• Film

Stasera in tv: “Agente 007: Si vive solo due volte” su Rai 3

Rai 3 stasera propone Agente 007 – Si vive solo due volte (You Only Live Twice), film d’azione e spionaggio del 1967 diretto da Lewis Gilbert (Alfie) e interpretato da Sean Connery, Akiko Wakabayashi, Donald Pleasence, Bernard Lee, Lois Maxwell e Desmond Llewelyn.

 

Cast e personaggi

Sean Connery: James Bond
Akiko Wakabayashi: Aki
Donald Pleasence: Ernst Stavro Blofeld / Numero 1 della SPECTRE
Burt Kwouk: Numero 3 della SPECTRE
Karin Dor: Helga Brandt / Numero 11 della SPECTRE
Teru Shimada: Mr. Osato / Numero 12 della SPECTRE
Bernard Lee: M
Lois Maxwell: Miss Moneypenny
Desmond Llewelyn: Q
Mie Hama: Kissy Suzuki
Tetsuro Tamba: Tanaka “Tigre”
Charles Gray: Dikko Henderson
John Stone: capitano del sottomarino
Norman Jones: astronauta
Ed Bishop: capitano Alle Hawaii
Patrick Jordan: poliziotto a Hong Kong Nr1
Edward Mulhare: diplomatico inglese
Shane Rimmer: operatore radar alle Hawaii
Alexander Knox: presidente americano
Bill Nagy: generale USA al Pentagono
William Sylvester: ufficiale al Pentagono
Francesca Tu: segretaria di Osato

Doppiatori italiani

Pino Locchi: James Bond
Fiorella Betti: Aki
Giampiero Albertini: Ernst Stavro Blofeld / Numero 1 della SPECTRE
Massimo Turci: Numero 3 della SPECTRE
Maria Pia Di Meo: Helga Brandt / Numero 11 della SPECTRE
Ennio Balbo: Mr. Osato / Numero 12 della SPECTRE
Renato Turi: M
Rosetta Calavetta: Miss Moneypenny
Bruno Persa: Q
Rita Savagnone: Kissy Suzuki
Giuseppe Rinaldi: Tanaka “Tigre”
Sergio Tedesco: Dikko Henderson
Luciano De Ambrosis: capitano del sottomarino
Daniele Tedeschi: astronauta
Gianfranco Bellini: capitano Alle Hawaii
Arturo Dominici: poliziotto a Hong Kong Nr1
Giulio Panicali: diplomatico Inglese
Romano Ghini: operatore Radar alle Hawaii
Carlo D’Angelo: presidente americano
Nino Pavese: generale USA al Pentagono
Massimo Turci: ufficiale al Pentagono
Serena Verdirosi: segretaria di Osato

 

La trama

La SPECTRE è di nuovo all’opera, sempre pronta ad ordire complotti contro le superpotenze mondiali e a servire il caos in cambio di denaro e potere. Stavolta il piano la porta a sequestrare due navicelle spaziali con i rispettivi piloti, una americana l’altra russa, è palese l’intento di minare il già precario equilbrio tra due nazioni sempre sull’orlo di una crisi nucleare.

Il piano funziona, sia l’Unione Sovietica che gli Stati Uniti accusano le nazione rivale del rapimento, e quando la situazione è ormai disperata e all’orizzonte si prefigura un’imminente guerra mondiale, il servizio segreto britannico mette in campo il suo miglior agente, James Bond (Sean Connery) nome in codice “007”.

Le tracce lasciate da SPECTRE e dal suo spietato boss Ernst Stavlo Blofeld (Donald Pleasence) portano in Giappone, qui Bond con l’aiuto dei servizi segreti giapponesi e dell’agente Tigre Tanaka (Tetsuro Tamba), tra imboscate e spericolati inseguimenti, scopre che la SPECTRE ha insediato il suo quartier generale in un’isola vulcanica giapponese. Bond organizza così un’incursione e sventa il complotto internazionale, ma Blonfeld riesce a fuggire pronto a riorganizzarsi per un prossimo attacco…

 

Il nostro commento

stasera-in-tv-agente-007-si-vive-solo-due-volte-su-rai-3-5.jpg

Quinta volta di Connery nel ruolo di James Bond, l’attore comincia a lamentarsi della serie, non tanto per la qualità di copioni ed episodi bensì per un ruolo che rischia di soffocarne un eventuale sviluppo della carriera, infatti Connery dopo questo film lascerà la serie sostituito nel successivo Agente 007 – Al servizio segreto di sua maestà da un George Lazenby che non regge il paragone e viene tempestivamente rimpiazzato nei film successivi da Roger Moore.

