E' morto Gastone Moschin - Il ricordo di Blogo

E' scomparso a 88 l'attore Gastone Moschin, tra i suoi ruoli più famosi Rambaldo Melandri nel cult "Amici miei" e Don Fanucci in "Il padrino - Parte II".

 

Si è spento in ospedale a Terni l'attore Gastone Moschin, aveva 88 anni. Attore di cinema, teatro e televisone Moschin interpretò l'architetto Melandri in Amici miei, il cult di Mario Monicelli, al fianco di Ugo Tognazzi, Adolfo Celi, Philippe Noiret e Duilio Del Prete, tutti passati a miglior vita, Moschin era l'ultimo compagno di zingarate.

Gastone Moschin nasce a San Giovanni Lupatoto (Verona) l'8 giugno 1929. Diplomatosi all’Accademia d’arte drammatica di Roma inzia la sua carriera negli anni cinquanta come attore teatrale, reciterà Čechov e Pirandello per la Compagnia del Teatro Stabile di Genova e il Piccolo Teatro di Milano dove collaborerà con Giorgio Strehler.

L'esordio al cinema arriva nel 1956 con un ruolo nel dramma sentimentale La rivale a cui seguiranno ruoli in Audace colpo dei soliti ignoti (1959) e Gli anni ruggenti (1962) di Luigi Zampa dove veste i panni del fascista Carmine Passante; è un camionista La visita di Antonio Pietrangeli (1963) e "Adolf" nella commedia d'azione 7 uomini d'oro di Marco Vicario (1965) successo di pubblico e critica. Nel 1966 interpreta il ragionier Osvaldo Bisigato nel memorabile Signore & signori di Pietro Germi, che gli regala un Nastro d'argento come miglior attore non protagonista. Gli anni '60 si concludono con due ruoli di avvocato in Italian Secret Service di Luigi Comencini (1968) e Sissignore di Ugo Tognazzi (1968) e l'esordio nello spaghetti western con Gli specialisti di Sergio Corbucci (1969).

 

 

Gli anni '70 vedono Moschin recitare per Bernardo Bertolucci (Il Conformista), Antonio Margheriti (L'inafferrabile invincibile Mr. Invisibile) e Carlo Lizzani (Roma bene) e nel 1972 sostituisce Fernandel in Don Camillo e i giovani d'oggi. L'attore darà il suo contributo anche al cosiddetto genere "poliziottesco" con ruoli in Milano calibro 9 di Fernando Di Leo (1972) e in Squadra volante di Stelvio Massi (1974) in cui vestirà i panni dello spietato criminale "Il Marsigliese" al fianco di Tomas Milian e Mario Carotenuto. Nel 1974 viene chiamato da Francis Ford Coppola che lo vuole nel ruolo del mafioso Don Fanucci ne Il padrino - Parte II.

Il 1975 è l'anno che regalerà a Moschin il ruolo che lo consacrerà al grande pubblico, quello dell'architetto Rambaldo Melandri protagonista, al fianco di Ugo Tognazzi, Philippe Noiret, Adolfo Celi e Duilio Del Prete, della saga di Amici miei. Il primo film, diretto da Mario Monicelli, esce nel 1975 ed è un grande successo al botteghino. Seguiranno Amici Miei Atto II (1982) con Renzo Montagnani che sostituisce Duilio Del Prete e Amici Miei Atto III (1985) che regala a Moschin un secondo Nastro d'Argento.

 

 

Dopo la conclusione della trilogia Amici miei Moschin diraderà la sua attività sul grande schermo: vestirà nei panni di un ministro in Scherzo del destino in agguato dietro l'angolo come un brigante da strada di Lina Wertmüller (1983), sarà nella commedia Com'è dura l'avventura (1987) al fianco di Lino Banfi e Paolo Villaggio e reciterà per Francesco Nuti in Donne con le gonne (1991) e Sergio Citti in I magi randagi (1996). L'ultima interpretazione di Moschin per il grande schermo risale al 1997 nel dramma storico Porzus di Renzo Martinell, ma l'attore farà un'ultima apparizione nel 2010 in L'ultima zingarata, documentario dedicato alla realizzazione della saga Amici Miei.

 

Filmografia


e-morto-gastone-moschin-il-ricordo-di-blogo.jpg

 

La rivale, regia di Anton Giulio Majano (1956)
Il vedovo, solo voce, non accreditato, regia di Dino Risi (1959)
Audace colpo dei soliti ignoti, regia di Nanni Loy (1959)
Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
Tiro al piccione, regia di Giuliano Montaldo (1961)
Gli anni ruggenti, regia di Luigi Zampa (1962)
Il serpente, episodio del film L'amore difficile, regia di Alberto Bonucci (1962)
La rimpatriata, regia di Damiano Damiani (1963)
Il fornaretto di Venezia, regia di Duccio Tessari (1963)
Il successo, regia di Mauro Morassi e, non accreditato, Dino Risi (1963)
La visita, regia di Antonio Pietrangeli (1963)
Amore e vita, episodio del film Amore in 4 dimensioni, regia di Jacques Romain (1964)
La doccia, episodio del film Extraconiugale, regia di Massimo Franciosa (1964)
I cento cavalieri, regia di Vittorio Cottafavi (1964)
Il vendicatore mascherato, regia di Pino Mercanti (1964)
Berlino appuntamento per le spie (Operazione Polifemo), regia di Vittorio Sala (1965)
7 uomini d'oro, regia di Marco Vicario (1965)
Signore & signori, regia di Pietro Germi (1966)
Il grande colpo dei 7 uomini d'oro, regia di Marco Vicario (1966)
Le stagioni del nostro amore, regia di Florestano Vancini (1966)
Fata Armenia, episodio del film Le fate, regia di Mario Monicelli (1966)
Ray Master l'inafferrabile, regia di Vittorio Sala (1966)
Top Crack, regia di Mario Russo (1966)
Notti romane, episodio del film L'amore attraverso i secoli, accreditato come Gaston Moschin, regia di Mauro Bolognini (1967)
Due killers in fuga, regia di Louis Grospierre (1967)
L'harem, regia di Marco Ferreri (1967)
Faccia a faccia, non accreditato, regia di Sergio Sollima (1967)
Sette volte sette, regia di Michele Lupo (1968)
Italian Secret Service, regia di Luigi Comencini (1968)
La notte è fatta per... rubare, regia di Giorgio Capitani (1968)
Sissignore, regia di Ugo Tognazzi (1968)
La moglie giapponese, regia di Gian Luigi Polidoro (1968)
Dove vai tutta nuda?, regia di Pasquale Festa Campanile (1969)
Gli specialisti, regia di Sergio Corbucci (1969)
Il conformista, regia di Bernardo Bertolucci (1970)
L'inafferrabile invincibile Mr. Invisibile, regia di Antonio Margheriti (1970)
Concerto per pistola solista, regia di Michele Lupo (1970)
Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1971)
Mio padre monsignore, regia di Antonio Racioppi (1971)
Roma bene, regia di Carlo Lizzani (1971)
Io non vedo, tu non parli, lui non sente, regia di Mario Camerini (1971)
Stanza 17-17 palazzo delle tasse, ufficio imposte, regia di Michele Lupo (1971)
La violenza: quinto potere, regia di Florestano Vancini (1972)
Milano calibro 9, regia di Fernando Di Leo (1972)
Causa di divorzio, regia di Marcello Fondato (1972)
Don Camillo e i giovani d'oggi, regia di Mario Camerini (1972)
Incensurato provata disonestà carriera assicurata cercasi, regia di Marcello Baldi (1972)
Fiorina la vacca, regia di Vittorio De Sisti (1972)
Il Delitto Matteotti, regia di Florestano Vancini (1973)
Paolo il caldo, regia di Marco Vicario (1973)
Squadra volante, regia di Stelvio Massi (1974)
Commissariato di notturna, regia di Guido Leoni (1974)
L'erotomane, regia di Marco Vicario (1974)
Il padrino - Parte II, accreditato come Gaston Moschin, regia di Francis Ford Coppola (1974)
E cominciò il viaggio nella vertigine, regia di Toni de Gregorio (1974)
Amici miei, regia di Mario Monicelli (1975)
Una donna alla finestra, regia di Pierre Granier Deferre (1976)
Mogliamante, regia di Marco Vicario (1977)
Poliziotto senza paura, regia di Stelvio Massi (1978)
Il leone del deserto, regia di Moustapha Akkad (1980)
Si salvi chi vuole, regia di Roberto Faenza (1980)
La compagna di viaggio, regia di Ferdinando Baldi (1980)
Carlotta, regia di Stefano Rolla (1981)
Amici miei - Atto II°, regia di Mario Monicelli (1982)
Senza un attimo di respiro, regia di José María Sánchez Álvaro (1983)
Scherzo del destino in agguato dietro l'angolo come un brigante da strada, regia di Lina Wertmüller (1983)
Amici miei - Atto IIIº, regia di Nanni Loy (1985)
Una spina nel cuore, regia di Alberto Lattuada (1986)
Com'è dura l'avventura, regia di Flavio Mogherini (1987)
Vuò cumprà?, episodio del film Rimini Rimini - Un anno dopo, regia di Giorgio Capitani (1988)
Donne con le gonne, regia di Francesco Nuti (1991)
Non chiamarmi Omar, regia di Sergio Staino (1992)
I magi randagi, regia di Sergio Citti (1996)
La grande quercia, regia di Paolo Bianchini (1997)
Porzûs, regia di Renzo Martinelli (1997)

 

 

 

 

  • shares
  • Mail