Ted Bundy - Fascino Criminale: nuove clip in italiano e locandine del biopic con Zac Efron

Ted Bundy - Fascino Criminale: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film biografico con Zac Efron nei cinema italiani dal 9 maggio 2019.

Il biopic Ted Bundy - Fascino Criminale (Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile) ha debuttato nei cinema italiani e Notorious Picture ha reso disponibili due clip in italiano con scene del film che vi proponiamo insieme a nuove locandine ufficiali.

Il film diretto da Joe Berlinger e presentato al Sundance Film Festival 2019 racconta la storia del serial killer Ted Bundy dalla prospettiva della fidanzata Liz, interpretata da Lily Collins, a lungo ignara della vera natura del suo compagno. Nel cast anche John Malkovich nel ruolo di Edward Cowart, giudice del processo a Bundy.

 

NOTE DI REGIA

Con solo il cinque per cento della popolazione mondiale, l'America è stata la patria del sessantasette percento dei serial killer documentati nel mondo - un incredibile numero di 2.743 assassini nell'ultimo secolo e mezzo. E l'FBI stima che in questo momento ci siano dai 25 ai 50 serial killer attivi operanti negli Stati Uniti. Eppure, un serial killer in particolare ha colpito maggiormente la psiche collettiva americana... Theodore Robert Bundy. La storia di Ted Bundy è sordida e drammatica. Bundy si affidava ai suoi sguardi disarmanti per incantare a morte le sue vittime. Era anche abile nel cambiare il suo modus operandi per confondere gli investigatori. È sfuggito alla custodia della polizia due volte, con fughe dalle prigioni audaci e fantasiose. Poi, pochi giorni prima della sua esecuzione, il 24 gennaio 1989, Bundy ha confessato di aver ucciso oltre 30 donne tra il 1974 e il 1978, dopo anni di negazione dei suoi crimini atroci. Gli esperti ritengono che il vero numero delle vittime di Bundy sia molto più alto. Ma ciò che distingue veramente Bundy, al di là del conteggio dei cadaveri e della sua capacità di eludere la cattura, è che pochi altri serial killer americani hanno raggiunto il suo livello di celebrità perversa - e persino ammirazione - da così tante persone che per anni hanno pensato che fosse innocente. Bundy ha brillantemente utilizzato i media americani per ottenere un seguito considerevole e fanatico, sfidando ogni aspettativa. In poche parole, da bello e affascinante uomo bianco, le sue amanti e i molti amici e conoscenti non potevano credere che fosse capace degli atti vili che aveva commesso, permettendogli di sfuggire alla cattura per molti anni. E anche durante il processo, ha attirato tanti sostenitori che non riuscivano a vedere oltre al suo bell'aspetto e al suo fascino. È vero che ci sono già stati altri film, documentari e libri su quest’infame assassino; quindi perché riprendere di nuovo l'argomento? La risposta sta nella straordinaria sceneggiatura di Michael Werwie, che racconta la storia dal punto di vista della sua vecchia fidanzata, Elizabeth Kloepfer. Strutturando l'azione dalla prospettiva della sua vita reale, non è il solito film voyeuristico sui serial killer.

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Non stiamo seguendo gli investigatori mentre cacciano Ted, o viaggiando nei
suoi panni mentre prova un brivido viscerale nel commettere questi atti orribili o
nel rivisitare i luoghi in cui nascondeva i corpi delle sue vittime (come spesso
faceva). Invece, il pubblico sperimenta lo svolgersi degli eventi come li
percepisce Liz: il fatto che Ted stia vivendo un incubo kafkiano di sfortunate
coincidenze...un uomo innocente vittima del sistema. Ciò mi consente di
sovvertire il genere sui serial killer, fornendo allo spettatore la tensione dello
svelare il vero significato di ciò che si sta effettivamente rivelando. A prima vista, il mio profilo come regista di documentari che ha trascorso la maggior parte della sua carriera usando il cinema e la televisione per far luce sulla riforma della giustizia criminale e la situazione dei condannati ingiustamente, potrebbe sembrare in contrasto con la storia del serial killer più iconico d’America. Ovviamente, una persona condannata ingiustamente è qualcuno che è INNOCENTE ma che tutti credono che sia colpevole. Questa sceneggiatura mi ha dato l'opportunità di esplorare il fenomeno opposto... una persona COLPEVOLE che tutti intorno a lui credono innocente. L'esplorazione di questo fenomeno inverso - una donna che crede nell'innocenza del suo colpevole amante - fornisce al film un aspetto emotivamente coinvolgente nella storia di Ted Bundy.

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Ovviamente, molti spettatori sapranno già che Ted Bundy è un serial killer ancora
prima che inizi il film (a meno che lo spettatore non legga assolutamente nulla
sul film prima di entrare in sala), ma spero che possano in qualche modo
sospendere tale conoscenza, e addirittura mettere in discussione ciò che
conoscono di Bundy e intraprendere lo stesso percorso emotivo di Liz, iniziando a
fare il tifo per la loro relazione e sentendosi poi tradito e disgustato quando
Bundy finalmente ammette i suoi crimini. In questo modo, il film non tratta della
meccanica di come un serial killer uccide o di come viene catturato, ma,
piuttosto, di come si cade in preda a un psicopatico a causa della sua credibilità. Bundy ha davvero amato Liz? Questa è la domanda irrisolvibile del film - molti esperti ritengono che i sociopatici siano incapaci di amare. Io non ne sono così sicuro. Ma lui l'ha ingannata in maniera incredibile, ed è la natura dell'inganno che questo film esplora. In altre parole, non è solo la capacità di violenza del serial killer, ma anche la sua duplicità e dualità che lo rendono un progetto affascinante per me. Avvicinandoci alla storia di Ted Bundy attraverso la prospettiva della sua donna, siamo in grado di esaminare come un uomo colpevole possa presentarsi al mondo e sperimentare il prezzo emotivo di coloro che pensavano di conoscerlo bene. Spero che questo film offra un nuovo modo di entrare nel suo mondo sordido, non attraverso gli omicidi, ma sovvertendo le aspettative su questo genere, per focalizzarci sulle bugie che Bundy ha raccontato mentre commetteva le uccisioni. In effetti, non si vedono omicidi in questo film fino alla fine, una scelta molto consapevole per consentire al pubblico di comprendere emotivamente che coloro che fanno del male non sono semplicemente dei mostri bidimensionali facili da riconoscere nella società e quindi evitabili. Invece, per mia esperienza, credo che quelli che fanno del male - dal serial killer al prete pedofilo - sono persone apparentemente ordinarie, che potrebbero essere il tuo vicino di casa o l'allenatore del liceo. Come lo stesso Bundy dice alla fine del film: Gli assassini non escono nell'oscurità con denti aguzzi e la saliva che gocciola dal loro mento. Le persone non si rendono conto che tra loro ci sono degli assassini. Le persone che amavano e che ammiravano il giorno dopo potevano trasformarsi nelle persone più demoniache immaginabili". Questa è la vera natura del male: difficile da spiegare, spesso molto banale e di solito molto contraddittoria. Aspetti della condizione umana che questa sceneggiatura mi ​​ha permesso di esplorare. Il mio lavoro di documentarista si è concentrato anche sulla difficile situazione delle vittime. Dovendo il pubblico vivere il punto di vista di Liz e sperimentando il tradimento, spero di fornire allo spettatore una comprensione emotiva di come si possa diventare una vittima del comportamento predatorio maschile. Gli anni '70 videro aumentare l'emancipazione femminile: le donne divennero più libere sessualmente, iniziarono a lavorare in numero maggiore e a viaggiare in maniera più indipendente, spesso facendo l’autostop. Purtroppo, nonostante il progresso sociale, questo ha reso le donne più vulnerabili ai serial killer e ad altre violenze che hanno visto un massiccio aumento negli anni '70. Per questo, anche se il termine serial killer non era ancora di uso comune all'inizio degli anni '70, il fenomeno in sé era in pieno svolgimento. Bundy ha preso di mira un certo tipo di giovane donna, ma ha negato i suoi crimini fino a poco prima della sua esecuzione. La negazione di Bundy e l’attendibilità della sua negazione in questo film rappresentano per me la vittimizzazione delle donne da parte dei predatori sessuali che il movimento #metoo ha così fortemente portato alla ribalta nella nostra attuale coscienza collettiva. Liz ha dovuto affrontare Ted nel braccio della morte alla fine del film - non perché avesse bisogno di sentirgli ammettere la verità (lei già sapeva la verità) - ma per ritenere questo predatore sessuale e vile serial killer responsabile delle sue azioni. Ha vissuto un momento difficilissimo - simbolo di come le donne abbiano dovuto sopportare l'ingiustizia storica di non essere credute come vittime, e di dubitare di se stesse.

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Il processo di Bundy è stato il primo processo televisivo nazionale nella storia
americana e ha trasformato Bundy in un fenomeno mediatico. Oltre ai media
nazionali, c'erano media presenti da tutti i 50 stati e 9 paesi stranieri. Questo
avveniva prima dei canali di News h24 e dell'esplosione delle stazioni via cavo
che conosciamo oggi. La raccolta di notizie elettroniche e la tecnologia satellitare erano agli inizi, il loro banco di prova è stato proprio il processo di Bundy a Miami. Dieci anni dopo, l'esecuzione di Bundy era coperta dal vivo e guardata da milioni di persone, con uno dei primi usi dei camion satellitari mobili. Bundy ha trasformato l'omicidio seriale in uno spettacolo televisivo nazionale, e credo che una linea retta possa essere tracciata tra Bundy e il processo di O.J. nel 1995, per quanto riguarda l'appetito apparentemente insaziabile di oggi per la cronaca nera. Come regista specializzato in questo genere di narrazione del crimine, ho voluto esplorare il processo che per me è il big bang del vero fenomeno criminale odierno. Sono molto consapevole della contraddizione di creare intrattenimento dalle tragedie della gente, motivo per cui ho spinto il tono dell'eccezionale sceneggiatura originale di Michael Werwie verso una discesa più realistica sugli orrori e sulle implicazioni delle azioni di Bundy. In definitiva, l'attrattiva di questo progetto riguarda la natura della verità. Ho scelto di aprire con una citazione di Goethe ("Poche persone hanno l'immaginazione per la realtà"). Per me, significa che la verità di solito è proprio di fronte a noi, ma è spesso difficile da vedere.

 

 

[Per ascoltare la colonna sonora del film clicca sull'immagine in alto]

 

Bundy è ricordato come carismatico, di bell'aspetto e affascinante, ma queste verità sono troppo riduttive. In realtà, era anche un ladro, molto manipolatore, uno stupratore seriale e assassino che praticava la necrofilia e talvolta tagliava la testa alle sue vittime. A differenza della maggior parte dei serial killer, ha negato i suoi crimini quando è stato catturato, e ha iniziato a fare dichiarazioni pochi giorni prima della sua esecuzione per risparmiarsi la vita, ma ha fatto finta di essere pentito. Bundy è spesso associato all'avvento dell’analisi comportamentale dell'FBI (chiamato profiling) - ma la verità è che l'FBI ha creato il profiling in risposta al totale fallimento delle forze dell'ordine di assicurare Ted alla giustizia. In epoca anteriore al DNA e persino ai fax, i dipartimenti di polizia non condividevano le informazioni tra di loro e non esistevano database centralizzati come quelli che abbiamo oggi. Le tre volte che Bundy è stato arrestato non erano a causa di un lavoro investigativo particolare, ma perché era un guidatore spericolato, fermato dalla polizia che inizialmente non sapeva chi fosse. Se Bundy fosse stato un guidatore più attento, potrebbe non essere mai stato catturato affatto. Anche se era evidentemente colpevole e meritevole di condanna, le prove forensi contro Bundy durante il suo processo a Miami erano deboli - tranne che per le prove del morso che hanno suggellato il suo destino. Era la prima volta che le prove di un morso venivano usate in un caso criminale, eppure oggi questo tipo di prove sono state ampiamente ridimensionate. Trovo che questa sia una delle grandi ironie del caso Bundy, in particolare per quanto riguarda la natura della verità. Questo tema della natura della verità è la ragione per cui ho deciso che il titolo del film non sarebbe dovuto comparire fino alla fine del film. Certamente, le persone conosceranno già il titolo quando compreranno i biglietti ed entreranno nelle sale. E quel titolo sembrerà ancora più ironico: il film deve divertirsi con il suo soggetto. Ma, quando John Malkovich nel ruolo del giudice Edward D. Cowart lo condanna a morte per i suoi atti "Estremamente malvagi, incredibilmente crudeli e vili", il titolo assume una nuova pregnanza e significato. Vediamo il titolo per quello che è - la descrizione di un vero assassino di esseri umani reali. Non sembra più un titolo carino o divertente. È reale ed è orribile ed è sempre stato così: non avevamo considerato il titolo in quel modo prima dell'inizio del film. E questa è la natura della saga di Bundy: la verità è sempre stata lì davanti agli occhi di tutti, ma nessuno è stato in grado di affrontare la verità fino a quando non è stato troppo tardi.

 

 

 

Ted Bundy - Fascino Criminale: trailer italiano del biopic con Zac Efron


[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Notorious Pictures ha reso disponibile un trailer italiano di Ted Bundy - Fascino Criminale, il biopic con Zac Efron in uscita nei cinema italiani il 9 maggio 2019.

Il film racconta l'arresto del famigerato serial killer Ted Bundy e i vari processi che ne sono seguiti dal punto di vista della sua fidanzata Liz.Ted appare come un uomo piacente, seducente con le donne, ma sempre fedele a Liz, al punto da sembrare un bravo ragazzo e tutt'altro che un serial killer. Per Liz è quindi uno shock quando alla fine arriva la prova schiacciante della sua colpevolezza.

Il cast è completato da Lily Collins, John Malcovich, Jim Parson, Kaya Scodelario, Carol Anne Boone, Haley Joel Osment e Terry Kinney.

 

 

Ted Bundy - Fascino Criminale: trama, poster, foto e uscita italiana del biopic con Zac Efron


 

Sarà Notorious Pictures, il prossimo 9 maggio, a portare nelle sale italiane Ted Bundy - Fascino Criminale (titolo originale "Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile"), il biopic sul famigerato serial-killer americano scritto da Michael Werwie e diretto da Joe Berlinger.

 

La trama ufficiale:

 

Ted è un ragazzo bello, intelligente, carismatico e affettuoso. Liz è una ragazza madre, attenta e innamorata. Una normale coppia felice, a cui in apparenza non manca nulla. Quando Ted viene arrestato e accusato di una serie di efferati omicidi, Liz viene messa a dura prova: Chi è davvero l’uomo con cui condivide tutta la sua vita? Mano a mano che i particolari vengono a galla capirà che Ted non è vittima di un grande equivoco ma il vero colpevole.

 

Presentato al Sundance Film Festival 2019, il film racconta la storia del serial killer Ted Bundy dalla prospettiva della fidanzata Liz Kloepfer, interpretata da Lily Collins, a lungo ignara della vera natura del suo compagno. Nel cast anche John Malcovich nei panni del giudice Edward Cowart, che ha presieduto il processo del serial-killer del 1979 e Jim Parson in quelli di Larry Simpson, il procuratore principale nel processo di Bundy e l'uomo che alla fine ha messo il serial killer dietro le sbarre. Il cast include anche Kaya Scodelario nel ruolo della misteriosa ex moglie di Bundy, Carol Anne Boone, Haley Joel Osment come un collega di lavoro di Liz e Terry Kinney nei panni del Detective Mike Fisher.

Il regista Joe Berlinger ha diretto anche per Netflix Conversations With a Killer: The Ted Bundy Tapes. Ted Bundy fu processato nel 1979, condannato e infine giustiziato nel 1989. Dopo oltre un decennio trascorso a negare i suoi crimini, Bundy prima della sua esecuzione confessò di aver ucciso 30 donne tra il 1974 e il 1978, anche se il numero di vittime non è mai stato accertato.

 

 

 

Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile: primo trailer del biopic con Zac Efron nei panni di Ted Bundy



[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Voltage Pictures ha reso disponibile un primo trailer per il nuovo biopic su Ted Bundy dal titolo Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile. Il film, interpretato da Zac Efron nel ruolo del famigerato serial killer, debutterà al Sundance Film Festival, che ha appena preso il via a Park City, nello Utah.

Gran parte della storia è vista attraverso gli occhi della fidanzata di lunga data di Ted Bundy, Liz Kloepfer, interpretata da Lily Collins. Il trailer si apre con l'inizio della loro relazione, che diventa rapidamente complicata in quanto è chiaro che il suo uomo non è chi dice di essere. Le cose si disvelano in tutto il loro orrore quando Ted Bundy viene processato. Il trailer è caotico e dipinge Bundy come un uomo che ha chiaramente amato l'attenzione dei media, oltre ad essere un bugiardo patologico che ha provato sempre a negare i suoi crimini atroci.

"Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile" prende il via nel 1969 e si concentra su Zac Efron nei panni di Ted, un uomo bello, intelligente, carismatico e affettuoso. Almeno in superficie. Liz Kloepfer, una cauta madre single, è vittima del suo fascino. Per lei Ted è l'uomo dei sogni e presto si innamora perdutamente di lui. I due sono un ritratto della felicità domestica, fino a quando la loro vita perfetta va in frantumi dopo che Ted viene arrestato e accusato di una serie di brutali omicidi. La preoccupazione si trasforma presto in paranoia mentre le prove contro Ted iniziano ad aumentare. Liz è lasciata da sola a confrontarsi con l'idea che l'uomo che ama possa essere uno psicopatico.

Joe Berlinger dirige il film da una sceneggiatura di Michael Werwie. Berlinger ha diretto anche per Netflix Conversations With a Killer: The Ted Bundy Tapes. Ted Bundy fu processato nel 1979, condannato e infine giustiziato nel 1989. Dopo oltre un decennio trascorso a negare i suoi crimini, Bundy prima della sua esecuzione confessò di aver ucciso 30 donne tra il 1974 e il 1978, anche se il numero di vittime non è mai stato accertato.

Il cast di "Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile" comprende anche Kaya Scodelario come l'ex moglie di Ted Bundy Carole Ann Boone, Jim Parsons come l'avvocato Larry Simpson, John Malkovich come il giudice Edward Cowart e Haley Joel Osment.

 

 

Fonte: Collider

 

 

 

Disponibili online due prime immagini ufficiali di Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile, il biopic su Ted Bundy che vede Zac Efron nei panni del famigerato serial killer. Il biopic sarà presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2019 (24 gennaio - 3 febbraio) con Efron che pubblica la sua versione di Bundy sui social media per celebrare l'annuncio della premiere al Sundance. Efron non era l'attore che molti avevano in mente quando il progetto ha dato il via alla produzione, ma sembra che alla fine la sua dedizione al ruolo sia stata convincente.

Nelle prime immagini ufficiali vediamo Zac Efron nei panni di Ted Bundy mentre è intento a tagliare la torta di compleanno di un bambino e impegnato durante il suo processo in tribunale.

"Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile" è raccontato attraverso la prospettiva di Elizabeth Kloepfer, che era la fidanzata di lunga data di Ted Bundy. Sebbene in seguito lo abbia denunciato alla polizia, non si era resa conto che era un assassino mentre si frequentavano. Fu solo dopo aver iniziato a trovare strani oggetti intorno a casa sua e nel suo appartamento che iniziò a diventare sospettosa. Dopo alcune notti che non lo vedeva tornare a casa, vide un identikit della polizia che la spinse a contattare le autorità. Bundy non ha mai fatto del male a Kloepfer durante la relazione, ma l'ha minacciata in diverse occasioni.

