DC e Marvel: 10 attori che hanno cambiato bandiera

10 attori che hanno impersonato personaggi e supereroi sia per Marvel che DC Comics.

 

Nonostante le stroncature della critica contro Zack Snyder e L’Universo Esteso DC, incassi e popolarità denotano un’ottimo stato di salute del genere supereroistico di stampo cinematografico sia sul fronte Marvel che DC.

In questo scenario in continua evoluzione sta diventando sempre più comune per gli attori che hanno già lavorato su film Marvel passare a pellicole DC e viceversa. L’esempio più recente è il casting di Joe Manganiello che in precedenza aveva interpretato Flash Thompson negli Spider-Man di Sam Raimi e che ora è stato confermato nel ruolo di Slade Wilson alias Deathstroke che sarà la nemesi principale nel prossimo film da solista di Batman. Manganiello è passato dal ruolo del giovane bullo e compagno di classe di Peter Parker, nonché futura incarnazione nei fumetti del simbionte Venom, ad uno degli assassini più letali dell’universo DC già incarnato in formato live-action dall’attore Manu Bennett nella serie tv Arrow.

Utilizzando il formato classifica vogliamo proporvi 10 attori che hanno cambiato bandiera tra DC e Marvel. La lista non include alcuni attori che sono apparsi nei film Vertigo, sussidiaria della DC e coloro che non hanno ancora debuttato con il loro secondo personaggio dei fumetti come Michael Keaton (Batman / Avvoltoio), Willem Dafoe (Goblin / Vulko) e J.K. Simmons (J. Jonah Jameson / Commissario Gordon).

 

1. Ryan Reynolds

Ryan Reynolds ha fatto il suo debutto in un film di supereroi nei panni del cacciatore di vampiri Hannibal King nel sequel Blade: Trinity (2004) per poi vestire i panni del mercenario Wade Wilson in X-Men le origini: Wolverine (2009). Nel 2011 arriva il primo ruolo da supereroe protagonista, è Hal Jordan nella prima trasposizione di Lanterna Verde, un film deludente e poco coinvolgente afflitto da un’eccesso di CG costato la bellezza di 200 milioni di dollari con un incasso di appena 219 milioni, un incasso così deludente che ha spinto Warner Bros e DC ad abbandonare i loro piani per un sequel. Cinque anni e 10 film più tardi la svolta, Reynolds ancora protagonista assoluto passa alla Marvel e torna a vestire i panni di un Wade Wilson rivisitato nel cinecomic campione d’incassi Deadpool, l’attore si fa perdonare l’opaca performance come Lanterna Verde e interpreta uno dei migliori cinecomic di sempre.

 

2. Josh Brolin

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-2.jpg

Jonah Hex dopo il debutto negli anni ’70 è stato un fumetto molto popolare tra i fan DC e nel 2010 Warner Bros e DC hanno deciso di dare al cacciatore di taglie confederato, creato da John Albano (testi) e Tony DeZuniga (disegni), un’incarnazione live-action reclutando il talentuoso Josh Brolin. Purtroppo non basterà il talento di un attore di calibro a salvare una pellicola pasticciata che a fronte di un budget di quasi 50 milioni di dollari si rivelerà un sonoro flop con un incasso di appena 10 milioni. Quattro anni dopo Brolin torna al filone supereroistico, ma stavolta in un duplice cambio di fronte, da DC a Marvel e da buono a supercattivo, l’attore rimpiazza Damion Poitier come Thanos interpretando il “Titano pazzo” sia in Guardiani della Galassia che in un successivo cameo alla fine di Avengers: Age of Ultron. Ritroveremo il Thanos di Brolin come antagonista principale in Avengers:Infinity War che si preannuncia come qualcosa di davvero memorabile.

 

3. Tommy Lee Jones

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-3.jpg

Tommy Lee Jones debutta nel suo primo cinecomic nel 1995 sostituendo la prima scelta Billy Dee Williams come Harvey Dent alias Due Facce nel Batman Forever di Joel Schumacher, film discreto se paragonato al pessimo Batman and Robin e nobilitato anche dall’istrionico Jim Carrey nei panni dell’Enigmsta. Ben sedici anni dopo Jones cambia fronte e passa alla Marvel con un personaggio più contenuto, il colonnello Chester Phillips in Captain America: Il primo vendicatore. Il personaggio creato da Stan Lee e Jack Kirby e apparso per la prima volta in Tales of Suspense n.63 (marzo 1965); nei fumetti Phillips è un generale che durante la seconda guerra mondiale supervisiona il “Project: Rebirth” che trasformerà Steve Rogers in un super-soldato.

 

4. Ben Affleck

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-4.jpg

Il percorso di Ben Affleck nei cinecomic è simile a quello di Ryan Reynolds, partito con un passo falso, in questo caso il film con protagonista il supereroe Marvel Daredevil si è fatto perdonare con un’efficace performance nei panni di Bruce Wayne in Batman v Superman: Dawn of Justice che ha presentato a livello di look il miglior Batman di sempre. In Daredevil purtroppo è stata proprio l’opaca performance di Affleck a minare un film nel complesso buono, la mancanza di carisma del Matt Murdock di Affleck ha reso sfolgorante la performance di Jennifer Garner nei panni di Elektra, tanto che la supereroina Marvel avrà un suo spin-off che purtroppo non si rivelerà all’altezza delle aspettative. Affleck dopo l’esperienza negativa di Daredevil era riluttante a cimentarsi di nuovo con un supereroe, ma la sua svolta nell’Universo DC è stata così positiva che lo ha già visto tornare come Batman in Suicide Squad e accettare di dirigere e interpretare un reboot del Cavaliere oscuro per l’Universo Esteso DC.

 

5. Laurence Fishburne

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-5.jpg

Se Doug Jones è colui che ha interpretato fisicamente il surfista d’argento nel sequel I Fantastici 4 e Silver Surfer, è stato Laurence Fishburne che ha fornito la voce al supereroe Marvel. Nonostante il godibile live-action I Fantastici Quattro (2007) non abbia convinto i fan, Fishburne ha fatto un ottimo lavoro in veste di doppiatore per dare un tocco umano al traslucido “araldo” della feroce entità cosmica Galactus. Fishburne torna al mondo dei cinecomic sei anni dopo giocando in casa DC con il ruolo del burbero e paterno Perry White, l redattore capo del Daily Planet in L’uomo d’acciaio, una performance quella di Fishburne efficace nel creare una dinamica vivace con la Lois Laine di Amy Adams.

 

6. Adewale Akinnuoye-Agbaje

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-6.jpg

Thor: The Dark World è stato un film riuscito nel suo complesso, anche se non privo di mancanze come Malekith, nemesi non all’altezza della situazione (Loki resta un punto di riferimento imprescindibile). Se l’antagonista principale non era memorabile, sicuramente sarà difficile ricordare Adewale Akinnuoye-Agbaje nei panni dell’Elfo oscuro e secondo in comando Algrim, poi trasformato in Kurse. Dal momento che il suo ruolo “Marvel” era marginale Akinnuoye-Agbaje ha avuto l’occasione di rifarsi quando DC gli ha dato più spazio come l mostruoso Killer Croc in Suicide Squad. Croc che in un primo momento appare il “braccio” della squadra, non ha mancato nella sua manciata di battute di risultare sorprendentemente divertente. Se Suicide Squad 2 otterrà luce verde, sarà un gran piacere ritrovare Akinnuoye-Agbaje magari con un ruolo più ampio.

 

7. Tao Okamoto

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-7.jpg

Wolverine – L’immortale ha portato nel 2013 il mutante Logan in Giappone alle prese con Yakuza, ninja e un nuovo interesse amoroso, la graziosa Mariko Yashida. Tao Okamoto ha interpretato la versione cinematografica di Mariko, la classica donzella in pericolo che ha fornito una gradita alternatva romantica a Logan dopo Jean Grey. Tre anni più tardi, la Okamoto è passata alla DC e più precisamente con un ruolo in Batman v Superman: Dawn of Justice come l’assistente di Lex Luthor, Mercy Graves, ma il ruolo non ha fornito all’attrice lo spazio necessario a mettersi mostra, sovrastata senza troppa fatica dall’istrionica performance di Jesse Eisenberg.

 

8. Tim Robbins

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-8.jpg

Tim Robbins ha avuto un debutto poco fortunato nel filone dei film tratti da fumetti e con “Marvel”, era il 1986 quando ha interpretato lo scienziato Phil Blumbertt, in Howard e il destino del mondo, un nerd entusiasta e strambo che ha cercato di aiutare Howard il papero a tornare nel suo mondo, un pianeta Terra in stile “Paperopoli” locato in un universo parallelo. Il film stroncato dalla critica e rivelatosi un flop colossale negli anni si è conquistato uno zoccolo duro di estimatori tra cui il sottoscritto. 25 anni dopo Robbins ha avuto la sua svolta “DC” nei panni del senatore Robert Hammond in Lanterna Verde, una performance senza dubbio puntuale, ma senza guizzi.

 

9. James Marsden

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-9.jpg

James Marsden ha contribuito al franchise Marvel degli X-Men prestando il suo volto a Scott Summers, meglio noto come il mutante Ciclope che l’attore ha caratterizzato senza strafare per tre film e salutato in X-Men: Conflitto finale. Nel 2006 il cambio di fronte “DC” con il ruolo di Richard White in Superman Returns. Il Richard White di Richard Marsden nels equel di Bryan Singer era il nipote dell’editore capo del Daily Planet Perry White (interpretato da Frank Langella) nonché fidanzato di Lois Lane.

 

10. Michael Fassbender

dc-e-marvel-10-attori-che-hanno-cambiato-bandiera-10.jpg

Prima che Michael Fassbender prendesse in carico il ruolo di Magneto da Ian McKellen aveva già avuto un’esperienza nel mondo degli adattamenti da fumetto. Oltre al ruolo di Stelios in 300 basato sull’omonimo graphic-novel di Frank Miller, anche lui era apparso in Jonah Hex nei panni di Burke, il braccio destro dell’antagonista principale Quentin Turnbull. Jonah Hex come è noto si è rivelato una cocente delusione quindi il ruolo di giovane Erik Lensherr in X-Men: L’inizio, X-Men: Giorni di un futuro passato e X-Men: Apocalisse ha inserito Fassbender nella “Hall of Fame” dei personaggi da cinecomic. Il lavoro di Fassbender ha caratterizzato un Magneto tormentato, ambiguo e disperato nel suo conflitto interiore cibato con vendetta e un odio viscerale verso la razza umana.

 

 

Fonte: Cinemablend

 

 

Ultime notizie su Film Marvel

Tutto su Film Marvel →