuro, dallo schietto al raffinato tutti contraddistinti da una sobrietà che divenne un marchio di fabbrica per l'attore.

Nato a Roma il 17 marzo 1925, Ferzetti scopre da subito una grande passione per la recitazione e come per molti attori inizia studiando arte drammatica e recitando in teatro. Il debutto al cinema arriva nel 1942, anno che lo vede appena diciassettenne conquistare un ruolo in La contessa di Castiglione di Flavio Calzavara. Seguirà il primo ruolo di rilievo che ne metterà in mostra le pecualiari qualità attoriali, è il marito tradito da Gina Lollobrigida in La provinciale  di Mario Soldati (1953).

Nel 1955 l'incontro sullo schermo con Michelangelo Antonioni, un'occasione per Ferzetti di dare una svolta alla sua carriera. Antonioni lo recluta per due film, Le amiche e L'avventura in cui incomunicabilità e insicurezza ne fanno un alter ego "altro" rispetto al cliché del maschio cinematografico italiano. I due ruoli per Antonioni lo mettono in mostra e la carriera di Ferzetti decolla con gli anni '60 che lo vedono interprete di oltre 100 pellicole, tra le quali ricordiamo La lunga notte del '43 (1960) di Florestano Vancini, A ciascuno il suo (1967) di Elio Petri, Grazie zia di Salvatore Samperi (1968) e Un bellissimo novembre (1969) di Mauro Bolognini. Nel 1968 interpreta il ruolo dell'industriale ferroviario Morton in C'era una volta il West di Sergio Leone e per lui ci sono anche ruoli in produzioni internazionali come La Bibbia (1966) di John Huston, Tre camere a Manhattan di Marcel Carné (1965) e il famigerato Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà di Peter Hunt (1969).

 

 

Gli anni '70 lo vedono chirurgo al fianco di Enrico Maria Salerno in Bisturi la mafia bianca (1973) di Luigi Zampa, sarà nel classico Il portiere di notte (1974) di Liliana Cavani e collaborerà con il regista di culto Lucio Fulci nel giallo a tinte horror Sette note in nero (1977). Gli anni '80 e '90 lo vedranno meno impegnato sul fronte cinematografico con in tutto poco più di una decina di pellicole interpretate che lo vedranno cardinale in Morte in Vaticano di Marcello Aliprandi (1982), nei panni del Duca di Venezia nell'Othello di Oliver Parker (1995) e boss nel poliziesco Il burattinaio di Ninì Grassia (1994).

Le ultime interpretazioni lo hanno visto recitare per Pasquale Squitieri in L'avvocato De Gregorio (2003), tenere a battesimo l'esordio alla regia di Franco Battiato con Perduto amor (2003) interpretare un giudice in Concorso di colpa di Claudio Fragasso (2005) e concludere la sua prolifica e intensa carriera cinematografica con ruoli nel dramma Io sono l'amore di Luca Guadagnino (2009) e nella commedia Diciotto anni dopo di Edoardo Leo (2010).

 

Filmografia


e-morto-gabriele-ferzetti-il-ricordo-di-blogo-1.jpg

Via delle Cinque Lune, regia di Luigi Chiarini (1942)
Bengasi, non accreditato, regia di Augusto Genina (1942)
La contessa Castiglione, regia di Flavio Calzavara (1942)
I miserabili, non accreditato, regia di Riccardo Freda (1948)
Rondini in volo, regia di Luigi Capuano (1949)
Vespro siciliano, regia di Giorgio Pàstina (1949)
Vertigine d'amore, regia di Luigi Capuano (1949)
Fabiola, regia di Alessandro Blasetti (1949)
Guglielmo Tell, regia di Giorgio Pàstina (1949)
I falsari, regia di Franco Rossi (1950)
Sigillo rosso, regia di Flavio Calzavara (1950)
Lo zappatore, regia di Rate Furlan (1950)
Benvenuto reverendo!, regia di Aldo Fabrizi (1950)
Barriera a Settentrione, regia di Luis Trenker (1950)
Core 'ngrato, regia di Guido Brignone (1951)
Gli amanti di Ravello, regia di Francesco De Robertis (1951)
Il Cristo proibito, regia di Curzio Malaparte (1951)
Inganno, regia di Guido Brignone (1952)
Tre storie proibite, regia di Augusto Genina (1952)
Il sole negli occhi, regia di Antonio Pietrangeli (1953)
Vestire gli ignudi, regia di Marcello Pagliero (1953)
La provinciale, regia di Mario Soldati (1953)
Puccini, regia di Carmine Gallone (1953)
Vergine moderna, regia di Marcello Pagliero (1954)
Camilla, regia di Luciano Emmer (1954)
Cento anni d'amore, regia di Lionello De Felice (1954) - epis. Gli ultimi dieci minuti
Casa Ricordi di Carmine Gallone (1954)
Il prezzo della gloria, regia di Antonio Musu (1955)
Le avventure di Giacomo Casanova, regia di Steno (1955)
Adriana Lecouvreur, regia di Guido Salvini (1955)
Le amiche, regia di Michelangelo Antonioni (1955)
Un po' di cielo, regia di Giorgio Moser (1955)
Donatella, regia di Mario Monicelli (1956)
Parola di ladro, regia di Nanni Loy e Gianni Puccini (1957)
Difendo il mio amore, regia di Giulio Macchi (1957)
Souvenir d'Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
Ballerina e Buon Dio, regia di Antonio Leonviola (1958)
Racconti d'estate, regia di Gianni Franciolini (1958)
Le insaziabili (Tant d'amour perdu), regia di Léo Joannon (1958)
Storie d'amore proibite (Le secret du chevalier d'Eon), regia di Jacqueline Audry (1959)
Tutti innamorati, regia di Giuseppe Orlandini (1959)
Annibale, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1959)
Labbra rosse, regia di Giuseppe Bennati (1960)
Il carro armato dell'8 settembre, regia di Gianni Puccini (1960)
La lunga notte del '43, regia di Florestano Vancini (1960)
Nata di marzo, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
L'avventura, regia di Michelangelo Antonioni (1960)
Femmine di lusso, regia di Giorgio Bianchi (1960)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
La monaca di Monza, regia di Carmine Gallone (1962)
Poker col diavolo (Rencontres), regia di Philippe Agostini (1962)
Congo vivo, regia di Giuseppe Bennati (1962)
Jessica (film), regia di Jean Negulesco (1962)
Il delitto non paga (Le crime ne paie mas), regia di Gérard Oury (1962)
L'amore impossibilie (La croix des vivants), regia di Ivan Govar (1962)
I Don Giovanni della Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1962)
La calda vita, regia di Florestano Vancini (1963)
Venere imperiale, regia di Jean Delannoy (1963)
Finché dura la tempesta (Beta Som), regia di Bruno Vailati e Charles Frend (1963)
Un tentativo sentimentale, regia di Massimo Franciosa e Pasquale Festa Campanile (1963)
Desideri d'estate, regia di Silvio Amadio (1964)
Mort, où est ta victoire?, regia di Hervé Bromberger (1964)
Crucero de verano, regia di Luis Lucia (1964)
Lo scippo, regia di Nando Cicero (1965)
Rapina al sole (Par un beau matin d'été), regia di Jacques Deray (1965)
Tre camere a Manhattan (Trois chambres à Manhattan), regia di Marcel Carné (1965)
L'arcidiavolo, regia di Ettore Scola (1966)
La Bibbia (The Bible: In the Beginning...), regia di John Huston (1966)
A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
I protagonisti, regia di Marcello Fondato (1968)
Grazie zia, regia di Salvatore Samperi (1968)
Calda e... infedele (Un diablo bajo la almohada), regia di José María Forqué (1968)
Escalation, regia di Roberto Faenza (1968)
Meglio vedova, regia di Duccio Tessari (1968)
L'età del malessere, regia di Giuliano Biagetti (1968)
Roma come Chicago, regia di Alberto De Martino (1968)
C'era una volta il West, regia di Sergio Leone (1968)
Gli intoccabili, regia di Giuliano Montaldo (1969)
Un bellissimo novembre, regia di Mauro Bolognini (1969)
Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà (On Her Majesty's Secret Service), regia di Peter Hunt (1969)
L'amica, regia di Alberto Lattuada (1969)
La confessione (L'aveu), regia di Costa-Gavras (1970)
New York-Parigi per una condanna a morte (Cannabis), regia di Pierre Koralnik (1970)
L'uomo dalle due ombre (De la part des copains), regia di Terence Young (1970)
Mendiants et orgueilleux, regia di Jacques Poitrenaud (1971)
Un'anguilla da 300 milioni, regia di Salvatore Samperi (1971)
Un uomo dalla pelle dura, regia di Franco Prosperi (1972)
Doppia coppia con Regina (Alta tension), regia di Julio Buchs (1972)
Sette cervelli per un colpo perfetto (Trois milliards sans ascenseur), regia di Roger Pigaut (1972)
Divorzia lui, divorzia lei (Divorce His, Divorce Hers), regia di Waris Hussein (1973)
Gli ultimi 10 giorni di Hitler (Hitler: The Last Ten Days), regia di Ennio De Concini (1973)
Bisturi la mafia bianca, regia di Luigi Zampa (1973)
Processo per direttissima, regia di Lucio De Caro (1974)
La prova d'amore, regia di Tiziano Longo (1974)
Appassionata, regia di Gianluigi Calderone (1974)
Fatevi vivi, la polizia non interverrà, regia di Giovanni Fago (1974)
Il portiere di notte, regia di Liliana Cavani (1974)
Corruzione al palazzo di giustizia, regia di Marcello Aliprandi (1974)
...a tutte le auto della polizia, regia di Mario Caiano (1975)
Assassinio sul ponte (Der Richter und sein Henker), regia di Maximilian Schell (1975)
La orca, regia di Eriprando Visconti (1976)
Gli amici di Nick Hezard, regia di Fernando Di Leo (1976)
Lezioni di violoncello con toccata e fuga, regia di Davide Montemurri (1976)
Le guêpier, regia di Roger Pigaut (1976)
Nina (A matter of time), regia di Vincente Minnelli (1976)
Oedipus orca, regia di Eriprando Visconti (1977)
Sette note in nero, regia di Lucio Fulci (1977)
L'uomo di Corleone, regia di Duilio Coletti (1977)
Suggestionata, regia di Alfredo Rizzo (1978)
CIA contro KGB (L'ordre et la sécurité du monde), regia di Claude d'Anna (1978)
Due volte donna (Mon premier amour), regia di Elie Chouraqui (1978)
Porci con la P 38, regia di Gianfranco Pagani (1979)
Anni struggenti, regia di Vittorio Sindoni (1979)
Incontro con gli umanoidi (Encuentro en el abismo), regia di Tonino Ricci (1979)
Linea di sangue (Bloodline), non accreditato, regia di Terence Young (1979)
Inchon, regia di Terence Young (1981)
Morte in Vaticano, regia di Marcello Aliprandi (1982)
Grog, regia di Francesco Laudadio (1982)
Quartetto Basileus, regia di Fabio Carpi (1983)
Giulia e Giulia, regia di Peter Del Monte (1987)
Computron 22, regia di Giuliano Carnimeo (1988)
Caldo soffocante, regia di Giovanna Gagliardo (1991)
Il burattinaio, regia di Nini Grassia (1994)
Othello, regia di Oliver Parker (1995)
Porzûs, regia di Renzo Martinelli (1997)
Con rabbia e con amore, regia di Alfredo Angeli (1997)
L'avvocato De Gregorio, regia di Pasquale Squitieri (2003)
Perduto amor, regia di Franco Battiato (2003)
Concorso di colpa, regia di Claudio Fragasso (2005)
Io sono l'amore, regia di Luca Guadagnino (2009)
Diciotto anni dopo, regia di Edoardo Leo (2010)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail