Franny: Natale al cinema con Richard Gere e il dramma della redenzione

Natale al cinema con drammi di famiglia, sensi di colpa, soldi, morfina e la redenzione dell'eccentrico personaggio di Richard Gere

Natale sta arrivando anche al cinema e tra i personaggi eccentrici con capelli bianchi come la neve, occhi luminosi e doti rassicuranti che hanno qualche affinità con Babbo Natale, consiglio Franny, l'esilarante filantropo interpretato da Richard Gere.

Un personaggio sopra le righe e sotto morfina, concepito per frantumare stereotipi e luoghi comuni nell'opera prima di un promettente regista e sceneggiatore di corti e documentari come Andrew Renzi.

Franny è un affascinante milionario in crisi, senza famiglia e lavoro, con un segreto e tanti soldi che usa per aiutare gli altri e alleviare il suo senso di colpa, fino a quando incontra di nuovo Olivia (Dakota Fanning), l'unica figlia dei suoi cari amici scomparsi tragicamente, sposata e in procinto di diventare madre.

Franny accoglie il ritorno di Olivia come un cambiamento radicale della sua vita e nel tentativo di aiutarli offre loro una casa fuori città e un lavoro al marito Luke (Theo James) nell'ospedale di sua proprietà.

Sarà la fine delle sua scorta di morfina a far emergere la sua vera natura e quella del suo segreto, esasperando la sua invadenza fino a quando il suo segreto non riemerge dal passato con conseguenze inimmaginabili e per non perdere anche Olivia, Franny sarà costretto a mettere a nudo dolore e debolezze. 

Esplorando gli abissi dei tormenti e i margini della redenzione con i tratti di un personaggio di stampo shakespeariano, Andrew Renzi riflette sul concetto di famiglia con il dramma prodotto da Big Shoes Media, Audax Films e Magnolia Entertainment, distribuito nelle sale italiane da Lucky Red, a partire dal prossimo 23 dicembre.

07-franny-andrew-renzi-poster-italiano.jpg

Via | Lucky Red

  • shares
  • Mail