Forse il Bond più fumettoso di sempre, villain da caricatura, effetti speciali sopra le righe, un Giappone irrealistico e romanzato all’estremo, ma tutto questo nell’insieme risulta divertente e coinvolgente proprio perché al limite del kitsch.

Connery è come al solito perfetto ed autoironico, tutto assume la forma di un fumettone avventuroso in cui il lato spionistico lascia il posto ad un pastiche action-avventuroso che non può non divertire ancora oggi, nonostante i tanti anni trascorsi e questo proprio grazie ad una certa ingenuità che preserva la pellicola dagli inevitabili segni dello scorrere del tempo.

Il regista Lewis Gilbert, tra i suoi titoli la comedy Alfie con Michael Caine e l’intrigante Fantasmi, ghost-story del 1995 con Aidan Quinn, preme l’accelleratore sull’azione coadiuvato da un villain di lusso come Donald Pleacence e caratteristi di rara bravura. Agente 007 – Si vive solo due volte è un avventura coinvolgente che non deluderà i fan del Bond targato Connery.

 

Curiosità

stasera-in-tv-agente-007-si-vive-solo-due-volte-su-rai-3-2.jpg
  • Il film liberamente basato sul romanzo “Si vive solo due volte” di Ian Fleming è il quinto film della serie ufficiale di James Bond.
  • Mentre si svolgevano sopralluoghi in Giappone, il team di produzione è scampato alla morte. Il 5 marzo 1966 i produttori Albert R. Broccoli e Harry Saltzman, il regista Lewis Gilbert, il direttore della fotografia Freddie Young e lo scenografo Ken Adam stavano per lasciare il Giappone con il volo BOAC 911 in partenza Tokyo per Hong Kong e Londra. Due ore prima che il Boeing 707 partisse, il team è stato invitato ad una inattesa dimostrazione ninja e quindi persero il loro aereo. Il loro volo decollò come programmato e venticinque minuti dopo aver lasciato l’aeroporto si schiantò sul monte Fuji senza superstiti.
  • Tsai Chin, che ha interpretato la playmate di Bond nella sequenza di apertura prima dei titoli di testa, è tornata alla serie di Bond quasi 40 anni dopo, interpretando uno dei giocatori di poker della partita di Le Chiffre in Casino Royale (2006).
  • Il set del vulcano è costato quasi quanto l’intero budget di Agente 007 – Licenza di uccidere (1962). Era così grande che poteva essere visto da 4 chilometri di distanza.
  • Mentre erano in Giappone, Sean Connery e sua moglie Diane Cilento sono stati letteralmente perseguitati dalla stampa internazionale. Durante le conferenze stampa i giornalisti continuavano a rivolgersi a Connery come James Bond. Giornalisti locali hanno tentato di fotografarlo in uno spogliatoio. Trenta guardie di sicurezza private extra sono state assunte per impedire a fan e giornalisti di importunare l’attore, ma anche le guardie hanno iniziato a scattare foto. Connery sarebbe stato fotografato mentre era sul gabinetto e la foto pubblicata su un giornale di Tokyo. A metà riprese Connery ha annunciato che non sarebbe tornato come James Bond aggiungendo tensione con i produttori per non aver rispettato il suo obbligo contrattuale di fare un altro film di 007, pur avendo ricevuto un’offerta di 1 milione di dollari. Dopo che il film venne terminato a Connery è stato chiesto se aveva trovato le donne giapponesi attraenti e lui avrebbe risposto “No”, causando le ire di molti giapponesi. Questo passo falso si è poi rivelato essere conseguenza di un errore di traduzione in un giorno in cui Connery era esausto dopo un’intensa giornata di riprese. Connery si presentò all’intervistatore in una t-shirt casual con pantaloni larghi e sandali e non indossando il suo parrucchino. L’intervistatore atterrito di fronte a quella vista chiese a Connery: “È così che si veste James Bond?” con l’attore che rispose laconicamente: “Non sono James Bond, io sono Sean Connery, un uomo che ama vestire comodo”.
  • Questo è il primo film a mostrare James Bond nella sua uniforme della Royal Navy indicando chiaramente che ricopre il grado di Comandante.
  • James Bond non guida un’automobile in questo film.
  • Nel romanzo Ian Fleming descrive nascondiglio di Blofeld come un castello sulla costa. Lo scenografo Ken Adam ha scoperto che ciò non poteva essere vero. I giapponesi non hanno mai costruito i loro castelli direttamente sulla costa per paura dei tifoni. Da qui la creazione dell’elaborato set del vulcano.
  • Il volto di Ernst Stavro Blofeld è mostrato per la prima volta in un film. Di tutti i numerosi attori che hanno interpretato Blofeld, è l’interpretazione di Donald Pleasence in questo film la fonte dell’ispirazione della parodia di Mike Myers del personaggio “Dottor Male” nei film di Austin Powers. Blofeld è apparso anche nei successivi film di Bond interpretato ogni volta da un attore diverso.
  • Al fine di ottenere un certo grado di autenticità per la squadra di stuntmen che avrebbero interpretato i Ninja nella battaglia finale nel vulcano, i produttori hanno arruolato un maestro ninja giapponese, il 34enne Masaaki Hatsumi, che aveva ereditato la tradizione dal suo insegnante in pensione Toshitsugu Takamatsu. Sia Takamatsu che Hatsumi erano stati consulenti durante la produzione dei primi due film della serie “Shinobi No Mono”incentrati su ninja assassini e prodotti in Giappone tra il 1962 e il 1966. Hatsumi interpreta anche un cameo, è l’uomo che a bordo del treno privato di Tanaka Tigre interrompe Bond e Tanaka mentre discutono di Sake per annunciare loro che le fotografie sono pronte per la visione.
  • L’attore e stuntman Joe Robinson ha istruito Sean Connery nell’arte dello Judo per la scena verso la fine del film, in cui James Bond deve combattere con Hans, una gigantesca guardia del corpo di Blofeld. Robinson per quella scena ha anche sostituito in veste di c ontrofigura l’attore Ronald Rich che ha interpretato Hans. Robinson apparirà anche come il trafficante di diamanti Peter Franks in Agente 007 – Una cascata di diamanti (1971).
  • Dopo che fu scoperto che Mie Hama che interpreta Kissy Suzuki non sapeva nuotare, è stata la moglie di Sean Connery, l’attrice Diane Cilento, a prestarsi come controfigura dellla collega nella sue scene di nuoto indossando una parrucca nera. Alcuni fonti sostengono invece che Hama non potè fare quelle scene a causa di forti crampi allo stomaco.
  • Il cognome del personaggio Ernst Stavro Blofeld è ispirato a Thomas Blofeld, compagno di scuola del creatore di James Bond, Ian Fleming, entrambi frequentavano l’Eton College. La data di nascita di Ernst Blofeld nei libri di James Bond è la stessa data di compleanno di Fleming, il 28 maggio 1908.
  • Akiko Wakabayashi non poteva guidare così tutte le sue scene di guida sono state girate con stuntmen che indossano parrucche.
  • Il film è uscito due mesi dopo James Bond 007 – Casino Royale (1967). Questa è stata la prima delle due volte che due film di “James Bond” sono stati rilasciati nello stesso anno. E’ avvenuto di nuovo sedici anni più tardi con Octopussy – Operazione piovra (1983) e Mai dire mai (1983).
  • Il rapporto tra Sean Connery e i produttori era così teso che Connery ha minacciato di non presentarsi sul set se anche loro fossero stati presenti.
  • Il romanzo di “Si vive solo due volte” è stato l’ultimo romanzo di James Bond pubblicato da Ian Fleming durante la sua vita. Pubblicato il 16 marzo 1964 è stato il dodicesimo romanzo della serie. Per la prima volta nella serie di film di James Bond, la storia sullo schermo somigliava molto poco al romanzo cui si ispirava. Alcuni personaggi e l’ambientazione giapponese rimangono intatti, come alcuni dettagli minori, ma le due storie sono radicalmente diverse.
  • Questo è il primo film di James Bond a non mostrare la sede dell’MI6.
  • Grandi parti della struttura della trama di questo film saranno riutilizzate ampiamente in La Spia Che mi amava (1977), così come in Moonraker – Operazione spazio (1979) e poi di nuovo per Il domani non muore mai (1997).
  • Il titolo di “Si vive solo due volte” deriva da un haiku (o una poesia) incluso nel romanzo di Ian Fleming su cui si basa il film. L’haiku recita: “Si vive solo due volte. Una volta quando si nasce e una volta quando si guarda la morte in faccia…”. Nel romanzo la poesia è stata scritta da James Bond per il suo amico Tanaka Tigre. A causa di una attribuzione mal formulata riguardante il romanzo, la poesia è stata più volte ed erroneamente attribuita ad un poeta giapponese chiamato Matsuo Basho.
  • Questo è il solo film di James Bond in cui 007 si riferisce a Miss Moneypenny con il soprannome “Penny”. Questo soprannome è stato utilizzato anche nel romanzo originale di Ian Fleming.
