Star Wars 8: "Rogue One" e "Gli Ultimi Jedi" collegati da un easter egg tecnologico

Un easter egg in "Rogue One" suggerisce che la tecnologia del Primo Ordine vista in "Gli ultimi Jedi" risale al periodo di massimo splendore dell'Impero.

star-wars-8-rogue-one-e-gli-ultimi-jedi-collegati-da-un-easter-egg.jpg

 

ATTENZIONE!!! L'articolo a seguire contiene SPOILER su "Star Wars: Gli ultimi Jedi".

 

E' stato segnalato un intrigante "easter egg" di Star Wars: Gli ultimi Jedi piazzato in Rogue One: A Star Wars Story che stabilisce ulteriormente la connessione tra il Primo Ordine e l'Impero Galattico. Il tracciamento iperspaziale che è stato fondamentalmente l'incubo della Resistenza nel film di Rian Johnson, a quanto pare è una tecnologia che il Primo Ordine raccolse dai suoi predecessori, intrigandoci di più su come questo nuovo regime è salito al potere al punto da cancellare la Nuova Repubblica.

Non sorprende che "Gli Ultimi Jedi" abbia registrato un grande weekend di apertura con 220 milioni di dollari a livello nazionale e 450 milioni in tutto il mondo, considerando l'attesa in crescendo legata ad un nuovo film di Star Wars. Il film inoltre rappresenta una "reunion" per i fan di vecchia data e Luke Skywalker dopo che Star Wars: Il risveglio della Forza ha offerto solo una manciata di secondi del Maestro Jedi dopo che l'intero film era imperniato sulla sua misteriosa scomparsa. L'episodio VIII si è tuffato nel suo esilio autoimposto su Ahch-To e ci ha fornito un adeguato bentornato ad uno degli eroi più iconici della storia del cinema.

Su Twitter l'utente Des (@kyleauren) ha condiviso un'immagine di "Rogue One" che indica che la tecnologia rivoluzionaria del Primo Ordine che ha permesso loro di monitorare l'incrociatore della Resistenza attraverso la velocità della luce è in sviluppo da decenni nell'universo di Star Wars. Nello screenshot proposto vediamo Jyn Erso durante la sua missione segreta su Scarif con Cassian mentre cercano di individuare i piani della Morte Nera nell'archivio dati dell'Impero. La scena includeva anche una menzione alla "Darksaber", una spada laser nera simile ad una katana giapponese apparsa in Star Wars Rebels e nota per essere una spada laser Mandaloriana / Jedi. Pablo Hidalgo, membro del Lucasfilm Story Group, ha quasi immediatamente confermato il riferimento.

Lucasfilm ha stabilito un coeso canone narrativo dai prequel all'attuale trilogia, comprese le serie animate, con il gruppo che ha applicato l'arte della creazione di un franchise tramite piccole interconnessioni. Sembra che stiano incorporando in maniera sottile quelle che nei film precedenti sembravano inizialmente essere semplici strizzatine d'occhio ai fan più assidui e che invece finiscono per essere fondamentali nei loro progetti successivi. Attenzione però perché la tecnologia di localizzazione iperspaziale del Primo Ordine citata in "Gli Ultimi Jedi" è comprensibile anche per coloro che non hanno guardato Rogue One poiché viene presentata come rivoluzionaria e spiazzante per la Resistenza.

 


 

 

  • shares
  • Mail