• Film

Da Monet a Matisse – L’arte di dipingere il giardino moderno

L’arte di dipingere il giardino moderno, dalle ninfee di Monet al Murnau Garden di Kandinskij, dalla mostra della Royal Academy of Arts al cinema

di cuttv

I risvegli di primavera e quelli dell’arte sono pronti a sbocciare sul grande schermo con una nuova incursione della Grande Arte al Cinema, già incantata da Visioni di carne e sangue del genio irriverente e rivoluzionario di Goya e sedotta dalle pennellate ardite e rivoluzionarie di Renoir.

Il nuovo viaggio parte dalla mostra alla Royal Academy of Arts di Londra, con i giardini che hanno ispirato le opere più rigogliose degli Impressionisti e le sperimentazioni più audaci delle avanguardia artistiche, arrivando al cinema con uno sguardo privilegiato sullo speciale rapporto innescato tra l’artista e il mondo naturale.

[quote layout=”big” cite=”Claude Monet]”Se sono diventato pittore lo devo ai fiori” [/quote]

Una profonda relazione d’amore, come quella ‘coltivata’ da Monet in ogni giardino delle sue abitazioni, curato e dipinto, da Sainte-Adresse al Giverny, dove si spense 90 anni fa. 

Da Monet a Matisse. L’arte di dipingere il giardino moderno, tocca i più celebri giardini del mondo e le opere d’arte che li ritraggono, dalle ninfee di Monet a Giverny, al giardino di Bonnard a Vernonnet, in Normandia, dal Murnau Garden di Kandinskij, in Alta Baviera, a quelli di Matisse.

Ad arricchire la relazione tra opere naturali e pittoriche del periodo a cavallo tra Otto e Novecento, anche interviste con famosi artisti moderni, come Lachlan Goudie e Tania Kovats, a dimostrazione di quanto la tematica sia di enorme modernità anche nel 21 ° secolo.

Il documentario diretto da David Bickerstaff e sceneggiato con Phil Grabsky, è una produzione Exhibition on Screen, in associazione con Arts Alliance e Seventh Art Productions, distribuita nei nostri cinema da Nexo Digital (online l’elenco delle sale), il 24 e il 25 maggio 2016.

I Video di Cineblog