Viola Davis vs. The Help: 'pentita di averlo girato'

Un ruolo che l'ha resa famosa in tutto il mondo, eppure Viola Davis si è pentita di aver girato The Help.

Viola Davis, premio Oscar nel 2017, deve tutto o quasi a The Help, film del 2011 che le fece vincere due Screen Actors Guild Awards e ottenere una nomination agli Oscar. Eppure la Davis, in questi giorni al Festival di Toronto con Widows - Eredità criminale di Steve McQueen, si è addirittura 'pentita' di aver interpretato il ruolo di Aibileen Clark (a causa dell'eccessivo spazio dato alle donne 'bianche' della pellicola).

Protagonista di una Q&A con i lettori del New York Times, Viola ha confessato l'amara verità.

"Alla fine ho sentito che non erano le voci delle cameriere ad essere ascoltate. Conosco Aibileen. Conosco Minny. Sono le mie nonne. Sono mia madre. E so che se si fa un film in cui la premessa è, voglio sapere come ci si sente a lavorare per i bianchi e ad allevare figli nel 1963, voglio sentire come ci si senta davvero. Non l’ho mai sentito nel corso del film".

Una vera frustata all'acclamata pellicola di Tate Taylor, anche se la Davis ha voluto precisare come non ci siano stati problemi di lavorazione, sul set, con le altre attrici o il regista.

"Le amicizie che sono nate sono quelle che rimarranno per il resto della mia vita". "Ho avuto una grande esperienza con tutte le altre attrici, che sono esseri umani straordinari. E non potrei chiedere un regista migliore di Tate Taylor ".

Tratto dall'omonimo romanzo di Kathryn Stockett, The Help vedeva nel cast Emma Stone, Jessica Chastain e Octavia Spencer, poi premiata con un Oscar e un Golden Globe come miglior attrice non protagonista.

I rappresentanti della Davis non hanno voluto rilasciare ulteriori commenti, così come i rappresentanti del regista Tate Taylor. Un portavoce della Disney, che ha distribuito il film, non ha voluto replicare.

  • shares
  • Mail