Il signore delle mosche: arriva un reboot tutto al femminile

Il classico di William Golding, Il signore delle mosche, fruirà di un terzo adattamento per il grande schermo con un cast tutto al femminile.

il-signore-delle-mosche-avra-un-reboot-al-femminile.jpg

Il classico William Golding, Il signore delle mosche, che è stato adattato due volte per il grande schermo, fruirà di un terzo adattamento, ma questa volta ci sarà un cambiamento sostanziale. Warner Bros. ha finalizzato un accordo con i registi Scott McGehee e David Siegel (Quel che sapeva Maisie) per scrivere e dirigere una nuova versione de "Il signore delle mosche" che avrà un cast completamente al femminile. I registi hanno riferito che saranno totalmente fedeli al romanzo originale, ma allo stesso tempo porteranno questo cambio di genere di tutti i personaggi.

Deadline riferisce che è occorso diverso tempo per ottenere i diritti del film senza restrizioni, in quanto l'intera situazione era piuttosto complicata. Il romanzo originale, pubblicato nel 1954, è stato adattato nel film Il signore delle mosche del 1963, che era interpretato da James Aubrey, Tom Chapin e Hugh Edwards e diretto da Peter Brook. Poi nel 1990, Castle Rock ha prodotto un nuovo adattamento del regista Harry Hook, interpretato da Balthazar Getty e James Badge Dale al suo debutto cinematigrafico. Poiché Warner Bros. ha acquisito Castle Rock negli anni '90, lo studio già possedeva parte dei diritti, ma il resto doveva essere elaborato con gli eredi dell'autore, ma ora l'affare è concluso e gli autori del film si dicono pronti ad iniziare a scrivere immediatamente. Una dichiarazione di David Siegel sul nuovo progetto:

Vogliamo fare un adattamento molto fedele, ma contemporaneo del libro, ma la nostra idea è di farlo con tutte ragazze piuttosto che con ragazzi. È una storia senza tempo che oggi è particolarmente importante, con i conflitti interpersonali, il bullismo e l'idea di bambini che formano una società e che replicano il comportamento che hanno visto nei soggetti adulti prima di ritrovarsi come naufraghi.

Il romanzo originale è ambientato nel mezzo di una guerra nucleare e durante un'evacuazione aerea, quando un aereo finisce su un'isola deserta. Gli unici sopravvissuti sono un gruppo di giovani ragazzi che creano una propria nuova società senza adulti, ma ben presto perdono il controllo e lasciano che brutali istinti atavici prendano il sopravvento. Il romanzo non è stato un successo dopo la sua pubblicazione iniziale nel 1954, con appena 3.000 copie vendute negli Stati Uniti, ma alla fine è diventato un bestseller. La montagna nel romanzo originale, Castle Rock, ha ispirato la città fittizia del Maine citata in molti romanzi di Stephen King e il nome della società di produzione di Rob Reiner che ha distribuito l'adattamento del 1990. Il commento Scott McGehee su questa storia classica e senza tempo.

(La storia) è aggressivamente ricca di suspense e l'opportunità di raccontarla in un modo mai fatto prima, con ragazze piuttosto che ragazzi, cambia la prospettiva in un modo che potrebbe aiutare la gente a vedere la storia come nuova. Si distingue da alcune convenzioni, dai modi in cui pensiamo ai ragazzi e all'aggressività. Le persone parlano ancora del film e del libro dal punto di vista della narrazione pura. È una grande avventura, puro divertimento, ma incorpora anche un grande significato. Abbiamo rifelttuto su questo mentre i diritti sono stati elaborati, e siamo molto ansiosi di mettere mano alla penna.

Scott McGehee e David Siegel hanno debuttato nel 1993 con il neo-noir Suture, interpretato da Dennis Haysbert e Sab Shimono, ma è stato il loro thriller del 2001 I segreti del lago (The Deep End), con una memorabile performance di Tilda Swinton, che li ha posti all'attenzione della critica. I crediti della coppia di filmmakers includono anche Parole d'amore (Bee Season) del 2005, con Richard Gere e Juliette Binoche, seguito da Uncertainty del 2008, con Joseph Gordon-Levitt e Lily Collins. Il loro ultimo film risale al 2012, il dramma Quel che sapeva Maisie interpretato da Julianne Moore e Steve Cogan.

 

 

  • shares
  • Mail