Oscar: all'asta due statuette per il Miglior Film

Vanno all'asta tre statuette degli Oscar, di cui due assegnate per il miglior film.

Per danarosi patiti di memorabilia cinematografici e per chi ama le curiosità legate all'iconica Hollywood arriva la notizia che saranno messi all'asta tre Premi Oscar, ma la peculiarità di questa vendita e che due di queste statuette sono state assegnate per il miglior film, una vera rarità, mentre la terza è per la direzione artistica.

Gli articoli fanno parte di un'asta imminente che si terrà su Profiles In History l'11 dicembre. Come parte della massiccia collezione di cimeli di Hollywood venduti al miglior offerente, l'asta presenterà l'Oscar per il miglior film di La tragedia del Bounty (Mutiny on the Bounty) premiato nel 1936, e uno assegnato per Barriera invisibile (Gentleman's Agreement) nel 1948. È incluso anche l'Oscar assegnato al classico Viale del tramonto (Sunset Boulevard) nel 1950 per la direzione artistica. Ci si aspetta che tutte e tre le statuette saranno battite a prezzi finali di vendita a sei cifre.

"La tragedia del Bounty" con Clark Gable vinse l'Oscar come miglior film nel 1935, ricevendo altre 7 candidature tra cui quella per il miglior attore assegnata a tutti e tre i protagonisti, unica volta nella storia dell'Academy. All'epoca fu il regista Frank Capra ha consegnare la statuetta al produttore Irving Thalberg. La famiglia di Thalberg mette all'asta il premio per la prima volta. Si prevede di raggiungere cifre tra i 200.000$ e i 300.000$. La statuetta di "Barriera invisibile", un classico sull'antisemitismo con protagonista Gregory Peck, è stata messa all'asta da un venditore che desidera restare anonimo. Si prevede che il premio venga battuto all'asta per una cifra tra i 150.000$ e i 200.000$.

La vendita di vere statuette è rara per un paio di motivi, il primo è che un tale riconoscimento è un traguardo che in pochi vorrebbero dare via per una somma di denaro per quanto cospicua, ma il motivo principale è che coloro che per qualsiasi motivo vogliano vendere la statuetta, a partire dal 1951 devono prima offrirla in vendita all'Academy per 1 dollaro prima di poterla offrire altrove, una vera e propria clausola di prelazione che l'Academy ha imposto a tutti i vincitori del prestigioso premio. Ora sappiamo perché è estremamente raro che un vero Oscar venga messo all'asta e questo è anche il motivo per cui la maggior parte delle volte che accade si tratta di premi consegnati prima del 1951.

Per quanto riguarda invece coloro che hanno acquistato un Oscar ad un'asta: Michael Jackson ha acquistato il famoso Oscar di David O. Selznick per Via col vento per 1 milione e mezzo di dollari nel 1999; nel 2011 l'Oscar di Orson Welles per il suo classico Quarto potere è stato venduto per 861,542$; altra storia per l'Oscar ricevuto da James Cagney al migliore attore per il film Ribalta di gloria (Yankee Doodle Dandy) messo all'asta nel 2014, ma rimasto invenduto poiché la cifra minima richiesta di 800.000$ non è stata raggiunta.

 

 

Fonte: Washington Post / Profiles In History

 

 

  • shares
  • Mail