• Film

King Arthur – Il potere della spada: 20 curiosità sul film di Guy Ritchie

Scopri “King Arthur – Il potere della spada” la trama, il trailer, i commenti e le recensioni con 20 curiosità sul film di Guy Ritchie.

King Arthur – Il potere della spada ha debuttato nei cinema italiani e Blogo vi propone alcune curiosità sull’avventura fantasy di Guy Ritchie.

 

King Arthur – Il potere della spada ha debuttato nei cinema italiani e cogliamo l’occasione per riprorvi la nostra recensione del film, la colonna sonora ufficiale e 20 curiosità sull’avventura fantasy diretta da Guy Ritchie (Sherlock Holmes) e interpretata da Charlie Hunnam, Jude Law, Djimon Hounsou ed Eric Bana.

Quando il padre del piccolo Artù viene assassinato, suo zio Vortigern si impadronisce del trono. Derubato dei diritti che gli spetterebbero per nascita e senza sapere chi è realmente, Artù riesce a sopravvivere nei vicoli oscuri della città e solo quando estrae la mitica spada dalla roccia la sua vita cambia radicalmente ed è costretto ad accettare la sua vera eredità e il suo destino di legittimo erede al trono.

 

 

  • Questo è il primo di sei film che racconteranno le origini di personaggi delle Leggenmde Arturiane come Merlino e Lancillotto.
  • Charlie Hunnam era scheletrico e aveva perso 9 chili per l’ultima stagione della serie tv Sons of Anarchy. Durante le audizioni Guy Ritchie era molto disturbato dal suo aspetto, anche se era soddisfatto della sua performance. Hunnam promise a Ritchie di raggiungere una forma fisica incredibile per Arthur e che avrebbe combattuto senza tregua con gli altri due finalisti per il ruolo, Henry Cavill e Jai Courtney. Hunnam disse a Ritchie: “Guarda amico, tu continui a parlare di fisicità che è ovviamente la tua preoccupazione primaria, quindi se riesci ad eliminare questa stron*ata dall’audizione, sarò in grado di battermi per il ruolo con gli altri due ragazzi. Lei può portarli entrambi qui, li affronterò entrambi: chi esce di qui si prende il lavoro”. Dopo questa affermazione Hunnam ha vinto il ruolo.
  • L’attrice Katie McGrath che in questo film interpreta il ruolo di Elsa ha interpretato Morgana, la sorellastra di Re Artù, nella serie tv Merlin basata sulle Leggende Arturiane.
  • Il film ha attraversato diverse tappe nella fase di sviluppo. Il primo regista a salire a bordo è stato David Dobkin che ha cercato di farne una versione con Kit Harington come Arthur e Joel Kinnaman come Lancillotto, ma il film è stato considerato troppo costoso e gli attori troppo poco conosciuti. Poi Colin Farrell è stato annunciato come Arthur e Gary Oldman come Merlino, ma  neanche questa versione ha visto la luce.
  • Charlie Hunnam ha detto di aver osservato da vicino il campione irlandese di Ultimate Fighting Conor McGregor per incorporare il suo stile di combattimento e il suo fisico ultra-definito nella sua interpretazione di una giovane versione “da strada” di Arthur. Hunnam ha guardato ore e ore di interviste e filmati di combattimenti di McGregor su Youtube perché pensava che sarebbe stato un modello interessante per il personaggio.
  • Charlie Hunnam prima delle riprese ha promesso: “sarò in una forma incredibile per questo film”. Ha aggiunto inoltre: “farò 500 flessioni ogni giorno”. Dopo aver concluso le riprese, Hunnam ha rivelato di aver effettivamente fatto parecchie centinaia di flessioni ogni giorno con il suo record personale che lo ha visto arrivare a 1.050 flessioni in un solo giorno.
  • Charlie Hunnam ha detto di aver raggiunto per King Arthur la sua massima massa muscolare: “Sono diventato grosso, più grosso di quanto sia mai stato. Sono arrivato a 86 chili!”.

 

 

  • Il film è stato presentato allo studio e agli attori come Il signore degli anelli incontra Snatch – Lo strappo di Guy Ritchie. Charlie Hunnam dopo aver sentito la descrizione scelta per vendere il film ha pensato che era:  “Un film che avrei voluto vedere”.
  • Astrid Bergès-Frisbey ha battuto Felicity Jones, Elizabeth Olsen e Alicia Vikander per il ruolo di Ginevra.
  • Idris Elba è stato fortemente considerato per il ruolo di Merlino nel film, ma alla fine nonostante una sua potenziale partecipazione al film è rimasta solo una voce.
  • La canzone che accompagna la seconda parte del trailer presentato al ComiCon è un adattamento della canzone tradizionale “Wild Wild Berry”, che è a sua volta un adattamento della canzone tradizionale “Lord Randall”. In entrambi i casi i testi parlano di un giovane lord che tornato a casa dopo un banchetto non vuole altro che sdraiarsi sul letto e riposare. Interpellato in merito, rivela che è stato avvelenato dalla donna che lui credeva essere il suo vero amore. Dopo la morte del lord, la donna che lo ha avvelenato viene giustiziata.
  • Guy Ritchie ha detto di essere rimasto sconvolto da quanto fisicamente fosse definito Charlie Hunnam per questo ruolo e di essere rimasto basito quando ha visto Hunnam per la prima volta a torso nudo: “Charlie non sembrava avere più del 6% di grasso corporeo, questo mi ha sconvolto la prima volta, sono rimasto sconcertato”.
  • Mikael Persbrandt ha abbandonato il suo ruolo nella serie tv di lungo corso Beck, che lo ha fatto diventare una star in Svezia, per apparire in questo film.
  • Charlie Hunnam per mantenere il suo “aspetto muscoloso” si è allenato in palestra e con la spada ogni singolo giorno, anche durante le riprese, dopo aver girato per 16 ore al giorno. Alla fine Hunnam grazie al suo costante lavoro fisico aveva raggiunto il livello di forma fisica di un atleta professionista.

 

 

  • Il titolo originale del film era “Knights of the Roundtable: King Arthur”.
  • Sia Aidan Gillen che Michael McElhatton sono nel cast della serie tv Il trono di spade.
  • King Arthur: Il potere della spada è il quarto film basato sulle Leggende Arturiane prodotto e distribuito da Warner Bros. dopo Camelot (1967), Excalibur (1981) e La spada magica – Alla ricerca di Camelot 1998).
  • Da quando aveva 6 anni Charlie Hunnam è letteralmente ossessionato dalla Leggenda di Re Artù a tal punto di aver visto ripetutamente nel corso degli anni Excalibur (1981) di John Boorman.
  • Sam Lee ha registrato una nuova versione del brano “Wild Wild Berry” specificamente per il trailer. Inizialmente il brano era destinato solo ad essere utilizzato per il trailer, ma a causa del riscontro ottenuto, una versione completa è stata registrata  e inclusa nella colonna sonora.
  • Sticky Studios ha sviluppato il videogioco ufficiale di “King Arthur: Legend of the Sword” per iOS e Android in cui si utilizza la zona “dojo” come visto nel trailer per mostrare le abilità di combattimento di strada di Arthur, incluso l’utilizzo della spada Excalibur. Lo studio ha anche progettato un’attività di realtà virtuale per Google Daydream, che consente ai giocatori di vestire i panni di Arthur.

 

 

 

 

 

 

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann