Zona d'ombra: le recensioni Straniere e Italiane

Le critiche al film con Will Smith


Ve lo dico proprio sinceramente. Ho visto ieri Zona d'ombra - Una scomoda verità (in originale "Concussion") e l'ho trovato maledettamente irritante, soprattutto per via dell'interpretazione di Will Smith che rende la storia (vera e difficile) un'agiografia fastidiosa. Ma vediamo insieme le recensioni dei critici Stranieri e Italiani. Mentre scrivo, su RottenTomatoes il film ha raccolto il 61% di voti positivi.

Il film è diretto da Peter Landesman e interpretato da Will Smith, Gugu Mbatha-Raw, Alec Baldwin, Stephen Moyer, Eddie Marsan, Luke Wilson, David Morse, Albert Brooks, Adewale Akinnuoye-Agbaje.



Brad Wheeler - Globe and Mail: Un dramma melodrammatico ma convincente. Voto: 2.5 / 4

Manohla Dargis - New York Times: manca l'entusiasmante cinema impegnato che sale al livello del suo argomento scandaloso.

James Berardinelli - ReelViews: il nucleo drammatico è solido. Voto: 3/4

Kenneth Turan - Los Angeles Times: stampo drammatico, melodramma e romanticismo si alternano ad avvertimenti seri in un modo più sgraziato che efficace.

Stephanie Merry - Washington Post: Will Smith ci regala una performance emotiva. Voto: 2.5 / 4

Colin Covert - Minneapolis Star Tribune: un film decente, ma irregolare. Peter Landesman si concentra sulla vita personale di Omalu più di quello che richiede un thriller. Voto: 3/4

Bill Goodykoontz - Arizona Republic: l'interpretazione di Will Smith, che resiste alla tentazione di andare sopra le righe, e la materia lo rendono un film interessante, ma non urgente come avrebbe potuto essere. Voto: 3/5

Brian Truitt - USA Today: Nonostante i difetti, Will Smith e il film colpiranno i cuori e soprattutto le menti del pubblico. Voto: 2.5 / 4

Mick LaSalle - San Francisco Chronicle: A volte una buona storia è abbastanza, e questo è uno di quei casi. Voto: 3/4

Will Leitch - The New Republic: non è abbastanza arrabbiato per una polemica, e non è abbastanza interessante per essere un edificante messaggio. E fallisce su due fronti paralleli, separati. Voto: C

Kyle Smith - New York Post: Il film è sobrio, onesto e serio su un argomento importante. Voto: 2.5 / 4

Maurizio Porro - Il corriere della sera: Storia vera denunciata da un articolo del 2009 che il regista Peter Landesman arieggia con spezzoni documentari senza evitare un finale di melensa retorica.

Alessandra Levantesi Kezich - La Stampa: (…) un inedito Will Smith – riservato piuttosto che estroverso, affidabile piuttosto che scanzonato – conferma la sua presenza di attore e il suo carisma divistico.

Maurizio Acerbi - il Giornale: Un tema interessante sviluppato però in modo favolistico e retorico.

Paolo D’Agostini - la Repubblica: Non nuovo all’intensa e patetica rappresentazione del dolore, Will Smith offre la propria fama all’interpretazione di Bennet Omalu. (...) Tema potente, esecuzione onesta e senza fronzoli.

Emiliano Morreale - L'espresso: Will Smith ha un classico ruolo tutto d'un pezzo, ma il film, oltre a raccontare una interessante lotta alle lobby sportive, infarcisce i dialoghi di integralismo cristiano: il medico è guidato da Dio, tutto quel che gli accade è guidato dall'alto. Scontato e a tratti imbarazzante.


  • shares
  • Mail