Amanda Bynes racconta perché ha lasciato la recitazione e si dice pronta a tornare

Amanda Bynes torna a parlare del suo improvviso abbandono della recitazione.

Amanda Bynes a otto anni dalla sua ultima apparizione sul grande schermo in Easy Girl (Easy A) al fianco di Emma Stone, è tornata a parlare della brutta esperienza che l'ha spinta a mollare tutto da un giorno all'altro. Ora dopo anni di comportamenti imprevedibili e uso di droghe, l'attrice è pronta a lasciare il passato alle spalle per concentrarsi nuovamente sulla recitazione. In una nuova intervista al sito PaperMag.com, Bynes accenna ad un suo ritorno a Hollywood, mentre spiega nel dettaglio i motivi del suo abbandono.

Amanda Bynes ha iniziato la sua carriera con ruoli minori in vari programmi tv, prima di raggiungere la notorietà grazie alla serie tv All That di Nickelodeon. Il successo della Bynes fu tale da farle guadagnare una serie tv tutta sua dal titolo The Amanda Show, altro successo che le aprì le porte del cinema. Bynes debutta sul grande schermo nel 2002 con la commedia Big Fat Liar (uscita in Italia direttamente in home-video), seguita l'anno dopo da Una ragazza e il suo sogno, remake del film "Come sposare una figlia" del 1958 di Vincente Minnelli. Prima dell'ultima apparizione in "Easy Girl", l'attrice aveva interpretato ruoli in Amore al primo tuffo (2005), She's the Man (2006), Hairspray - Grasso è bello (2007) e Sydney White - Biancaneve al college (2007). Bynes abbandona quindi la recitazione nel 2010 dopo aver interpretato "Easy Girl" come suo ultimo ruolo.

Per la prima volta Amanda Bynes ammette che vedersi come un ragazzo in "She's the Man" le ha provocato un brutto periodo di depressione e l'ha avviata su un sentiero distruttivo che ha incluso l'abuso di droghe.

Quando il film è uscito e l'ho visto, sono andata in una profonda depressione per 4-6 mesi perché non mi piaceva come apparivo da ragazzo, non l'ho mai detto a nessuno. E' stata un'sperienza super strana ed extracorporea che mi ha angosciato.

 

Amanda Bynes continua a parlare del suo uso di marijuana in giovane età e di come ha iniziato ad usare droghe come "molly" ed "ecstasy" prima di diventare dipendente da Adderall, un farmaco stimolante usato per il trattamento del disordine di iperattività (ADHD) e per la narcolessia. E' proprio all'uso di droghe che sono stati attribuiti i suoi problemi sul set della commedia Libera uscita dei fratelli Farrelly, che alla fine l'ha vista abbandonare il film a metà riprese.

Quando stavo facendo "Libera uscita", ricordo che stavo nel mio camper e di solito masticavo pastiglie di Adderall perché pensavo mi avrebbero fatto stare meglio. Ricordo di averne prese così tante da essere diventata talmente sbadata da non essere in grado di concentrarmi sulle mie battute o memorizzarle. Ricordo di aver avuto vere e proprie allucinazioni guardando la mia immagine sullo schermo, guardavo il mio braccio o qualsiasi altra parte del mio corpo e pensavo quanto apparissi grassa perché era in primo piano, e mi ricordo che scappavo via dal set pensando, oh mio dio sembro così brutta.

 

Bynes attribuisce l'abbandono del set di "Libera uscita" come una combinazione di non essere in grado di ricordare le sue battute e il non apprezzare il suo aspetto durante le riprese. Voci persistenti hanno affermato che alla fine era stata licenziata dal film, ma Bynes ci tiene a chiarire su questo punto.

Ho commesso un sacco di errori ma non sono stata licenziata, ho lasciato...è stato assolutamente non professionale da parte mia andarmene e abbandonarli quando avevano speso così tanti soldi per i set, la troupe, l'attrezzatura per le riprese e tutto il resto.

 

Dopo aver perso quell'ingaggio, le cose presto sono andate fuori controllo con Bynes che avrebbe girato solo un altro film, "Easy Girl", al fianco della lanciatissima Emma Stone. La commedia ebbe un grande successo sia di la critica che a livello d'incassi, ma Bynes aveva una percezione diversa del risultato, al punto da arrivare a odiare la sua performance nel film.

Non riuscivo letteralmente a sopportare la mia apparizione in quel film e non mi piaceva la mia performance, ero assolutamente convinta di aver bisogno di smettere di recitare dopo averlo visto. Avevo assunto un sacco di marijuana quando l'ho visto, ma per qualche motivo ha iniziato davvero ad influenzarmi, non so se è stata una psicosi indotta da droghe o cosa, ma ha influenzato il mio cervello in modo diverso rispetto a come influenza le altre persone. E' assolutamente cambiata la mia percezione delle cose. L'ho visto ed ero convinta che non avrei dovuto mai più stare davanti ad una macchina da presa e mi sono ufficialmente ritirata su Twitter, che era, sai, anche un modo stupido. Se dovevo ritirarmi [nel modo giusto], avrei dovuto farlo in un comunicato stampa, ma l'ho fatto Su Twitter, davvero di classe! Ma, sai, io ero veramente fuori, ero tipo, "Sai cosa? Non ne posso davvero più!", così l'ho fatto, ma è stato davvero sciocco e ora me ne rendo conto. Ero giovane e stupida.

 

Amanda Bynes ha raccontato di essersi ritrovata con poco o nulla da fare tutto il giorno dopo essersi ritirata dalla recitazione, eccetto che sballarsi. Dopo anni di depressione e tristezza, Bynes ha deciso di cambiare il suo mondo e afferma di essere sobria da quattro anni. Da allora l'attrice è entrata nel mondo della moda ed è attualmente è iscritta ad un scuola per diventare stilista. Per quanto riguarda il tornare nel mondo della recitazione, dice che vorrebbe farlo con lo stesso entusiasmo di quando era una ragazzina. Non vuole limitarsi, non disdegnerà alcun ruolo, non si limiterà insomma solo quelli che ritiene necessari per preservare la sua immagine.

 

 

 

Fonte: PaperMag.com

 

 

 

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail