• Film

Stasera in tv: “Piedone d’Egitto” su Rai 3

Rai 3 stasera propone “Piedone d’Egitto”, commedia d’azione del 1980 diretta da Steno e interpretata Bud Spencer, Enzo Cannavale, Baldwin Dakile e Angelo Infanti.

 

Cast e personaggi

Bud Spencer: Commissario Rizzo
Enzo Cannavale: Brigadiere Caputo
Baldwin Dakile: Bodo
Angelo Infanti: Hassan
Cinzia Monreale: Connie Burns
Leopoldo Trieste: professor Coriolano Cerullo
Karl-Otto Alberty: Jack Connors
Adel Adham: Elver Zakar
Mahmoud Kabil: tenente Kebir
Robert Loggia: Edward Burns
Ester Carloni: venditrice di sigarette
Riccardo Pizzuti: Salvatore Coppola/uomo di Hassan
Giancarlo Bastianoni: complice di Coppola/uomo di Hassan
Vincenzo Maggio: complice di Coppola
Giovanni Cianfriglia: scagnozzo di don Carmine
Osiride Pevarello: guardia del tempio
Gigi Bonos: guardia del tempio
Venantino Venantini: artificiere Ruotolo

Doppiatori italiani

Pino Locchi: Edward Burns
Sergio Fiorentini: Zakar
Antonio La Raina: artificiere Ruotolo
Nino Vingelli: Salvatore Coppola

 

La trama

Il prof. Cerullo, uno stravagante scienziato, ha denominato “tropelio” un specie di coleottero che lui stesso ha scoperto essere presente ovunque esiste nel sottosuolo del “petrolio” (il nome convenzionale dell’insetto, infatti, è anagramma della parola “petrolio”). Naturalmente il mondo intero ha sete dell’oro nero e il professor Cerullo viene rapito dagli uomini di un ricco egiziano, Zakar, il quale vuole tenersi per sé i benefici di questa formidabile scoperta. Da Napoli, ove è avvenuta la scomparsa, a causa dei pochi indizi raccolti partono per il Cairo il commissario Rizzo, detto “Piedone” e il suo fedele collaboratore, il maresciallo Caputo; i due, tuttavia, vengono seguiti anche dal piccolo Bodo, il bambino di colore già presente nel precedente film, qui adottato da Piedone. Appena giunti a Il Cairo, i poliziotti napoletani devono prendere atto della diffidenza di Assan, capo di una tribù che vive nel deserto, e della aggressiva gelosia di altri europei, come Jack Connor, detto “Lo Svedese”. Dalla loro parte, invece, si schiera l’industriale Edward Barnes la cui nipote, Connie, viene anch’essa rapita. Il commissario Rizzo riesce tuttavia a stringere un’amicizia con Hassan, il quale ha come unico obbiettivo quello di vendicare la morte di suo fratello Omar, giunta per mano dello Svedese. Al momento della battaglia decisiva, il commissario Rizzo si finge pringioniero di Hassan e viene condotto da Zakar, ritrovando il piccolo Bodo con Caputo, il prof. Cerullo, Connie e suo padre. Così il commissario Rizzo può dare libero sfogo ad un’esilarante scazzottata avendo come appoggio sull’arrivo del tenente Kebir, del fidanzato di Connie e del comandante di un reparto di guardie egiziane alle quali vengono affidati i briganti.

 

Il nostro commento

stasera-in-tv-piedone-degitto-su-rai-3.jpg

Quarta e ultima avventura per il commissario Rizzo alias Piedone del grande Bud Spencer ancora diretto da Steno che per l’occasione bissa la location africana e riprende anche il personaggio del piccolo Bodo dall’improbabile parlata napoletana. Piedone d’Egitto conclude degnamente, anche se senza guizzi di sorta, la serie “Piedone” che punta ormai in toto alla commedia d’azione per famiglie e sempre meno al “poliziottesco” che ha dato i natali alla serie. Da segnalare uno spassoso e scatenato Enzo Cannavale che regala al film una marcia in più, dandole un tocco di vivacità laddove la sceneggiatura langue, il resto è cento per cento Bud Spencer che con le sue coregrafiche scazzottate e l’aria sorniona farà la felicità dei fan di lunga data, ingenuità e ripetitività a prescindere.

 

 

 

La colonna sonora

piedone-degitto-stasera-su-rai-3-4.jpg
  • Le musiche originali del film sono di Guido & Maurizio De Angelis.
  • La colonna sonora include i brani “Sphinx” interpretato dai Sunrise che accompagna i titoli di coda e “Burnin'” tratto dalla colonna sonora de “Il cacciatore di squali”.
  • Nella scena in cui Bud nuota nel Nilo si può ascoltare il brano “Car chase at Margellina” tratto dalla colonna sonora del film “Piedone lo sbirro”.