  • Il video della navicella statunitense Jupiter nel film è in realtà una ripresa della reale navicella spaziale Gemini che ha volato tra il 1965 e il 1966. La navicella spaziale Gemini è stata utilizzata per le prove di attività come EVA e attracco per il progetto spaziale Apollo. Ironia della sorte, il veicolo spaziale sovietico nel film viene chiamato Gemini (nome del veicolo spaziale degli Stati Uniti).
  • Charles Gray (Henderson) avrebbe poi interpretato Blofeld in Agente 007 – Una cascata di diamanti (1971).
  • Pur essendo un personaggio importante in questo film, il nome di Kissy Suzuki non viene mai menzionato una volta sullo schermo.
  • Una scena in cui un elicottero cattura una vettura della Spectre con un magnete era un’idea concepita da Dana Broccoli, moglie del produttore Albert R. Broccoli.
  • Il motivo per cui il film è così diverso dal libro è che lo sceneggiatore Roald Dahl odiava il libro e lo definì il peggior libro di Ian Fleming, paragonandolo ad un diario di viaggio. Sulla creazione della trama, Dahl ha deciso di fare una trama di base simile a Agente 007 – Licenza di uccidere (1962 ).
  • Il tentativo di uccisione di James Bond da parte un sicario ninja è modellata su un episodio reale in cui il ninja Iga tentò, senza riuscirvi, di assassinare il signore della guerra Nobunaga Oda nel 16° secolo in Giappone.
  • I montatori del film erano in  origine Lewis Gilbert e Thelma Connell, ma dopo un primo montaggio di tre ore, che ebbe una pessima risposta da parte del pubblico in alcune proiezioni di prova, venne chiesto a Peter R. Hunt, montatore di tutti i precedenti film di Bond, di rimontare il film. I produttori non contenti del film supplicarono letteralmente Hunt che accettò di tornare a condizione di poter dirigere il successivo film di James Bond, Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà (1969).
  • Le idee di Donald Pleasence per l’aspetto di Blofeld includevano una gobba, lo zoppicare, una barba e una mano amputata, questo prima di optare per la cicatrice.
  • L’attore Tetsuro Tanba (Tanaka) in seguito divenne un leader religioso in Giappone.
  • Teru Shimada, che interpreta Mr Osato, lavorava come custode quando è stato lanciato nel ruolo.
  • Nella versione tedesca per la prima volta la Spectre viene chiamata con il suo nome originale, in precedenza era stato utilizzato l’acronimo G.O.F.T.E.R (Geheimorganisation Für Terrorismus, Erpressung und Rache) in Agente 007 – Licenza di uccidere (1962) e Phantom in A 007, Dalla Russia con amore (1963) e Agente 007 – Thunderball: Operazione tuono (1965).
  • Questo è uno dei tre film di James Bond in cui Bond non indossa uno smoking (gli altri due sono 007, Dalla Russia con amore e Agente 007 – Vivi e lascia morire).
  • Un totale di 98 stuntmen sono stati utilizzati nelle scene del vulcano.
  • Eva Renzi ha rifiutato il ruolo della Bond girl Helga Brandt che alla fine è andato a Karin Dor.
  • Il tenente colonnello in pensione dell’US Air Force Charles Russhon ha agito come consulente tecnico, collegamento militare, ha partecipato alla ricerca delle location, supportato il reperimento di  importanti mezzi di trasporto e consigliato sulla logistica per lavorare in Giappone.
  • Toho Studios ha fornito ai porduttori americani teatri di posa, personale e attrici giapponesi.
  • Nella serie di Alex Rider, dove il personaggio è una versione adolescente di James Bond, c’è un’organizzazione, Scorpia, che è simile a SPECTRE e il cui leader Željan Kurst è calvo come Blofeld. I loro piani sono sempre contrastati da Alex Rider / James Bond. Scorpia è quasi un acronimo per quello che fa come lo è SPECTRE, ma SPECTRE è composta da ex agenti segreti disillusi che hanno deciso di fare del terrorismo un business.
  • Dato che questa doveva essere l’ultima apparizione di Sean Connery come James Bond, del materiale pubblicitario del film rilasciato in anticipo annunciava che Bond sarebbe stato ucciso, si sarebbe sposato e sarebbe diventato giapponese. Tutti questi eventi sono stati rappresentati nel film, ma erano in realtà stratagemmi parte delle attività sotto copertura di Bond.
  • Il film costato 10 milioni di dollari ne ha incassati circa 111.

