Trafficanti: le recensioni straniere

I commenti dei critici al film di Todd Phillips

di carla

E’ uscito il 15 settembre il film Trafficanti (in originale “War Dogs”) diretto da Todd Phillips e interpretato da Jonah Hill, Miles Teller, Bradley Cooper, Ana de Armas, Dan Bilzerian, Shaun Toub, Maegan Vogel, Valentina Lucia Faltoni, Barry Livingston, JB Blanc. Dopo la nostra recensione, ecco arrivare i commenti dei critici stranieri, raccolti da RottenTomatoes. Mentre scrivo, il film ha raccolto il 61% di voti positivi.

Richard Brody – New Yorker: I personaggi non hanno ricordi, nessuna identità, nessuna gamma di interessi, connessioni personali, senza idiosincrasie oltre i dettami della trama.

Tim Grierson – The New Republic: il film vuole scioccarci con la sua incredibile storia. Ma finisce per presentare tutto in modo generico e perde le irregolarità bizzarri della vita reale. Non possiamo essere indignati perché non siamo mai stati veramente in discussione.

Peter Travers – Rolling Stone: una rara commedia contemporanea che sa come scaturire una risata con un bastone in gola. Voto: 3/4

Adam Graham – Detroit News: un guardabile intrattenimento da popcorn, ma materiale come questo dovrebbe essere difficile da trattare e dovrebbe scatenare delle domande. Voto: C

Linda Barnard – Toronto Star: Le impronte digitali di “La grande scommessa”, “American Hustle” e “The Wolf of Wall Street” sono evidenti nello stile di narrazione. Ma “Trafficanti” non è della stessa pasta. Voto: 2.5 / 4

Mark Jenkins – NPR: probabilmente sarebbe stato più interessante se i realizzatori non si fossero allontanati così tanto dalla storia vera.

Neil Genzlinger – New York Times: è “Basato su una storia vera,” e infatti lo è. Il che dimostra che la verità è più strana della finzione.

Andrew O’Hehir – Salon.com: è una storia sorprendentemente ben raccontata.