• Film

Harvey Weinstein licenziato dalla Weinstein Company

Harvey Weinstein fatto fuori dalla sua stessa compagnia.

[quote layout=”big”]«Sono cresciuto negli Anni Sessanta e Settanta, quando le regole sui comportamenti e sui luoghi di lavoro erano completamente diversi. La cultura che c’era dietro era diversa. Questa però non può essere una scusa per nessuno, in ufficio o non».
«Un po’ di tempo fa mi sono reso conto che dovevo diventare una persona migliore e, da quel momento, è migliorato il mio modo di interagire con le persone. Il modo in cui mi sono comportato con le colleghe in passato ha causato molto dolore e me ne scuso sinceramente. Anche se sto cercando di diventare migliore, so che ho molta strada da percorrere».[/quote]

Con queste parole Harvey Weinstein commentava pochi giorni fa lo scoop del New York Times, in prima linea nel denunciare gli abusi da lui perpetrati ai danni di decine di donne nel corso degli anni. Attrici, dipendenti e chi più che ne ha più ne metta che hanno messo alle strette uno dei produttori più temuti e potenti di Hollywood, ora ufficialmente nudo. Come il Re.

La Weinstein Company, da lui fondata insieme al fratello Bob, ne ha infatti annunciato il licenziamento immediato, per volere del consiglio di amministrazione.

[quote layout=”big”] «Alla luce delle nuove informazioni sulla cattiva condotta di Harvey Weinstein emerse nei giorni scorsi, Robert Weinstein, Lance Maerov, Richard Koenigsberg e Tarak Ben Ammar hanno determinato, dopo aver informato Harvey Weinstein, che il suo rapporto lavorativo con la The Weinstein Company è terminato. La decisone ha effetto immediato».
[/quote]

Tra i film prodotti dalla Weinstein Company, nata nel 2005 dopo la cessione della Miramax alla Disney, titoli come Bastardi senza Gloria, Django Unchained, Big Eyes, The Imitation Game, Carol, The Hateful Eight, Lion – La strada verso casa e l’ancora inedito The Current War. Harvey Weinstein ha vinto un Oscar in qualità di produttore grazie a Shakespeare in Love, nel 1999.

I Video di Cineblog