Johnny Z: trailer e poster dell'action-horror con zombie e arti marziali

Johnny Z: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sull'horror d'azione di Jonathan Straiton.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Parallelamente alle produzioni horror con budget medio-alti, dagli States arrivano con una certa frequenza anche trailer di produzioni horror realizzate con micro-budget, progetti che vengono generati in quel limbo in cui l'entusiasmo e la passione cercano di sopperire ad evidenti limiti di budget e recitazione. Bisogna ammettere che non sono moltissimi i titoli di questo tenore che vale la pena segnalare, ma oggi ne abbiamo scelto uno che ci ha particolarmente divertito, si tratta dello zombie-movie d'azione Johnny Z.

Immaginate l'action-horror Blade con Wesley Snipes rivisitato con morti viventi al posto di vampiri. "Johnny Z" segue un ragazzo metà umano e metà zombie di nome Johnny, il cui sangue potrebbe salvare il genere umano da una devastante epidemia zombie. Dopo essere fuggito dal Nordac, una prigione medica sperimentale, Johnny trova amicizia e protezione in un abile maestro di arti marziali di nome Jonray. Insieme i due intraprendono un viaggio per trovare un medico scomparso mentre lunga la strada affrontano orde di non morti e demoni personali.

"Johnny Z" è interpretato da Michael Merchant (House Shark, Night of Something Strange) e il maestro internazionale di arti marziali Felix Cortes (Daredevil e Wonder Woman 1984.). Il cast è completato da Jason Delgado, David E Mcmahon, Ellie Church, Wayne W Johnson, Trey Harrison e un'orda di zombie pronti a capitolare di fronte alla letale tecnica di Cortes.

Diretto da Jonathan Straiton (Night of Something Strange) e scritto da Ron Bonk (She Kills, House Shark), il film viene descritto come "La terra dei morti viventi incotra The Raid". Gli effetti speciali sono ad opera di Marcus Koch (We Are Still Here, American Guinea Pig).

Film e merchandise di "Johnny Z" sono attualmente disponibili in pre-ordine QUI.

 

 

 

Fonte: Decaymag

 

 

 

  • shares
  • Mail