Black Tide: trailer italiano del film noir con Vincent Cassel

Black Tide: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film drammatico di Érick Zonca nei cinema italiani dal 22 novembre 2018.

[Per visionare il trailer in italiano clicca sull'immagine in alto]

 

Dal 22 novembre arriva nei cinema italiani Black Tide, il film noir con Vincent Cassel nel ruolo di un detective determinato a ritrovare un adolescente scomparso misteriosamente.

Il film diretto da Érick Zonca (La vita sognata degli angeli) è tratto dal libro best seller "The Missing File" di Dror Mishani vincitore del premio come miglior romanzo Polar (fusione dei termini policier e noir).

 

La trama ufficiale:

 

Dany, figlio adolescente della famiglia Arnault, è scomparso. Il caso è assegnato a Francois Visconti, un detective stanco del mondo e disilluso la cui moglie lo ha appena abbandonato. Il poliziotto indaga per trovare il ragazzo disperso mentre è restio a prendersi cura di suo figlio Denis di 16 anni, che sembra essere invischiato nel traffico di droga. Quando il signor Bellaile, tutore francese di Dany, viene a conoscenza della scomparsa del suo ex allievo, offre il suo supporto al detective.

 

Il cast del film è completato da Roman Duris, Sandrine Kiberlain, Charles Berling, Hafsia Herzi, François Visconti, Yann Bellaile, Solange Arnault, Lola Bellaile Marc e Élodie Bouchez.

 

 

 

NOTE DI REGIA

Una storia che affronta il rapporto a volte difficile, altre volte terribile, tra genitori e figli, dipinta attraverso una trama intricata, crivellata di false piste e soffusa di un'umanità maltrattata e violenta. Una storia che affronta temi molto delicati, ma anche il peggiore dei temi: l'incesto e l'omicidio. Per affrontare questi temi, ho usato il genere del film noir con poliziotti, notizie, suspense e un mistero. Mi è sembrato importante ancorare questa realtà mostruosa nella finzione, per permettere al pubblico di avvicinarsi alle sponde del terrore attraverso una storia inventata che permette loro di mantenere una distanza sufficiente dalla terribile verità. Ho scelto un personaggio che corrisponde ai codici del genere - quelli della disillusione, della stanchezza, della cecità, ma che ha anche un'incessante determinazione a scoprire la verità. Infatti l'eroe noir del film perde e si ritrova di nuovo di fronte al male, che è l'unico modo per rinascere dalle ceneri devastanti e fumose di un mondo insopportabile.

Per quanto riguarda le riprese, come nei miei film precedenti (The Dreamlife of Angels, The Little Thief, Julia e White Soldier), seguirò i miei personaggi il più vicino possibile, catturandoli carnalmente, in modo molto intimo, realistico e fedele alla vita. Per me, infatti, è importante cercare di rappresentare la vita sullo schermo, il modo in cui essa può improvvisamente incombere fisicamente, attraverso gli attori in un modo al tempo stesso predefinito e imprevedibilmente sorprendente.

Nel film saranno presenti ampie inquadrature fisse e qui mi riferirò a Gomorra, la serie televisiva, in cui le grandi inquadrature sono molto belle e cinematografiche. Sono già in contatto con Paolo Carnera, il direttore della fotografia italiano per proporgli il film. Trovo perfetto il suo progetto di illuminazione nella serie. È’ finemente lavorato, colorato, inventivo e pieno di risorse per quanto riguarda la scenografia. La notte è magnificamente luminosa, mescolando fonti calde e fredde con grande talento. Questa è l'illuminazione che spero di ottenere per Black Tide lontana dall'atmosfera cupa, grigia, plumbea e cupa che a volte si ritrova nei film polizieschi.

Per la musica, conto ancora una volta su Barry Adamson, che ha composto la musica per Julia. Che altro c'è da dire? Solo che spero di inghiottire lo spettatore in queste acque buie, lasciando che la corrente attragga i loro corpi e le loro anime attraverso questo fluido a volte pietrificante che è il riflesso della vita nei Film Noir. [Érick Zonca]

 

 

 

 

  • shares
  • Mail