Secondo coloro che conoscevano Ted Bundy, era un uomo affascinante che non mostrava segni esteriori che potevano tradire la sua natura di omicida, stupratore e necrofilo. Bundy ha confessato di aver ucciso "solo" trenta donne, ma si ritiene che il numero effettivo sia molto più alto. E' stato condannato a tre ergastoli in due diversi processi ed è stato giustiziato il 24 gennaio 1989 all'età di 42 anni. Prima di essere condannato Ted Bundy è riuscito a evadere con successo due volte.

Il cast del film include anche John Malkovich nel ruolo del giudice Edward Cowart che sentenziò la condanna a morte di Bundy, e Jim Parsons, l'attore noto per il ruolo del nerd Sheldon nella serie tv The Big Bang Theory veste i panni di Larry Simpson, il procuratore principale che ha fatto condannare Ted Bundy durante il processo tenutosi presso il tribunale di Miami. Nel film ci sarà anche il musicista James Hetfield dei Metallica, che interpreta il suo primo ruolo cinematografico.

 




 

Fonte: Zac Efron / Collider

 

 

Extremely Wicked: terminate le riprese e nuove foto dal del bioipc con Zac Efron nei panni di Ted Bundy


zac-efron-annuncia-il-fine-riprese-del-biopic-su-ted-bundy-e-condivide-nuove-immagini.jpg

Recentemente Zac Efron ha utilizzato i social media per annunciare il fine riprese del film biografico sul famigerato serail-killer Ted Bundy dal titolo Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile. Oltre a annunciare il il fine riprese Efron ha anche condiviso alcune foto dal set che includono John Malkovich nel ruolo del giudice Edward Cowart e il Jim Parsons di The Big Bang Theory. Edward Cowart è stato il giudice che ha presieduto il processo e condannato a morte Ted Bundy. Il processo è stato trasmesso a livello nazionale e ha attirato molta attenzione da parte dei media. Bundy, interpretato da Zac Efron, si è difeso da solo e ha persino sviluppato una sorta di rapporto con Cowart. Anche se Ted Bundy aveva 5 avvocati nominati dal tribunale, si è occupato di gran parte della sua difesa tutta puntata sul suo fascino che stavolta però non ha funzionato poiché il mostro celato dietro al suo sorriso era ben in evidenza.

Jim Parsons meglio noto come lo Sheldon Cooper della serie tv The Big Bang Theory veste i panni di Larry Simpson, che era il procuratore principale che ha condannato Ted Bundy durante il processo tenutosi presso il tribunale di Miami. Nel film ci sarà anche il musicista James Hetfield dei Metallica, che interpreta il suo primo ruolo cinematografico.

Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile è raccontato attraverso gli occhi di Elizabeth Kloepfer, interpretata da Lily Collins che era la fidanzata di lunga data di Bundy. Ted Bundy è stato giustiziato nel 1989 e poco prima della sua esecuzione, ha confessato 30 omicidi commessi in sette stati diversi tra il 1974 e il 1978. La Kloepfer ha sempre affermato di non essere mai stata a conoscenza delle azioni del suo famigerato fidanzato.

Zac Efron ha recentemente ammesso di non aver applicato nessun particolare metodo di recitazione o una full-immersion nel personaggio per ritrarre Bundy. Tuttavia ha rivelato che alla fine delle riprese, ogni giorno, passava attraverso una "purificazione spirituale" incontrando amici e parenti. Efron dice anche che Extremely Wicked, Shockingly Evil e Vile non glorifica Ted Bundy in alcun modo, sottolineando che "Non era una persona che possa essere glorificata". Invece il film intende raccontare una storia su come il mondo abbia subito il fascino di Bundy.

 






Un post condiviso da Zac Efron (@zacefron) in data:






Un post condiviso da Zac Efron (@zacefron) in data:






Excited to welcome the amazing @kayascods as Carole Ann ? ?#wickedcrew #behindthescenes

Un post condiviso da Zac Efron (@zacefron) in data:








  • shares
  • Mail