• Film

Dal 16 novembre al cinema

Ritorni e conferme in questo weekend. C’è il ritorno (personalmente attesissimo) di Avati al genere, con il suo Il nascondiglio, e c’è invece la conferma di Boldi -ancora senza De Sica- con un cinepanettone che esce ben prima del previsto. C’è il ritorno di Winterbottom e c’è la conferma di Robert Zemeckis con l’animazione. C’è

Ritorni e conferme in questo weekend. C’è il ritorno (personalmente attesissimo) di Avati al genere, con il suo Il nascondiglio, e c’è invece la conferma di Boldi -ancora senza De Sica- con un cinepanettone che esce ben prima del previsto. C’è il ritorno di Winterbottom e c’è la conferma di Robert Zemeckis con l’animazione. C’è abbastanza libertà di scelta, e se volete buttarvi sul nostro cinema avete a disposizione anche il nuovo Calopresti e un documentario.

Sono otto le pellicole che troveremo da oggi nelle sale: andiamo a vederle nel dettaglio.

L’abbuffata: un gruppo di quattro giovani amici di Diamante (Calabria) ha finalmente il coraggio di girare un film e, così, di sconvolgere la vita della cittadina. Tutti rimangono coinvolti dall’energia, dalla magia e dalla semplicità con cui i quattro ragazzi vogliono costruire un presente e un futuro diverso. E per la grande star che ha accettato generosamente di atterrare in Calabria per girare il loro film, i giovani amici prepareranno una grande festa: una vera e propria “abbuffata”. Arriva in sala il nuovo film di Mimmo Calopresti, una commedia presentata fuori concorso a Roma. Con Gérard Depardieu, Diego Abatantuono, Valeria Bruni Tedeschi, Donatella Finocchiaro e Nino Frassica.

Angeli distratti: Fallujah, novembre del 2004; un soldato americano e una donna irachena si incontrano. E’ un incontro strano, perché i due sono nemici ma pur sempre esseri umani… Dopo essersi conosciuti e aver stabilito un contatto però la guerra incombe crudele. Un documentario, diretto da Gianluca Arcopinto, raccontato con materiale di repertorio ed interviste a Simona Torretta, ad un reduce americano pentito, ad un medico arabo di Fallujah e ad una donna irachena che ha perso i suoi figli in guerra.

La leggenda di Beowulf: in un’epoca magica piena di eroi e di mostri, un uomo senza paura e oramai leggendario appare per salvare un antico regno danese dalla distruzione di una creatura malvagia, chiamata Grendel, per succedere poi al trono dell’anziano Re Hrothgar, dal misterioso passato. Tratto dal celeberrimo poema anglosassone, il nuovo atteso film di Robert Zemeckis, creato con la tecnica del performance capture. Con Ray Winstone, Anthony Hopkins, John Malkovich,b Crispin Glover e Angelina Jolie. Qui la nostra recensione.

Un cuore grande: la pellicola racconta la storia vera di Danny Pearl, reporter del Wall Street Journal, scomparso in Pakistan. La moglie non si rassegna ed inizia a cercarlo, l’uomo è invece già morto… Presentato con successo fuori concorso a Cannes 60, arriva anche da noi il nuovo film di Michael Winterbottom, tratto da una forte storia vera. Con Angelina Jolie e Will Patton.

The Matador: è la storia di amicizia tra due persone che più diverse non si può: un commesso viaggiatore e un killer di professione alcolizzato, che chiederà al primo di aiutarlo in un omicidio… Esce con due anni di ritardo il penultimo (contando The Hunting Party visto a Venezia 64) film di Richard Shepard. Con Greg Kinnear e Pierce Brosnan.

Matrimonio alle Bahamas: Valentina, neo laureata in economia, vince una borsa di studio di un anno per l’Università di Miami dove si innamora di Bob. Il padre di Valentina è Cristoforo, un semplice tassista, sposato con Rosy. Quando i due ragazzi decideranno di sposarsi dovranno far conoscere i genitori di lui a quelli di lei. Il matrimonio si terrà alle Bahamas e occorre prepararsi… Il nuovo cinepanettone (un po’ in anticipo coi tempi) con Massimo Boldi -senza De Sica, come Olè-, diretto da Claudio Risi. Nel cast anche Anna Maria Barbera, Biagio Izzo, Lucrezia Piaggio, Tosca D’Aquino, Enzo Salvi e Victoria Silvstedt.

Meduse: Tel Aviv, giorni nostri. Tre storie di donne: una giovane sposa si rompe una gamba poco prima del matrimonio; Batya incontra una strana bambina venuta dal mare che la segue senza sosta; una cameriera filippina riesce a mettere in contatto la donna anziana che cura e la figlia. Film israeliano-francese diretto a quattro mani da Etgar Keret e Shira Geffen, vincitore della Caméra D’Or a Cannes 60.

Il nascondiglio: una misteriosa donna è appena uscita da una clinica psichiatrica, dov’era finita dopo il suicidio del marito. Decide di aprire un ristorante a Davenport in una casa che un tempo era un pensionato gestito da monache. Ma la casa ha qualcosa da nascondere: scricchiolii, voci sinistre e presenze inquietanti spaventeranno la donna tanto da farla ricredere sul fatto di essere guarita dalla pazzia che l’ha “imprigionata” per anni… Pupi Avati torna al genere, con una storia scritta sempre da lui stesso. Con Laura Morante.