E’ morta Solvi Stubing – Il ricordo di Blogo

E’ scomparsa a 76 anni l’attrice ed ex-modella Solvi Stubing, la “bionda” dello spot Peroni degli anni sessanta.

 

Si è spenta nella sua casa di Roma, all’età di 76 anni, Solvi Stubing, attrice in diverse pellicole di cinema di genere italiano e volto popolare di un celebre spot degli anni ’60 della birra Peroni (con il celebre slogan “Chiamami Peroni sarò la tua birra!”).

Solvi Stubing nasce a Berlino il 19 gennaio del 1941; dopo aver lavorato come modella e interprete di fotoromanzi debutta nel cinema nel 1964 con un ruolo nel drammatico Le sette vipere (Il marito latino) di Renato Polselli (1964) per poi recitare per Antonio Pietrangeli in Io la conoscevo bene (1965), per Nanni Loy in Made in Italy (1965) e per Dino Risi in L’ombrellone (1965).

Solvi Stubing sul grande schermo ha spaziato tra i generi recitando in film thriller, commedie erotiche, spaghetti-western, poliziotteschi e film comici come 2 mafiosi contro Al Capone (1966) con Franco e Ciccio e Operazione San Gennaro (1966) con Totò e Nino Manfredi.

 

 

Negli anni ’70 la Stubing appare sulle copertine di Playmen e Playboy edizione italiana e recita nel comico Franco e Ciccio superstars (1974), nel poliziottesco La banda del gobbo (1977) con Tomas Milian e nel corale L’ingorgo (1978) di Luigi Comencini interpretato da Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni e Stefania Sandrelli.

Negli anni ’80 l’attrice si cimenta come annunciatrice per varie rubriche di novità cinematografiche (Cinerama, Magic cinema, Ciak si gira) e interpreta il dramma tedesco Liebeskonzil (1982) e il thriller italiano Delitti (1987). Dopo aver abbandonato il cinema, la Stubing si dedica alla politica e con Bettino Craxi presidente del Consiglio dei ministri italiano diventa membro della Commissione delle donne europee.

 

 

L’ultima apparizione cinematografica della Stubing risale al 2006 nel film Il punto rosso,  un dramma indipendente a sfondo politico diretto da Marco Carlucci.

I funerali di Solvi Stubing si terranno domani 4 luglio a Roma alle 11.30, nella chiesa di Piazza dei Giochi Delfici.

 

Filmografia

Le sette vipere (Il marito latino), regia di Renato Polselli (1964)
Lo sceriffo che non spara, regia di José Luis Monter e Renato Polselli (1965)
Io la conoscevo bene, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
L’ombrellone, regia di Dino Risi (1965)
Io, io, io… e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
New York chiama Superdrago, regia di Giorgio Ferroni (1966)
2 mafiosi contro Al Capone, regia di Giorgio Simonelli (1966)
Come svaligiammo la Banca d’Italia, regia di Lucio Fulci (1966)
La battaglia dei Mods, regia di Franco Montemurro (1966)
Operazione San Gennaro, regia di Dino Risi (1966)
Tiffany memorandum, regia di Sergio Grieco (1967)
Nudisti all’isola di Sylt (1968)
Oswalt Kolle: Das Wunder der Liebe II – Sexuelle Partnerschaft (1968)
Ich spüre deine Haut (1969)
Die jungen Tiger von Hongkong (1969)
Heintje – Ein Herz geht auf Reisen (1969)
Garringo, regia di Rafael Romero Marchent (1969)
Le avventure di Gerard, regia di Jerzy Skolimowski (1970)
Die liebestollen Baronessen (1970)
Pussycat, Pussycat, I Love You (1970)
Atemlos vor Liebe (1970)
Blindman, regia di Ferdinando Baldi (1971)
Oswalt Kolle: Liebe als Gesellschaftsspiel (1972)
Le Amazzoni – Donne d’amore e di guerra, regia di Alfonso Brescia (1973)
Franco e Ciccio superstars, regia di Giorgio Agliani (1974)
Nude per l’assassino, regia di Andrea Bianchi (1975)
Le deportate della sezione speciale SS, regia di Rino Di Silvestro (1976)
Il Casanova di Federico Fellini, regia di Federico Fellini (1976) voce
La banda del gobbo, regia di Umberto Lenzi (1977)
L’ingorgo – Una storia impossibile, regia di Luigi Comencini (1978)
Liebeskonzil (1982)
Delitti (1987)
Strip Nude for Your Giallo (2005)
Il punto rosso, registi vari (2006)

 

Foto: Facebook