Goonies 2: Sean Astin insiste, il sequel si farà

Sean Austin resta ottimista sul sequel "Goonies 2" e approva l'idea di una serie animata.

goonies-2-sean-astin-insiste-il-sequel-si-fara.jpg

Prosegue il revival anni '80 e dopo il successo dell'horror IT rivisitato in chiave "eighties", ha debuttato su Netflix la seconda stagione di Stranger Things che ha visto come new entry l'attore Sean Astin, che continua imperterrito ad affermare che un sequel del classico I Goonies è ancora possibile, nonostante gli altri protagonisti abbiano già dato, in più di un occasione, il progetto per morto.

E' stato Richard Donner che ha confermato per la prima volta che Goonies 2 era in sviluppo, lo ha fatto nel 2014 e da allora il progetto non ha fatto alcun passo avanti. Corey Feldman e Martha Plimpton hanno detto entrambi che il film probabilmente non si farà, ma Sean Astin afferma il contrario e al sito The Huffington Post ha ribadito che il sequel troverà una sua strada perché Steven Spielberg è ancora intenzionato a realizzarlo.

È sempre possibile, direi che è probabile che accada, non so quando, ma ho sempre avuto fiducia nel fatto che questo sequel si farà soprattutto perché Steven Spielberg, da quando ero ragazzino, mi ha detto che era suo desiderio che si realizzasse e non ha mai cambiato idea. Loro non lo hanno ancora capito.

Nel corso del 2007, Warner Bros. stava lavorando all'idea di una serie animata che avrebbe seguito le avventure dei residenti di Goondock pochi giorni dopo il termine del primo film. Questa idea è tornata alla ribalta di recente e Sean Astin ne è particolarmente entusiasta. L'attore ha detto ritornerebbe volentieri a prestare la voce a Mikey.

Quello che mi piacerebbe vedere è una serie animata dei "Goonies", e mi piacerebbe interpretare Mikey. Io faccio un sacco di personaggi come doppiatore e interpreto personaggi più giovani con la mia voce e questo sarebbe davvero "meta".

Uno dei migliori momenti "meta" di Austin in Stranger Things 2 è un riferimento diretto al tesoro dei pirati nel film I Goonies. L'attore durante l'intervista ha confessato di aver provato molta notalgia a girare i suoi episodi della serie e a lavorare con il giovane cast della serie Netflix.

Quei momenti mi hanno portato indietro ai momenti dei Goonies, solo un piccolo senso di connessione con i ragazzi di Stranger Things. Forse era vederli parlare con i walkie-talkie o lanciare una palla, fare quello che fanno i ragazzi, e per un secondo mi sono sentito parte di loro, non era così, ma era qualcosa di notevole per me.

Un Goonies 2 resta al momento un miraggio, Richard Donner dovrebbe tornare alla regia, ma Corey Feldman insiste che il regista è troppo vecchio. Donner nel frattempo sta anche cercando di resuscitare Arma letale 5, altro successo degli anni '80. L'ultima notizia su un potenziale sequel de I Goonies è arrivata da fonti vicine a Warner Bros, che hanno parlato di un reboot con un cast ex novo. L'idea di un reboot però non è stata ben accolta dai fan che hanno fatto capire di volere un sequel diretto o niente.

 

 

 

  • shares
  • Mail