Florida: trailer e clip in italiano del film con Jean Rochefort

Florida: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sulla commedia di Philippe Le Guay nei cinema italiani dal 5 maggio 2016.

 

Aggiornamento di Pietro Ferraro

 

Debutta oggi 5 maggio nei cinema d'Italia Florida, il nuovo film di Philippe Le Guay, il regista di Moliere in bicicletta e Le donne del 6°piano, presentato in Piazza Grande al Festival di Locarno, una commedia amara sull’avanzare dell’età e l’intermittenza della memoria.

Academy Two ha reso disponibili 3 clip tratte dal film che vede protagonista Jean Rochefort nei panni di Claude, un vitalissimo ottantenne che coinvolge nelle sue bizzarre vicende la figlia Carole (Sandrine Kiberlain).

La Florida, per il regista Philippe Le Guay, rappresenta un luogo ideale, dove si è protetti e dove nulla ci può accadere. È il luogo di pace, dove tutto quello che nella vita ci ferisce, cessa di farci male.

 

Clip - L'orologio:

 

Il regista racconta come è nata l'idea di adattare per il grande schermo il testo teatrale di Florian Zeller.

Questa è la prima volta che adatto un’opera preesistente: solitamente lavoro sempre su soggetti originali. Impiego quasi un anno a sviluppare la sceneggiatura, è sempre lungo e complicato scrivere in solitudine e invece stavolta ho scoperto a teatro LE PERE, lo spettacolo di Florian Zeller. Sono stato immediatamente sedotto dalla originalità della costruzione del testo. La pièce comincia con un padre e sua figlia che dialogano in scena per una quindicina di minuti, in un’atmosfera di commedia piuttosto leggera. Buio, poi si passa alla scena successiva, e si ritrova lo stesso personaggio del padre insieme alla figlia... ma questa volta è interpretata da un’altra attrice. Ci si domanda allora se la prima attrice è sua figlia oppure no, si inizia a dubitare del personaggio che si è appena visto. Siamo confusi, dubitiamo di quello che vediamo, lentamente scopriamo che il protagonista della nostra storia sta perdendo la memoria! Florian Zeller ci fa entrare nella testa del suo protagonista. A teatro, il punto di vista è sempre quello dello spettatore e qui Zeller è riuscito ad adottare un punto di vista soggettivo...È un formidabile tour de force teatrale.

 

Clip - La palma:

 

 

Florida: in viaggio con verve e senilità di Jean Rochefort


Al cinema con la coppia Jean Rochefort-Sandrine Kiberlain, padre e figlia alle prese con le bizze del tempo che passa e la memoria che cancella

Il viaggio in "Florida" di Philippe Le Guay, già partito con successo dalla Piazza Grande dell'ultimo Festival di Locarno, è pronto a far tappa nelle nostre sale con gli amari 'scherzi' della memoria e dell'età, portati sul grande schermo dal talento e la verve ultraottantenne di Jean Rochefort.

Il delizioso Don Chisciotte che non siamo riusciti a seguire nel The Man Who Killed Don Quixote di Terry Gilliam, vola a Miami per raggiungere quella Florida diretta e sceneggiata da Philippe Le Guay, come la fine di un viaggio a ritroso nella memoria, erosa dalla senescenza 'di un corpo giovanile' che fa lo slalom tra i diversi piani temporali attraversati dai primi segni della demenza senile.

L'inizio della fine del viaggio utopico dell'ottantenne Claude Lherminier (Jean Rochefort), pronto a raggiungere la Florida che ha accolto la prediletta figlia Alice e la realtà che ha rimosso, mentre sua figlia Carole (Sandrine Kiberlain) si prende cura di lui, dopo averlo sostituito alla dirigente della loro importante cartiera di Annecy.

Carole cerca di avere cura del vitalissimo papà e degli effetti del suo disagio mentale, palesemente negato a se stesso e le badanti che fa impazzire, tradito dall'alternanza di sorrisi astuti e sguardi assenti, momenti di consapevolezza e buio totale, capaci di spingerlo a fare pipì sul parabrezza di un automobilista che lo ha infastidito e vivere l'ossessione della Florida anche con le arance del succo di frutta.

Le bizzarre vicende della coppia ricche di humour e crudeltà, sostenute da un cast che conta anche il rassicurante compagno di Carole (Laurent Lucas) e il temperamento comico di Anamaria Marinca (quella di "4 mesi, 3 settimane, 2 giorni"), sono ispirate dal testo teatrale di Florian Zeller, sceneggiato da Philippe Le Guay con Jérôme Tonnerre.

