A Helen Mirren il premio Contributo Europeo al Cinema Mondiale 2012

“Un riconoscimento davvero importante” ha dichiarato l’attrice britannica

di simona

Da un comunicato stampa giunto in redazione veniamo a sapere, e con gioia – poichè trattasi di una delle nostre attrici preferite – vi informiamo, che l’European Film Academy ha deciso di attribuire il premio Contributo Europeo al Cinema Mondiale 2012 a Dame Helen Mirren per l’’eccezionale insieme del suo lavoro. “E’ stato scoprendo l’’immensa diversità del cinema europeo che ho maturato un amore e un rispetto duraturi per questa forma d’’arte”” ha dischiarato Helen Mirren. ““Questo premio è, inoltre, un riconoscimento davvero importante. Sarei davvero orgogliosa di essere annoverata tra gli attori della tradizione Europea“”.

Nel prossimo futuro cinematografico dell’attrice ci sono: un biopic di Phil Spector attualmente senza titolo, in cui la vedremo accanto ad Al Pacino per la regia di David Mamet; Hitchcock, al fianco di Anthony Hopkins; e RED 2.

Dame Helen Mirren sarà ospite d’’onore della 25^ edizione degli European Film Awards il 1° Dicembre 2012 a Malta.

Premio Oscar per The Queen, Coppa Volpi a Venezia, due volte Miglior Attrice a Cannes, la Mirren ha sulla mensola del caminetto anche tre Golden Globes e quattro Emmy Awards, oltre ad un numero spropositato di altri premi. Dopo il saltino, la filmografia completa.

– Herostratus, di Don Levy (1967)
– Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer Night’s Dream), di Peter Hall (1968)
– L’età del consenso (Age of Consent), di Michael Powell (1969)
– Colpo rovente, di Piero Zuffi (1970)
– Miss Julie, di John Glenister (1972)
– Messia selvaggio (Savage Messiah), di Ken Russell (1972)
– O Lucky Man!, di Lindsay Anderson (1973)
– Hamlet, di Celestino Coronada (1976)
– The Quiz Kid, di Bill Hays (1979)
– Io, Caligola (Caligula), di Tinto Brass e Bob Guccione (1979)
– Hussy, di Matthew Chapman (1980)
– Il diabolico complotto del dottor Fu Manchu (The Fiendish Plot of Dr. Fu Manchu), di Piers Haggard (1980)
– Il giorno del venerdì santo (The Long Good Friday), di John MacKenzie (1980)
– Excalibur, di John Boorman (1981)
– Cal, di Pat O’Connor (1984)
– 2010: l’anno del contatto (2010: The Year We Make Contact), di Peter Hyams (1984)
– Heavenly Pursuits (The Gospel According to Vic), di Charles Gormley (1985)
– Il sole a mezzanotte (White Nights), di Taylor Hackford (1985)
– Mosquito Coast (The Mosquito Coast), di Peter Weir (1986)
– L’isola di Pascali (Pascali’s Island), di James Dearden (1988)
– Quando vennero le balene (When the Whales Came), di Clive Rees (1989)
– Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante (The Cook, the Thief, His Wife & Her Lover), di Peter Greenaway (1989)
– Bethune: il mitico eroe (Bethune: The Making of a Hero), di Philip Borsos (1990)
– Cortesie per gli ospiti (The Comfort of Strangers), di Paul Schrader (1990)
– Monteriano – Dove gli angeli non osano mettere piede (Where Angels Fear to Tread), di Charles Sturridge (1991)
– Il Falco (The Hawk), di David hayman (1993)
– Royal Deceit – The Prince of Jutland, di Gabriel Axel (1994)
– La pazzia di Re Giorgio (The Madness of King George), di Nicholas Hytner (1994)
– Una scelta d’amore (Some Mother’s Son), di Terry George (1996)
– Se mi amate… (Critical Care), di Sudney Lumet (1997)
– The Passion of Ayn Rand, di Christopher Menaul (1999)
– Killing Mrs. Tingle (Teaching Mrs. Tingle), di Kevin Williamson (1999)
– Pollice verde (Greenfingers), di Joel Hershman (2000)
– La promessa (The Pledge), di Sean Penn (2001)
– No Such Thing, di Hal Hartley (2001)
– L’ultimo bicchiere (Last Orders), di Fred Schepisi (2001)
– Gosford Park, di Robert Altman (2001)
– Calendar Girls, di Nigel Cole (2003)
– In ostaggio (The Clearing), di Pieter Jan Brugge (2004)
– Quando meno te lo aspetti (Raising Helen), di Garry Marshall (2004)
– Shadowboxer, di Lee Daniels (2005)
The Queen – La regina, di Stephen Frears (2006)
– Il mistero delle pagine perdute (National Treasure: The Book of Secrets), di Jon Turteltaub (2007)
Inkheart – La leggenda di cuore d’inchiostro, di Iain Softley (2009)
State of Play, di Kevin Macdonald (2009)
The Last Station, di Michael Hoffman (2009)
Love Ranch, di Taylor Hackford (2009)
Il debito (The Debt), di John Madden (2010)
Red, di Robert Schwentke (2010)
The Tempest, di Julie Taymor (2010)
– Arturo, di Jason Winer (2011)
– The Door, di István Szabó (2012)