Harry Potter: JK Rowling celebra il 18° anniversario della Battaglia di Hogwarts

JK Rowling ha celebrato su Twitter il 18° anniversario della Battaglia di Hogwarts scusandosi per aver ucciso un personaggio molto amato.

Ieri lunedì 2 maggio per i fan del franchise di Harry Potter ricorreva il 18° anniversario della "Battaglia di Hogwarts" combattuta nell'ultimo libro della saga di JK Rowling, Harry Potter e i Doni della Morte. L'epica guerra tra maghi ha visto diversi personaggi amati caduti sul campo di battaglia e in onore di questa ricorrenza, la scrittrice JK Rowling ha voluto parlare della sua decisione di uccidere un personaggio in particolare, Remus Lupin.

Remus "Lunastorta" Lupin è stato interpretato da David Thewlis in cinque degli otto film della saga di Harry Potter ed era un personaggio molto amato dai fan sia nei libri che nei film. Remus era afflitto da licantropia sin da bambino e poteva trasformarsi in un lupo mannaro, una metamorfosi che poteva essere frenata con l'aiuto di una "Pozione AntiLupo". Dopo la nomina a professore di Difesa contro le Arti Oscure a Hogwarts, Remus si è in seguito unito all'Ordine della Fenice, combattendo nella battaglia di Hogwarts, dove è andato incontro alla sua prematura scomparsa. La scrittrice ha rivelato sulla sua pagina Twitter che in primo luogo ha deciso di uccidere Remus Lupin durante la scrittura di "Harry Potter e l'Ordine della Fenice".

Ancora una volta è l'anniversario della Battaglia di Hogwarts e così, come promesso, anche questa'anno ci tengo a scusarmi per una morte:...Remus Lupin. Nell'interesse di una totale onestà vorrei anche confessare che non ho deciso di uccidere Lupin fino a quando ho scritto L'Ordine della Fenice. Arthur era sopravvissuto, così Lupin doveva morire. Mi dispiace. Non mi è piaciuto farlo. L'unica volta in cui il mio editore mi ha vista piangere riguardava la sorte toccata a Teddy.

L'Arthur a cui la Rowling si riferisce è Arthur Weasley il quale, in Harry Potter e l'Ordine della Fenice, è stato aggredito e quasi ucciso da Nagini il serpente di Lord Voldemort, un attacco che Harry Potter ha visto nella sua mente allertando le persone a Hogwarts. Arthur è stato trovato in tempo ed è riuscito a sopravvivere, ma sembra che il prezzo da pagare per la vita di Arthur fosse sacrificare Remus Lupin. Remus è morto poco dopo che la sua nuova moglie Ninfadora Tonks ha dato alla luce il loro figlio Teddy che l'autrice cita nel suo post.

Remus Lupin in realtà è stato riportato in vita per un brevissimo lasso di tempo, quando Harry Potter ha usato la "Pietra della Resurrezione" per invocare lo spirito di Remus insieme con quelli dei genitori di Harry Potter e Sirius Black. Questa è la seconda volta che JK Rowling chiede scusa ai fan per la morte di un personagio amato, la tradizione è iniziata lo scorso anno sempre in occasione dell'anniversario della Battaglia di Hogwarts, in quell'occasione la scrittice ha ricordato e reso omaggio a Fred Weasley.

 

 

harry-potter-jk-rowling-celebra-il-18-anniversario-della-battaglia-di-hogwarts.jpg

 

Fonte: Movieweb

 

 

  • shares
  • Mail