Florida (Floride, Francia 2015), coprodotto da F comme Film, Ciné@, Gaumont, Cinéfrance 1888, France 2 Cinéma, Rhône-Alpes Cinéma, sarà distribuito nelle nostre sale da Academy Two, a partire dal prossimo 5 maggio.

florida-poster-italiano.jpg

Florida: intervista Jean Rochefort


Perché ha scelto di partecipare a questo film?

Non è stata una scelta facile per me. Era una situazione imbarazzante alla mia età, ho
alcuni amici che soffrono di questa malattia. Avevo molti dubbi e preoccupazioni relativi
al soggetto. Ma ne abbiamo parlato molto con Philippe Le Guay e Jérôme Tonnerre, che
sono venuti a trovarmi molto spesso durante l’anno e poco a poco, mi sono fatto
convincere ad intraprendere questa avventura.

Dopo aver accettato di girare il film, ha sollevato delle obiezioni sulla sceneggiatura.
Aveva suggerito di «ravvivare lo stufato della domenica». Quali erano i punti che,
secondo lei andavano rivisti?

Desideravo che la sceneggiatura lavorasse più in profondità sulla psicologia del personaggio. Il senso estetico di Philippe è innegabile, ma volevo un po' più di sostanza. Non volevo che il personaggio fosse troppo << pulito>>. Non potevo immaginare questo ruolo, per esempio, senza la scena della pipì sulla macchina! Quella scena per me è rappresentativa. Quando Claude fa pipì sulla macchina, dimostra come sia di fatto sorprendente: comincia a piangere perché capisce, in quel preciso istante, che è rovinato. C’è un momento di forte presa di coscienza. La cosa più terrificante di questa malattia sono i momenti di lucidità.

Philippe Le Guay parla di una dimensione shakespeariana del suo personaggio.
Ci ho pensato, lo confesso. Volevo perfino che Claude risultasse affascinante per quanto fosse possibile! Volevo evitare a tutti i costi che risultasse un povero vecchio fastidioso.
Questo ha contribuito a suscitare la gelosia di mia figlia che era abbastanza affascinata da questo padre che <>.

Si ha la sensazione che il personaggio che lei interpreta sia autorizzato a prendersi tuttele libertà, a correre tutti i rischi.
Quando si soffre di questa malattia a questo stadio, nulla è impossibile, la situazione può precipitare da un momento all’altro. Durante una scena, Claude, il mio personaggio, parla a Sandrine Kiberlain e ad Anamaria Marinca e improvvisamente, è colto da una collera improvvisa e chiede di essere lasciato in pace ! Perde così qualsiasi forma di buona condotta e di educazione. Improvvisamente, tira un urlo quasi animalesco e esclama : <> come una volpe presa in trappola.

Sembra quasi che il suo personaggio voglia far scontare chissà qualche colpa alla figlia…
Sul rapporto con le figlie la sceneggiatura rimane piuttosto misteriosa: cosa sa lui della loro vita? Ciò che non viene detto tra loro li pone in una condizione di guerrieri.
Sicuramente, non vuole avere una figlia troppo <>, è consapevole che non è nel suo carattere. E allo stesso tempo, non risparmia a sua figlia certe situazioni. Una scena, per esempio, mi ha molto colpito : quando la figlia lo spoglia ed è costretta a vederlo nudo. É come se crollasse il mondo.

Recita insieme a Sandrine Kiberlaine dopo 15 anni?
Io e Sandrine ci assomigliamo. Suo padre ed io eravamo grandi amici. Suo padre aveva scritto uno spettacolo teatrale, pensando a me per il ruolo principale. Mi ricordo che mi chiese un consiglio e che aveva poi continuato a scrivere seguendo il mio suggerimento e che alla fine lo spettacolo fu un vero successo! All’ultimo momento, mi resi conto di essere troppo vecchio per il palcoscenico e per interpretare l’amante di Sandrine. C’è qualcosa che ci unisce con Sandrine : la capacità di ridere di noi stessi. É una benedizione.

Come è stato girare le scene con Anamaria Marinca?
Sono rimasto davvero impressionato. L’avevo vista in «4 mesi, 3 settimane, 2 giorni», il film che ha vinto la Palma d’oro. Già dalle sue prime battute, ho capito di aver a che fare con un’ attrice comica formidabile e che aveva ispirato Philippe, che aveva plasmato su di lei certi tratti del personaggio. Ci ha suggerito che tra i due potesse esserci una forma di seduzione e se lui non fosse stato malato forse sarebbe potuto accadere qualcosa.. Recitare con lei è magnifico! Lei e Sandrine sono due attrici straordinarie.

