• Film

Piper: clip e curiosità sul nuovo corto d’animazione Pixar

Piper: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul corto d’animazione Pixar.

 

Pixar ha reso disponibile una clip con una scena del nuovo corto d’animazione Piper che sarà disponibile allegato alle proiezioni di Alla ricerca di Dory.  Questa breve scena mostra quanto è difficile per un giovane piovanello trovare cibo lungo una spiaggia affollata.

La storia è incentrata su un uccellino che sta cercando sia di trovare del cibo che di superare la sua paura dell’acqua. L’animatore Alan Barillaro, collaboratore della Pixar da oltre vent’anni, fa il suo debutto alla regia con questo cortometraggio che è stato ispirato dai numerosi volatili che era uso osservare durante le sue corse lungo la costa, appena un miglio da Emeryville California, la sede della Pixar.

Alan Barillaro è entrato a far parte Pixar nel 1997 lavorando al film A Bug’s Life. Ha anche lavorato su Monsters & co., Alla ricerca di Nemo, Gli Incredibili, Ratatouille, WALL-E, Brave, Monsters University e i cortometraggi Jack-Jack Attack, Igor e Stu – Anche un alieno può sbagliare. Il regista ha rivelato che originariamente aveva iniziato a giocare con il personaggio come un test, ma è stato incoraggiato a continuare a lavorare sul progetto dal suo mentore Andrew Stanton, regista di Alla ricerca di Nemo.

[quote layout=”big”]Vedendo il modo in cui questi piovanelli reagiscono alle onde e corrono ho subito pensato: “Accidenti questo è un film, questo è un personaggio!”. E’ sempre divertente mostrare un mondo di cui siamo a conoscenza, ma da una prospettiva diversa. Siamo stati tutti sulla spiaggia, ma abbiamo mai visto l’acqua da appena 3 centimetri dalla sabbia? Che potrebbe essere qualcosa da temere dal punto di vista di un uccello.[/quote]

 

Curiosità

  • Con la storia Barillaro ha anche voluto scavare più a fondo sulla genitorialità  come padre di tre figli. Alla Pixar viene insegnato ad essere davvero onesti circa la storia che si sta raccontando per assicurarsi che venga dal cuore.
  • L’idea di superare le proprie paure non è solo la storia che Barillaro voleva raccontare con Piper, ma era ciò che lui ha provato nell’iniziare a fare cinema e nell’essere un regista esordiente. Come Piper deve affrontare l’onda, così ha fatto Barillaro.
  • L’intero film doveva essere narrato dal punto di vista di un piovanello che è alto 10 centimetri. Per capirlo i realizzatori hanno visitato la spiaggia più spesso possibile, in modo che potessero catturare emotivamente la storia nel modo corretto. Barillaro è anche andato alle Hawaii con una telecamera Go-Pro per ulteriori ricerche.
  • Le pietre di paragone della narrazione per Barillaro sono l’illustratore Rockwell Kent e dipinti classici. Quando si guarda un Rockwell non ci si rende conto di quanto sia manipolato, si presenta come realistico, ma l’attenzione è rivolta al personaggio e questo è il fattore che sperava di ottenere con l’animazione.
  • Una delle cose che rende unico Piper è che tutto al suo interno è un personaggio. Non c’è solo l’uccellino come personaggio, ma le onde sono un personaggio e le bolle sono un personaggio.
  • Ci si è resi conto dell’importanza delle piume. Ponendo le piume si può davvero far emergere e cambiare la personalità. Ogni uccello ha dai quattro ai sette milioni di piume e devono essere animate, collocate e modellate a mano.

 

 

 

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann