Cineblog consiglia: L’uomo perfetto

L’uomo perfetto di Luca Lucini con Francesca Inaudi, Gabriella Pession, Riccardo Scamarcio, Giampaolo Morelli. Milano: Lucia (Francesca Inaudi), giovane creativa impiegata presso un’agenzia di pubblicità, è innamorata, sia dai tempi dell’infanzia, di Paolo (Giampaolo Morelli) e non può accettare che ora l’uomo si stia per sposare proprio con la sua migliore amica, la bella e

L’uomo perfetto di Luca Lucini con Francesca Inaudi, Gabriella Pession, Riccardo Scamarcio, Giampaolo Morelli.

Milano: Lucia (Francesca Inaudi), giovane creativa impiegata presso un’agenzia di pubblicità, è innamorata, sia dai tempi dell’infanzia, di Paolo (Giampaolo Morelli) e non può accettare che ora l’uomo si stia per sposare proprio con la sua migliore amica, la bella e svampita Maria. Decide pertanto di ingaggiare Antonio (Riccardo Scamarcio), un attore squattrinato, per farne l’uomo ideale di Maria e farla innamorare di lui, nella speranza che il matrimonio programmato vada a rotoli. Inizialmente il piano sembra funzionare e Maria è sul punto di dimenticare le nozze con Paolo, ma presto le cose si complicheranno: fra equivoci e situazioni imbarazzanti Lucia si accorgerà che la sua fissazione per un amore che si è imposta avrebbe potuto precluderle la possibilità di trovarne uno spontaneo e pertanto più “autentico”…

Buon esempio di commedia romantica, L’uomo perfetto, diretto da Luca Lucini, regista proveniente dalla pubblicità (Tre metri sopra il cielo) risulta godibile e non pretenzioso, con un cast di attori naturali ed ironici al punto giusto, fra i quali spiccano la bella e brava Francesca Inaudi e il “galletto” Riccardo Scamarcio.

Lucini dipinge una Milano grigia e fredda, forse un po’ troppo da cartolina, ma con i tratti tipici che la contraddistinguono, utilizzando la macchina da presa maniera ordinata e senza strafare (e con qualche bella intuizione).

Il film è ben confezionato anche se la storia è un po’ scontata nelle dinamiche, ma la simpatia degli attori nonché il clima di disimpegno rendono il film gradevole e divertente senza cadute di tono. Insomma, L’uomo perfetto è un piccolo esempio di cinema italiano senza troppe pretese, leggero e ben fatto.

Curiosità
La canzone sulla quale si apre il film, Que reste-t-il de nos amours cantata da Charles Trenet, è il leit-motiv e l’origine del titolo di Baci Rubati (Baisers volés, François Truffaut, 1968).

Stanotte mercoledì 22 agosto ore 23:25 su Italia 1.

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →