Ethan Hawke chiarisce i suoi commenti su Logan

Ethan Hawke chiarisce i commenti che ha fatto la scorsa estate sul film "Logan" di James Mangold e ora loda i film sui supereroi di qualità.

Ethan Hawke ha chiarito i precedenti commenti che ha fatto sul film Logan -The Wolverine, elogiando i film con supereroi. Lo scorso agosto l'attore ha criticato l'acclamato "canto del cigno" del Wolverine di Hugh Jackman affermando di non capire l'eccesso di entusiamo per un film buono, ma non eccezionale. I commenti di Hawke hanno causato un dibattito sui social media, con molti che si sono scagliati contro le sue opinioni.

Ad oltre un anno dalla sua uscita "Logan" è ancora considerato un "outsider" rispetto ai classici film di supereroi per un approccio realistico ed una trama che strizza l'occhio al western. Il Wolverine di James Mangold è stato anche il primo cinecomic ad ottenere una nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale.

Hawke ha discusso la controversia da lui stesso scatenata in una recente intervista con il sito Collider. Quando gli è stato chiesto come si sentisse riguardo al feroce dibattito sui social media scatenato dai suoi commenti, Hawke ha detto di essere stato incoraggiato dai commenti della gente spiegando cosa pensa del dibattito.

Ma sai, una delle cose belle è stata che per molto tempo, ci penso da un po', per molto tempo i fumetti e le persone che amavano i fumetti sono stati ghettizzati. Come se fossero insignificanti. E ora controllano il gioco. E c'è stato questo cambiamento enorme nella mia vita, voglio dire, da fan dei fumetti, ho visto tutti quei [film]. L'idea che io sia quello che li critica è una barzelletta, perché ci sono pochissime cose che mi piacciono di più, ed è qualcosa che insegno a mio figlio, qualcosa sull'essere un geek onesto. Questo è ciò che significa: essere onesto.

Nell'intervista Hawke ha chiarito riguardo i suoi precedenti commenti: "stavo parlando di un punto molto più sfumato sul denaro e l'America", e che non stava cercando di demolire il film di Mangold con quello che ha detto. La critica di Hawke al sistema Hollywood e alla sua costante produzione di film con supereroi a causa del profitto certo, hanno portato alcuni nella comunità cinematografica a sostenere Hawke dando ragione all'attore. L'acceso dibattito tra le due "parti", coloro che sostenevano "Logan" e sostenevano che fosse un capolavoro del genere contro quelli che pensavano che Hawke avesse qualcosa di impellente da dire, ha scatenato una discussione sullo stato dell'industria cinematografica. In quest'ottica i commenti di Hawke sui film con supereroi sono stati cruciali per innescare una discussione che, ormai è acclarato, va ben oltre la qualità dei singoli "cinecomic", ma riguarda più un approccio troppo commerciale al genere.

 

 

Fonte: Collider

 

 

  • shares
  • Mail