 

La colonna sonora

stasera-in-tv-agente-007-si-vive-solo-due-volte-su-rai-3-4.jpg
  • Le musiche originali del film sono del compositore inglese John Barry che nella sua lunga e prolifica carriera ha ricevuto cinque Premi Oscar e composto la colonna sonora di dodici film della serie di James Bond.
  • Nancy Sinatra è stata la prima cantante non britannica ad interpretare una colonna sonora per un film di James Bond.
  • Una cover del brano “Si vive solo due volte” composta da John Barry e Leslie Bricusse è stata registrata da Björk per una compilation di canzoni di Bond di David Arnold dal titolo: “Shaken and Stirred: The David Arnold James Bond Project”. Il brano però non è stato incluso nella compilation.
  • Una canzone composta da Robbie Williams ha ampiamente campionato il tema principale di Agente 007 – Si vive solo due volte. La canzone del 1998 intitolata “Millenium” è stata composta campionando la parte principale del tema originale di John Barry. Il brano ha conquistato la vette delle classifiche nel Regno Unito e il video musicale includeva una serie di riferimenti all’iconografia e all’immaginario di James Bond.

 

TRACK LISTINGS

1. You Only Live Twice / Main Title – Nancy Sinatra
2. Capsule in Space – John Barry
3. Fight At Kobe Dock / Helga – John Barry
4. Tanaka’s World – John Barry
5. A Drop in the Ocean – John Barry
6. The Death of Aki – John Barry
7. Mountains and Sunsets – John Barry
8. The Wedding – John Barry
9. James Bond / Astronaut – John Barry
10. Countdown for Blofeld – John Barry
11. Bond Averts World War Three – John Barry
12. You Only Live Twice – End Title – Nancy Sinatra
13. James Bond in Japan – John Barry
14. Aki, Tiger and Osato – John Barry
15. Little Nellie – John Barry
16. Soviet Capsule – John Barry
17. Spectre And Village – John Barry
18. James Bond / Ninja – John Barry
19. Twice Is the Only Way to Live – John Barry

 

You Only Live Twice (Main Title) – Nancy Sinatra:

The Wedding / James Bond Averts WWIII / Capsule in Space – John Barry:

You Only Live Twice (Instrumental) – John Barry:

 

Clip e video

stasera-in-tv-agente-007-si-vive-solo-due-volte-su-rai-3-1.jpg

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann