Venerdì 13 e Evil Dead condividono lo stesso universo, la conferma del regista Adam Marcus

Adam Marcus regista di "Jason va all'inferno" conferma una connessione tra la saga "Venerdì 13" e la trilogia "Evil Dead".

venerdi-13-e-evil-dead-condividono-lo-stesso-universo-la-conferma-del-regista-adam-marcus.jpg

È da tempo che i fan di Venerdì 13 ipotizzano cha la saga horror con protagonista Jason Voorhees condivida lo stesso universo dei film Evil Dead di Sam Raimi. In particolare la spiegazione per l'immortalità di Jason avrebbe origine da un potere sovrannaturale che appartiene a ciò che in Evil Dead vengono definiti "Deadite", i deformi posseduti della trilogia di Raimi (vedi Henrietta).

Questo potenziale universo condiviso è ora più che una teoria grazie ad alcune dichiarazioni di Adam Marcus, il regista di Jason va all'inferno ha ufficialmente confermato in un'intervista al sito Horror Geek Life che la madre di Jason ha utilizzato il Necronomicon, l'iconico Libro dei Morti, per riportare suo figlio in vita.

Io volevo creare una mitologia per Jason in questo film, perché mi piaceva da impazzire come spettatore. Lei (Pamela Voorhees) fa un patto con il diavolo leggendo brani dal Necronomicon per riportare in vita suo figlio. Questo è il motivo per cui Jason non è Jason. Lui è Jason posseduto dall'entità maligna di Evil Dead, questo spiega come sia possibile che da ragazzino che vive in un lago si trasformi in un uomo fatto in un paio di mesi fino allo Jason Zombie che non può essere ucciso in alcun modo, per me è molto più interessante in questa versione mashup e a Sam (Raimi) è piaciuta un sacco!

Quindi a confermare il Jason versione "Deadite" non è solo il regista di quello che è stato l'ultimo Venerdì 13 prima della futuristica trasferta "spaziale", ma anche Sam Raimi, l'uomo che ha diretto la trilogia Evil Dead, ha dato la sua approvazione. Questa conferma spiega molto sulla mitologia dell'universo di Venerdì 13 e spiega anche perché il Necronomicon appare nella cantina della vecchia casa dei Voorhees in Jason va all'inferno. Adam Marcus in un primo momento sembra avere un tono scherzoso a questo proposito, ma il regista in preda ad un'euforia che solo un vero fan del genere horror può comprendere va ben oltre e afferma che ciò che ha detto "è assolutamente parte del canone".

Non potevo dire a New Line il mio piano per includere Evil Dead, perché non possiedono i diritti di Evil Dead. Quindi doveva essere un easter egg, e mi sono concentrato su di esso...c'è una scena intera che include il libro, e speravo che la gente avrebbe colto la citazione intuendo ciò che volevo fare. Quindi sì, a mio parere, Jason Voorhees è un Deadite, è in Evil Dead ed è assolutamente parte del canone.

Jason va all'Inferno accennò ad un faccia a faccia tra Jason e Freddy Kreuger che poi si materializzerà in Freddy vs Jason. Tuttavia c'erano anche piani per un Freddy vs Jason vs Ash che non si sono mai materializzati e che ora, dopo le affermazioni di Marcus, hanno ancora più senso. Come ha spiegato Bruce Campbell lo scorso anno putroppo all'epoca non c'erano i presupposti e abbastanza controllo creativo per giustificare un crossover.

Sarò onesto con te. Io non sono realmente interessato ai crossover. Uno dei motivi principali per cui "Ash vs Jason vs Freddy" non si è realizzato è che non avevamo il controllo sui personaggi ad eccezione di Ash. Sembrava un modo di procedere creativamente fallimentare. Per non parlare del fatto di dover dividere i proventi per tre con partner poco inclini.

Il franchise Venerdì 13 in questo momento è in una fase di stallo. Il reboot del 2009 non ha soddisfatto lo studio e da allora è stato impossibile ottenere un sequel, ma se si riuscisse a realizzare un nuovo capitolo di Venerdì 13, e visto il riscontro avuto dalla serie tv Ash vs. Evil Dead, si potrebbe intraprendere una strada non ancora battuta con questa connessione suggerita dal regista Adam Marcus, cavalcando il revival anni '80 in pieno corso e mostrando su schermo un inedito "Jason vs Ash", tanta sognare un po' non costa nulla.

 

 

 

  • shares
  • Mail