Gypsy, Barry Levinson dirige Barbra Streisand

Barbra Streisand torna al musical grazie a Gypsy.

barbra-streisand.jpg

33 anni dopo Yentl, la leggendaria Barbra Streisand torna al musical cinematografico con l'ennesimo rifacimento di Gypsy, opera di Jule Styne del 1959 con liriche di Stephen Sondheim. Basato sulla storia di Gypsy Rose Lee, definita negli anni trenta la Regina dello spogliarello, il musical divenne cinema nel 1962 con La donna che inventò lo strip-tease, titolo che fece vincere un Golden Globe a Rosalind Russell, per poi andare incontro ad un remake tv anni '90 con Bette Midler mattatrice.

A dirigere la Steisand, qui anche produttrice, il 74enne Barry Levinson, premio Oscar alla regia nel 1989 per Rain Man - L'uomo della pioggia. Un anno fa, come dimenticarlo, Levinson ha diretto lo sbertucciato Rock the Kasbah, con Bill Murray protagonista.

Protagonista di Gyspy, nonostante il titolo, sua madre Rose, diabolico personaggio nel corso degli anni interpretato a teatro da attrici del calibro di Ethel Merman, Angela Lansbury, Tyne Daly, Linda Lavin, Imelda Staunton, Linda Balgord, Patti LuPone e Bernadette Peters. Una donna, questa Rose, pronta a tutto per fare delle sue due figlie, June e Louise, delle star nel mondo dello spettacolo quando il genere vaudeville era sulla strada del declino e il burlesque stava per nascere. Uno dei personaggi femminili da oltre mezzo secolo più ambiti di Broadway, che Barbra Streisand ha fatto suo dopo due anni di sali-e-scendi produttivi. Via alle riprese entro la fine del 2016, con la diva in prima linea anche per Caterina la Grande, film che segnerà il suo ritorno alla regia.

Fonte: Variety

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail