Marco Müller abbandona il Macao Film Festival ad un mese dal via

Marco Müller si dimette da direttore del Macao Film Festival.

marco-muller-getty

Colpo di scena in arrivo dal Macao Film Festival, tra meno di un mese al via e di fatto rimasto senza direttore. Marco Müller, ex numero uno della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e della Festa di Roma, ha infatti levato le tende. Dimissioni improvvise e clamorose, visto e considerato che proprio Müller ha di fatto creato questa prima storica edizione del Macao International Film Festival, pronta a partire l'8 dicembre.

Un addio tutt'altro che pacifico, visto e considerato che gli organizzatori della manifestazione hanno annunciato di volerlo trascinare in tribunale. Intercettato telefonicamente dall'Hollywood Reporter, Müller ha motivato la sua rinuncia parlando di 'divergenti opinioni sulla strada da seguire'. L'ex direttore di Locarno, Venezia e Roma non è voluto entrare nello specifico, sottolineando come avesse firmato 'un accordo, e non un contratto', con il Governo di Macao.

Proprio oggi è stato presentato il programma del Macao Film Festival, che vede al suo interno una sezione "Hidden Dragons", che rappresenta le ultime tendenze del cinema asiatico di genere contemporaneo, e una sezione "Best of Fest", che prende il meglio dagli altri Festival internazionali. Grandi assenti, però, i film hollywoodiani, ed è qui che sambrerebbe essere esplosa la diatriba tra Müller, sostenitore del cinema a stelle e strisce, e il governo di Macao. C'è anche chi parla di evidente nepotismo, con personaggi inadeguati promossi in ruoli decisionali dalle più alte sfere.

"Mi sento tranquillo, perché abbiamo lavorato duro [e] abbiamo fatto tutto quello che abbiamo cercato di fare. Ma, naturalmente, allo stesso tempo, sono molto triste di lasciare la festa prima del suo inizio. Però sono sicuro che una squadra c'è, sanno come prendersi cura dei film e alcuni consulenti internazionali saranno lì per aiutare - a prendersi cura di ogni film".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail