Matrimoni gay legali a Springfield

Anche se si tratta di televisione e non di cinema in senso stretto, i Simpsons sono sempre un argomento interessante da trattare e da leggere. Domani Springfield diverrà la città dove tutti si possono sposare. In più, uno dei personaggi principali della fiction sarà scoperto omosessuale, notizia che ha provocato un bel trambusto tra blogger,

Anche se si tratta di televisione e non di cinema in senso stretto, i Simpsons sono sempre un argomento interessante da trattare e da leggere.
Domani Springfield diverrà la città dove tutti si possono sposare. In più, uno dei personaggi principali della fiction sarà scoperto omosessuale, notizia che ha provocato un bel trambusto tra blogger, forum e chat room!
Non tutti i personaggi della puntata saranno favorevoli alla legalizzazione delle unioni, ma la cinica cittadina vedrà il lato positivo della ricchezza portata dal conseguente turismo.
Gay-o, it’s OK-o/Tie the knot and spend your dough/Gay-o, come and stay-o/Visit our Web site for further info” sarà lo spot. Come verrà tradotto da noi, non lo possiamo certo immaginare.

Sulla puntata sono già piovute critiche. Robert Knight del “Concernet Women for America” pensa che “la televisione stia diventando ossessionata dall’omosessualità”. Tuttavia i Simpsons non sono un cartone animato rivolto ai bambini e le critiche da parte dei religiosi arrivano solo dalla parte cristiano-cattolica. Alcuni che abbracciano la religione evangelica, infatti, hanno per esempio eletto il ligio Ned Flanders a mascot!