Tomb Raider: pronta la sceneggiatura del reboot

Walton Goggins ha condiviso la copertina dello script del nuovo "Tomb Raider", insieme a quello che potrebbe essere parte del suo costume di scena.

tomb-raider-pronta-la-sceneggiatura-del-reboot.jpg

 

Il mese scorso il reboot Tomb Raider della MGM ha trovato il suo villain principale con l'arrivo di Walton Goggins a bordo per recitare al fianco di Alicia Vikander che invece vestirà i panni di Lara Croft. Poco dopo la notizia del casting di Walton Goggins, un altro aggiornamento è emerso online in cui si affermava che le riprese del reboot erano previste per il mese di gennaio 2017. Recentemente Walton Goggins ha utilizzato i social media per rivelare che la sceneggiatura è pronta e che la produzione potrebbe essere già in corso o in procinto di prendere il via.

La foto condivisa su Instagram da Walton Goggins ha rivelato la copertina della sceneggiatura scritta da Ginevra Robertson-Dworet, insieme con la didascalia: "2017...Day 3... and imma bout to go Raid a motherf---ing Tomb". Mentre il messaggio di Walton Goggins non significa necessariamente che le riprese sono in corso, possiamo anche vedere un cappello appoggiato sul copione, che potrebbe essere parte del costume di scena dell'attore. A questo punto anche se le riprese non fossero iniziate è probabile che accadrà presto.

Walton Goggins in una recente intervista ha rivelato che il suo villain è "confuso, arrabbiato e disperato" aggiungendo che queste emozioni sono le "vere ragioni del suo antagonismo". Lo scorso novembre il produttore Graham King ha rivelato che questa storia seguirà un giovane Lara Croft alla ricerca della verità sul padre per scoprire se è vivo o morto. Il regista Roar Uthaug ha anche confermato che il film è basato sui videogames reboot lanciati nel 2013 e alcune recenti notizie hanno parlato anche di grandi cambiamenti in arrivo per lo stesso videogame.

Crystal Dynamics ha recentemente rivelato che Rhianna Pratchett, capo degli sceneggiatori del videogame reboot Tomb Raider del 2013 e del sequel Rise of Tomb Raider del 2015 ha lasciato il franchise. Rhianna Pratchett ha vinto un Writers Guild of America Award all'inizio di quest'anno come sceneggiatrice di videogames per il suo lavoro su Rise of Tomb Raider e ha anche scritto una serie di fumetti che hanno colmato il divario tra i suoi due videogiochi. La sceneggiatrice ha condiviso alcuni suoi pensieri e salutato i fan dei videogiochi di Tomb Raider in una serie di tweet.

Voglio ringraziare il team Crystal Dynamics per la loro dedizione soprattutto Josh Stafford, Cameron Suey e Noah Hughes. Ragazzi è stato emozionante e mi piace pensare che abbiamo fatto alcune cose buone e forse cambiato un pochino il panorama dei videogames, una cosa che fa sentire dannatamente bene. Voglio anche ringraziare la formidabile community di TR. Davvero sono i migliori al mondo. Mi aiutano costantemente a ricordare il motivo per cui faccio questo lavoro.

Mentre la partenza di Rhianna Pratchett dal team di sviluppo del videogame Tomb Raider non avrà alcun impatto sul reboot, potrebbe invece avere un impatto sulle storie raccontate nei film futuri, ma di questo ci occuperemo a tempo debito.

Dopo il deludente Assassin's Creed, la speranza di vedere finalmente un adattamento da videogame capace di entusiasmare si sposta inevitabilmente sul reboot di Tomb Raider. Il primo Tomb Raider con Angelina Jolie detiene ancora il record per il maggior incasso di un adattamento da videogame al box-office americano, con 131.100.000$, anche se il record "globale" è invece di Warcraft che l'anno scorso, nonostante il sonoro flop in patria, ha incassato 433.500.000$.

 


 

 

Fonte: Movieweb

 

 

  • shares
  • Mail