E’ morta Elsa Martinelli – Il ricordo di Blogo

E’ scomparsa l’attrice Elsa Martinelli, la “Audrey Hepburn italiana” aveva 82 anni.

 

È morta a Roma a 82 anni l’attrice Elsa Martinelli, icona di stile ed eleganza soprannominata la “Audrey Hepburn italiana” fu una delle attrici italiane ad aver lavorato con successo anche a Hollywood. La Martinelli aveva lavorato con registi come Orson Welles, Howard Hawks, Mario Monicelli e recitato con Marcello Mastroianni, Robert Mitchum, Anthony Perkins e John Wayne.

Nata a Grosseto il 30 gennaio 1935, Elsa Martinelli si trasferisce con la famiglia a Roma dove viene notata dallo stilista Roberto Capucci che la lancia nel mondo della moda, trasformando la ragazza in un’indossatrice e fotomodella conosciuta in tutto il mondo.

 

 

Il debutto al cinema arriva nel 1953, la Martinelli interpreta un’indossatrice nella commedia a episodi Se vincessi cento milioni, seguono ruoli nel dramma sentimentale francese L’uomo e il diavolo (1954), il western americano Il cacciatore di indiani (1955) dove venne scelta da Kirk Douglas colpito da una sua foto su una rivista americana, il dramma italiano La risaia (1956) e il ruolo da protagonista in Donatella (1956) di Mario monicelli che la porrà all’attenzione della critica fruttandogli l’Orso d’Argento per la migliore attrice al Festival di Berlino. Nel 1957 viene diretta dal regista britannico Guy Hamilton in Manuela dove interpreta una passeggera clandestina che farà capitolare il capitano di una nave interpretato da Trevor Howard, e nel 1959 è una segretaria in Ciao, ciao bambina! (Piove), dramma sentimentale realizzato sull’onda del successo della canzone omonima di Domenico Modugno.

Gli anni ’60 la vedono diretta da Dino Risi nel dramma romantico Un amore a Roma (1960), dall’americano Howard Hawks nell’avventura Hatari! (1962) in cui la Martinelli interpreta una fotografa italiana al fianco di John Wayne, da Orson Welles nel dramma Il processo (1962) tratto dal romanzo omonimo di Franz Kafka, da Elio Petri nel fantascientifico La decima vittima (1965) e da Alberto Lattuada nella commedia L’amica (1969) dove l’attrice interpreta la moglie infedele  di un chirurgo plastico.

 

 

Gli anni ’70 la vedono rifiutare diversi ruoli e partecipare ad una manciata di pellicole tra cui L’ultima rapina a Parigi (1971) e Garofano rosso (1976). In questo periodo appare al fianco di Roger Moore in un episodio della serie tv Il ritorno di Simon Templar, incide un disco e si cimenta come presentatrice del Festival di Sanremo al fianco di Carlo Giuffrè.

Gli anni ’80 la vedono nel ruolo della moglie di Alberto Sordi nella commedia Sono un fenomeno paranormale (1985) e nella sua ultima apparizione sul grande schermo, nella commedia corale americana Sette criminali e un bassotto (1992), remake della commedia anni ’60 Crimen di Mario Camerini.

 

Filmografia

Se vincessi cento milioni, episodio “L’indossatrice”, regia di Carlo Campogalliani e Carlo Moscovini (1953)
L’uomo e il diavolo (Le Rouge et le noir), non accreditata, regia di Claude Autant-Lara (1954)
Il cacciatore di indiani (The Indian Fighter), regia di André De Toth (1955)
La risaia, regia di Raffaello Matarazzo (1956)
Donatella, regia di Mario Monicelli (1956)
Quattro ragazze in gamba (Four Girls In Town), regia di Jack Sher (1957)
Manuela, regia di Guy Hamilton (1957)
La mina, regia di Giuseppe Bennati (1958)
I battellieri del Volga, regia di Viktor Turžanskij (1959)
Ciao, ciao bambina! (Piove), regia di Sergio Grieco (1959)
Tunisi top secret, regia di Bruno Paolinelli (1959)
Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)
La notte brava, regia di Mauro Bolognini (1959)
I piaceri del sabato notte, regia di Daniele D’Anza (1960)
Il sangue e la rosa (Et mourir de plasir), regia di Roger Vadim (1960)
Il carro armato dell’8 settembre, regia di Gianni Puccini (1960)
Il capitano del re (Le Capitan), regia di André Hunebelle (1960)
Un amore a Roma, regia di Dino Risi (1960)
La minaccia (La menace), regia di Gérard Oury (1961)
Hatari!, regia di Howard Hawks (1962)
Pranzo di Pasqua (The Pidgeon That Took Rome), regia di Melville Shavelson (1962)
Pelle viva, regia di Giuseppe Fina (1962)
Il processo (Le procès), regia di Orson Welles (1962)
International Hotel (The V.I.P.S.), regia di Anthony Asquith (1963)
Il grande safari (Rampage), regia di Phil Karlson (1963)
La calda pelle (De l’amour) regia di Jean Aurel (1965)
Le meravigliose avventure di Marco Polo (Lo scacchiere di Dio) (La fabuleuse aventure de Marco Polo), regia di Denys de La Patellière, Raoul Lévy e, co-regista, Noël Howard (1965)
Da New York: la mafia uccide! (Je vous salue Mafia!), regia di Raoul Lévy (1965)
Allarme in 5 banche (Un milliard dans un biliard), regia di Nicolas Gessner (1965)
L’or du duc, regia di Jacques Baratier (1965)
La decima vittima, regia di Elio Petri (1965)
Come imparai ad amare le donne, regia di Luciano Salce (1966)
Dossier Marocco 7 (Maroc 7), regia di Gerry O’Hara (1967)
L’amore attraverso i secoli, episodio “Les nuits romaines”, regia di Mauro Bolognini (1967)
Sette volte donna (Woman Times Seven), episodio “Super Simone”, regia di Vittorio De Sica (1967)
Qualcuno ha tradito, regia di Franco Prosperi (1967)
Manon 70, regia di Jean Aurel (1968)
Il mio corpo per un poker, regia di Pietro Cristofani (1968)
Un dollaro per 7 vigliacchi, regia di Giorgio Gentili (1968)
Candy e il suo pazzo mondo (Candy), regia di Christian Marquand (1968)
Se è martedì deve essere il Belgio (If It’s Tuesday, This Must Be Belgium), regia di Mel Stuart (1969)
Maldonne, regia di Sergio Gobbi (1969)
Una sull’altra, regia di Lucio Fulci (1969)
Katmandu (Les Chemins de Katmandou), regia di André Cayatte (1969)
L’amica, regia di Alberto Lattuada (1969)
OSS 117 prend des vacances, regia di Pierre Kalfon (1970)
L’araucana, massacro degli dei (La araucana), regia di Julio Coll (1971)
L’ultima rapina a Parigi (La part des lions), regia di Jean Larriaga (1971)
Garofano rosso, regia di Luigi Faccini (1976)
Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)
Pigmalione 88, regia di Flavio Mogherini (1988)
Arrivederci Roma, cortometraggio, regia di Clive Donner (1990)
7 criminali e un bassotto (Once Upon A Crime), regia di Eugene Levy (1992)
Cabiria, Priscilla e le altre, cortometraggio, regia di Fabrizio Celestini (1999)