13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi - Le recensioni straniere

I pareri dei critici sul nuovo film di Michael Bay

Michael Bay è tornato al cinema (nelle nostre sale dal 31 marzo) con 13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi, interpretato da Pablo Schreiber, John Krasinski, Toby Stephens, Max Martini, David Denman, David Denman, James Badge Dale, Freddie Stroma, David Costabile, Elektra Anastasi. Il film è tratto dal libro "13 Hours" di Mitchell Zuckoff e basato su una storia vera. Oggi vediamo insieme le recensioni Straniere. Su RottenTomatoes, mentre scrivo, il film ha raccolto il 51% di voti positivi.



James Berardinelli - ReelViews

: Il film è imperfetto e troppo lungo, ma non è mai noioso. E, anche se gli aspetti della sua accuratezza possono essere chiamati in causa, è un lavoro decente su quello che è successo quella notte. Voto: 3/4

Peter Rainer - Christian Science Monitor: Michael Bay fa bene quello che fa sempre bene: e mantiene l'azione a tutto gas. Questo è anche ciò che fa in modo fastidioso: mantiene sempre le cose a pieno regime. Voto: B-

Rafer Guzman- Newsday: le sequenze d'azione di Bay sono tecnicamente belle come sempre, ma la sua visione del mondo è riduttiva. Voto: 2/4

David Sims - The Atlantic: è un film di guerra semplice, ma questa è l'ultima cosa di cui un soggetto così complesso aveva bisogno.

Adam Graham - Detroit News: Si tratta di una macchina da guerra di grado militare, e viene trattato nello stesso modo: con le pistole spianate. Voto: B-

Steven Rea - Philadelphia Inquirer: Michael Bay cerca qualcosa di più realistico, e meno Hollywoodiano. Voto: 2.5 / 4

Kyle Smith - New York Post: L'obiettivo di Bay è quello di sentire il calore, la paura, la fatica, il peso delle armi e il cameratismo. Voto: 3/4

Lindsey Bahr - Associated Press: La cosa più sorprendente è come Michael Bay fa passare così in fretta 144 minuti.

Manohla Dargis - New York Times: 45 minuti di messa a punto e l'eternità dell'implacabile combattimento.

Richard Roeper - Chicago Sun-Times: Privo di sfumature e di tanto in tanto afflitto da un dialogo banale, "13 Hours" è comunque ben fotografato, e un omaggio sincero a quei soldati. Voto: 3/4

Michael O'Sullivan - Washington Post: Bay non può fare a meno di fare un film forte, sfacciato, senza sfumature e più ghiandolare che cerebrale. "13 Hours" è un film che stimola la produzione di adrenalina, non è intuizione. Voto: 2.5 / 4

Mick LaSalle - San Francisco Chronicle: è lungo, addirittura scoraggiante, a volte divertente, e tuttavia c'è una sensazione di autenticità. Voto: 2/4

Bill Goodykoontz - Arizona Republic: quando i proiettili volano, Bay è al suo meglio. Mette bene in scena le battaglie e costruisce la tensione in modo efficace. Voto: 3/5

Brian Truitt - USA Today: "13 Hours" è il miglior lavoro action di Michael Bay da Bad Boys e The Rock. Voto: 2.5 / 4

Will Leitch - The New Republic: Bay può mancare l'interesse nella costruzione storica di base o di coerenti scene di battaglia, ma il ragazzo ha una capacità soprannaturale nell'evocare delle sensazioni. Voto: B-

  • shares
  • Mail