E’ morto Dario Fo – ll ricordo di Blogo

E’ morto a 90 anni l’attore, scrittore e drammaturgo Dario Fo insignito nel 1997 con il premio Nobel per la letteratura.

 

È morto all’età di 90 anni Dario Fo. Attore, scrittore, regista, drammaturgo, scenografo, attivista politico e pittore, Fo è da considerarsi un uomo di teatro a tutto tondo divenuto famoso per i suoi testi teatrali pregni di satira politica e sociale. Il suo lavoro gli ha regalato due candidature al Premio Nobel che ha vinto nel 1997 ricevendo il prestigioso riconoscimento per la letteratura.

Dario Fo in ambito cinematografico ha recitato in una manciata di lungometraggi tra cui ricordiamo l’esordio in Scuola elementare (1954) di Alberto Lattuada nel ruolo di un tipografo, al fianco di Renato Rascel in Rascel-Fifi(1956) diretto da Guido Leoni e come protagonista nella commedia Lo svitato (1956) in cui recita con la moglie Franca Rame nei panni di un fattorino che in una redazione milanese viene scambiato per un giornalista.

Altri ruoli per il grande schermo di Fo includono la commedia dal cast internazionale Souvenir d’Italie (1957), il corale Domenica è sempre domenica (1958) di Camillo Mastrocinque, girato sula scia del grande successo della trasmissione televisiva Il Musichiere in cui Fo fa un’apparizione nei panni del passeggero di un treno, e la commedia grottesca Musica per vecchi animali (1989) diretta a quattro mani dallo scrittore italiano Stefano Benni e Umberto Angelucci; nel film Fo interpreta un professore in pensione all’interno di un surreale racconto basato sul libro “Comici spaventati guerrieri” di Benni.

Dario Fo è stato anche “Azzeccagarbugli” per lo sceneggiato televisivo I promessi sposi del 1989, doppiatore nei film d’animazione La freccia azzurra (1996) di Enzo D’Alò (1996) e Johan Padan a la descoverta de le Americhe (2002) di Giulio Cingoli e nei panni di se stesso ha preso parte ai documentari Viva Zapatero! (2005) di Sabina Guzzanti e Zero – Inchiesta sull’11 settembre (2007) di Franco Fracassi e Francesco Trento. L’ultima apparizone cinematografica di Dario Fo è nell’opera prima Sweet Democracy (2016) di Michele Diomà, un mix di satira politica, fiction e documentario.

 

Filmografia

Scuola elementare, regia di Alberto Lattuada (1954)
Lo svitato, regia di Carlo Lizzani (1955)
Rascel-Fifì, regia di Guido Leoni (1957)
Souvenir d’Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
Monetine da cinque lire, film televisivo, regia di Claudio Fino (1959)
Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
Follie d’estate, regia di Edoardo Anton e Carlo Infascelli (1963)
Il Cantamaggio, regia di Paolo Benvenuti e Gianni Menon (cortometraggio, 1978)
Musica per vecchi animali, regia di Umberto Angelucci e Stefano Benni (1989)
I promessi sposi, miniserie televisiva, regia di Salvatore Nocita (1989)
La freccia azzurra, solo voce, regia di Enzo D’Alò (1996)
Johan Padan a la descoverta de le Americhe, solo voce, regia di Giulio Cingoli (2002)
Viva Zapatero, regia di Sabina Guzzanti (2006)
Zero – Inchiesta sull’11 settembre, regia di Franco Fracassi e Francesco Trento (2007)
Sweet Democracy, regia di Michele Diomà (2016)