Che genere di regista è Philippe Le Guay?
Philippe ha un grande senso estetico negli allestimenti e nel suo modo di girare, qualità che purtroppo sono sempre più rare. Mi ricorda il modo di lavorare di Bertrand Tavernier, ma con un tocco personale. In partenza, ho dovuto adattarmi perché si girava spesso con due telecamere, non ero abituato. É osservando quello che facciamo che possiamo migliorare. Anche la sceneggiatura subisce modifiche continue, la versione finale non è mai identica al testo
originario.

Florida: intervista Philippe Le Guay


Come avete sviluppato la sceneggiatura con Jérôme Tonnerre?

Non si tratta di un adattamento cinematografico del testo teatrale. I miei produttori, JeanLouis
Livie e Philippe Carcassonne, ci hanno incoraggiati a prendere le distanze dalla struttura del testo teatrale, e anche il drammaturgo Florian Zeller ci ha spinti nella stessa direzione. Al cinema, il campo/ controcampo fa scattare immediatamente la soggettiva del protagonista. Basta passare dallo sguardo del personaggio a quello che sta osservando per rendere chiaro di chi sia il punto di vista. La struttura deve essere diversa e proporre uno spazio differente rispetto a quello dello spettacolo teatrale. Abbiamo cercato in svariate direzioni ed è Jérôme Tonnerre che ha avuto l’idea e ha immaginato il personaggio a bordo di un aereo. Senza dubbio partito per un ultimo viaggio, un andata senza ritorno. Ma dove va? Cosa troverà alla fine del suo viaggio?
Il viaggio è stato la linea guida, sulla cui traiettoria si muove il film. Niente è più cinematografico evidentemente di un personaggio che viaggia da una direzione all’altra. Vorrei precisare che questo viaggio non ha nulla di fantasioso, o onirico, anche se lo svolgimento del racconto appare, diciamo, come un processo «mentale»: siamo nella testa di un uomo. Capiamo rapidamente che quest’uomo ha un obiettivo, un’ idea fissa: ricongiungersi con la figlia che vive in Florida. Improvvisamente appare la scritta « medico » sulla cartella e riconosciamo i sintomi della perdita di memoria. Non volevo fare la cronaca di una malattia. Per me il film è la storia di un uomo che va a trovare sua figlia in Florida…

Claude ha un’altra figlia con la quale invece è più severo...

Idealizza la figlia minore che vive all’altro capo del mondo e che gli invia una cartolina ogni sei mesi; mentre la maggiore che lo va a trovare quattro volte a settimana e si occupa di tutto ciò che lo riguarda, è perennemente maltrattata. É capitato a tutti di accorgersi che un padre o una madre, ingiustamente, non ama i suoi figli allo stesso modo. É una situazione crudele, ma può risultare anche comica da un certo punto di vista. Questa mescolanza di crudeltà e di humour è la nota predominante del film…

Come avete avuto l’idea di affidare il ruolo principale a Jean Rochefort?
Il desiderio di lavorare con Jean è stato uno dei motivi che mi ha spinto a lavorare su questo film. Volevo rivederlo al cinema e offrirgli un ruolo a sua misura, o per meglio dire fuori misura. Questo ruolo di <> ha qualcosa di shakespeariano. Ma è anche un ruolo pieno di humour. Jean è un attore completo che incarna questi due aspetti. Possiede la leggerezza tipica delle commedie di Yves Robert o di Philippe De Broca e la parte misteriosa, la crudezza, e quasi una sorta di violenza. Penso a UN ÉTRANGE VOYAGE di Alain Cavalier, e soprattutto a IL TAMBURO DI LATTA di Schlondorff. Rochefort, come attore, favorisce questa mescolanza di toni e di generi.

Si è lasciato convincere facilmente?
Non proprio. La prima volta che ha letto la sceneggiatura, ci ha detto che era <>. Ma non disse di si per tanto. Jean pensava che il comportamento avesse una tonalità troppo sentimentale e dolce-amara. Contro ogni previsione ci ha suggerito di insistere sull’aspetto aggressivo del personaggio. Jean ha osservato persone affette dall’Alzheimer e ha capito quanto la confusione mentale possa generare una forma di aggressività.

Sandrine Kiberlain incarna la figlia meno prediletta di suo padre…
Per interpretare questa coppia padre-figlia, c’era bisogno di attori che fossero veramente complici nella vita. Sandrine Kiberlain e Jean Rochefort si conoscono da più di 15 anni, perchè il padre di Sandrine aveva scritto un racconto il cui ruolo principale era stato proposto a Jean. Per questioni di « date », il progetto non è stato fatto, ma Sandrine e Jean sono rimasti amici. Hanno in comune un bello sguardo chiaro, qualcosa di spigoloso nel viso...
Ma soprattutto c’è in entrambi un non-conformismo, una fantasia, un’inclinazione alla libertà… nelle scelte stesse che fanno dei propri ruoli. Sandrine l’ha dimostrato in questi ultimi tempi: è duttile, si presta a ruoli molto differenti. Adoro di Sandrine la sua capacità di dare vita a un personaggio che riceve continue frecciate e non le restituisce. Carole ha una dimensione sacrificale, ma non è più una vittima passiva. É per scelta che alimenta l’inganno si suo padre, lo protegge fino alla fine, ciò fa di lei una vera eroina. In LE DONNE DEL 6°PIANO, lei interpretava la donna trascurata da Fabrice Luchini, ma conservava intatta la sua lucidità. In questo film, il suo personaggio è ancorato alla realtà: ha un figlio, dirige una cartiera , è una donna che lotta da sola. Ha un incontro amoroso che la segna, ma che sarà polverizzato dalla presenza di suo padre…

La malattia del padre permette di evocare con il tempo un rapporto che non è più lineare e che offre più libertà narrativa.

Ci sono tre linee temporali nel film. Il viaggio in Florida, i due mesi che precedono questo viaggio e che ci informano sul personaggio di Claude. E poi ci sono questi sbalzi di memoria che sono come delle immagini mentali. Immagini legate a sensazioni, a ricordi nascosti. Per esempio, quando si infiamma per sbaglio un mucchio di fieno; quando guarda, intirizzito, sua madre che sta suonando il piano, o durante la guerra, quando si sente minacciato. Tutto quello instaura un paesaggio mentale e sensoriale che arricchisce il personaggio di Jean. Adoro queste immagini impressioniste che ritroviamo nel cinema d’Alain Resnais e in particolare in MON ONCLE D’AMÉRIQUE. É sufficiente una tenda che si muove grazie a un soffio di vento per creare una rima visiva e collegare il presente con il passato…

Come avete lavorato sulla luce?
Con Jean-Claude Larrieu, il mio direttore della fotografia, volevamo compensare la violenza della perdita di memoria con un’immagine calda e splendente. Ci sono colori ovunque, nelle lampade arancio o nei vivi colori dei costumi. Spesso si associa la vecchiaia al grigio e alla monotonia. Nella vita, Jean Rochefort si veste come una tavolozza molto colorata e questa scelta è stata riproposta nel film. Con Elisabeth Tavernier che ha creato i costumi, avevamo l’immagine di David Hockney in testa, famoso per le sue tinte accese e per Jean sono stati fatti fabbricare gli stessi occhiali del pittore inglese…

Per la musica avete scelto Jorge Arriagada…
Jorge aveva composto la musica del mio primo film LES DEUX FRAGONARD. L’ho riscoperto grazie a LE DONNE DEL 6°PIANO e MOLIERE IN BICICLETTA. Adoro che nella sua musica ci sia la dimensione allo stesso tempo gioiosa e malinconica. Mi piace il fatto che siano presenti motivi orecchiabili che la gente può mettersi a canticchiare una volta uscita dalla sala. La musica doveva essere un prolungamento emozionale del personaggio, senza accentuare troppo la sua confusione mentale. In partenza, pensai a degli effetti di corde o ottoni, delle cose decostruite. E poi mi sono reso conto che la musica doveva farci entrare nel sogno del personaggio interpretato da Jean Rochefort.

Claude canta una canzone di Jean Sablon, «puisque vous partez en voyage»…
É una delle magiche coincidenze di questo film. Volevo un momento di complicità tra Claude e sua figlia, e Jean ha proposto questa canzone. Mi sono reso conto che quella canzone rifletteva il tema del viaggio in Florida. La destinazione del viaggio è nata quasi per caso, poi poco a poco mi sono accorto delle coincidenze. Il modello della macchina Florida, il succo d’arancia, Miami e le palme…la Florida diventa questo luogo mitico dove si è al sicuro, o dove niente può più aspettare. É il luogo della pacificazione, dove tutto ciò che ci ferisce nella vita smette di farci male. In fondo, la Florida, è un po' la sala del cinema, uno schermo-scrigno dove si possa sognare, dove le persone che amate sono sempre con voi…

  • shares
  • Mail