X-Men: Bryan Singer dice basta (per ora)

Dopo aver diretto 4 capitoli sui sei visti in sala, Bryan Singer saluta gli X-Men.

x-men-apocalisse-colonna-sonora-e-cover-virali-del-cinecomic-di-bryan-singer.jpg

Quattro posson bastare? Così parrebbe. Bryan Singer, vero e proprio padre degli X-Men cinematografici avendo diretto 4 capitoli sui 6 visti al cinema, ha deciso di prendersi una pausa dai mutanti Fox. Tornato in sala con Apocalisse, titolo che ha diviso la critica internazionale, il regista dei Soliti Sospetti ha confessato al Los Angeles Times l'intenzione di voler fare altor, dopo aver passato gli ultimi 4 anni praticamente solo e soltanto tra Magneto & Co.

"Di recente ho incontrato Danny Boyle. Ci conoscevamo solo di fama. All'epoca stava preparando Steve Jobs e mi ha chiesto 'farai film sugli X-Men per sempre?'. E io non ho detto di no. La verità è che anche se sento il disperato bisogno di fare qualcosa di diverso ho passato talmente tanti anni in questo universo che lo adoro, amo i personaggi talmente tanto che non mi sento pronto ad abbandonare tutto questo per sempre. Forse come consulente, come produttore, anche come regista, potrei tornare in futuro. In questo momento, però mi piacerebbe fare altro".

Altro che da qui a breve diverrà realtà. Singer dirigerà 20.000 leghe sotto i mari, in uscita nel 2018, mentre gli X-Men proseguiranno per la loro strada con un 7° capitolo di fatto già annunciato da Simon Kinberg e ambientato negli anni '90.

  • shares
  • Mail