Stasera in tv: "Race - Il colore della vittoria" su Canale 5

Canale 5 stasera propone "Race - Il colore della vittoria", dramma biografico del 2016 diretto da Stephen Hopkins e interpretato da Stephan James, Jason Sudeikis, Shanice Banton, Jeremy Irons e William Hurt.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Stephan James: Jesse Owens
Jason Sudeikis: Larry Snyder
Shanice Banton: Ruth Solomon-Owens
Jeremy Irons: Avery Brundage
William Hurt: Jeremiah Mahoney
Carice van Houten: Leni Riefenstahl
David Kross: Carl "Luz" Long
Marcus Bluhm: Wolfgang Furstner
Amanda Crew: Peggy
Jeremy Ferdman: Marty Glickman
Barnaby Metschurat: Joseph Goebbels
Glynn Turman: Harry Davis
Jonathan Aris: Arthur Lil
Shamier Anderson: Eulace Peacock
Tony Curran: Lawson Robertson
Nicholas Woodeson: Fred Rubien
Giacomo Gianniotti: Sam Stoller
Eli Goree: Dave Albritton
Anthony Sherwood: Rev. Ernest Hall
Jon McLaren: Trent
Tim McInnerny: Generale Charles
Adrian Zwicker: Adolf Hitler
John Maclaren: Annunciatore olimpiadi

Doppiatori italiani

Flavio Aquilone: Jesse Owens
Alessio Cigliano: Larry Snyder
Valentina Favazza: Ruth Solomon-Owens
Mario Cordova: Avery Brundage
Luca Biagini: Jeremiah Mahoney
Marit Nissen: Leni Riefenstahl
Maximilian Dirr: Carl "Luz" Long
Ralph Palka: Wolfgang Furstner
Francesco Sechi: Eulace Peacock
Federico Buffa: Annunciatore olimpiadi

 

Trama e recensione


 

"Race – Il colore della vittoria" è la storia di James Cleveland “Jesse” Owens (Stephan James), campione olimpico a Berlino nel ’36. Jesse, nonostante le tensioni razziali nell’America reduce dalla Grande Depressione, riesce ad ottenere la convocazione alle Olimpiadi di Berlino, grazie al supporto del coach dell’Ohio University, Larry Snyder (Jason Sudeikis). Nonostante la volontà di parte del Comitato Olimpico Americano di boicottare le Olimpiadi di Berlino in segno di protesta contro Hitler, gli Stati Uniti, grazie alla mediazione di Avery Brundage (Jeremy Irons), partecipano all’evento, e Jesse, grazie alla sua determinazione e alle sue capacità atletiche, si aggiudica 4 medaglie d’oro nella Germania del regime nazista. Un’impresa che ancora oggi ispira milioni di persone.

 

 

 

Curiosità




  •  Snyder compra ad Owens scarpe nuove dal fabbricante di scarpe Adi Dassler, che in seguito avrebbe fondato la Adidas.

  • Esistono pochissime informazioni storiche su Larry Snyder. Per costruire la sua personalità, Jason Sudeikis si è ispirato a Gene Hackman in Colpo vincente (1986) e Kevin Costner in Bull Durham - Un gioco a tre mani (1988).

  • Le figlie di Jesse Owens hanno dato pieno sostegno alla produzione. I realizzatori le hanno contattate, hanno dato loro una sceneggiatura per la loro approvazione e si sono recate in Francia per incontrare personalmente gli sceneggiatori. In seguito hanno detto che la sceneggiatura era "commovente". Erano spesso sul set e hanno dato a Stephan James informazioni dettagliate su che tipo di uomo fosse il loro padre.

  • Il "Jesse Owens Award" è il maggior riconoscimento statunitense per l'atletica leggera.

  • Jesse Owens era il più giovane di dieci figli.

  • Lo zeppelin tedesco che sorvola l'Olympiastadion durante l'inizio dei giochi è l'LZ 129 Hindenburg. Un anno dopo lo stesso zeppelin esplose durante l'attracco alla Lake Air Station Naval Air nel New Jersey, uccidendo 36 persone.

  • Gli attori che interpretano Jesse Owens e Eulace Peacock, Stephan James e Shamier Anderson, sono fratelli.

  • Il film segna il primo ruolo drammatico di Jason Sudeikis.

  • Louis Zamperini era un compagno di squadra di Jesse Owens ai giochi del 1936. Si è piazzato 8° nei 5000m.

  • John Boyega era stato originariamente designato al ruolo di Jesse Owens. Si è ritirato per recitare in Star Wars - Il risveglio della Forza.

  • L'uscita del film ha coinciso con l'80 ° anniversario delle Olimpiadi estive del 1936.

  • Il vero nome di Jesse Owens è James Cleveland Owens.

  • Come mostrato nel film, Jesse Owens ha stabilito un record individuale di 4 medaglie d'oro. Quello che il film non mostra è il numero totale di medaglie per nazione. La Germania ha vinto di più con 89 medaglie: 33 d'oro, 26 d'argento, 30 di bronzo. Gli Stati Uniti erano secondi con 56 medaglie: 24 oro, 20 argento e 12 bronzo. L'Italia era terza, con 22 medaglie in totale. L'Ungheria era al terzo posto nelle medaglie d'oro con un totale di 10.

  • La nave che trasporta la squadra olimpica statunitense a Berlino è la "SS Manhattan". Varata nel 1931, ha prestato servizio sull'Atlantico fino al 1941, quando divenne la nave da guerra "USS Wakefield", in servizio nella seconda guerra mondiale. Le fu assegnato un equipaggio della Guardia Costiera e divenne la più grande nave mai gestita dalla Guardia Costiera. Dopo la guerra venne tenuta di riserva fino a quando non venne demolita nel 1964.

  • Dopo la sua vittoria, che trasformò Owens in un mito, i nazisti protestarono contro l'atleta. Un articolo del ministro Joseph Goebbels, pubblicato su Der Sturmer, il giornale di propaganda nazista, chiedeva di bandire gli "üntermenschen" (subumani) dai giochi olimpici. Chiamò gli americani "imbroglioni" per aver usato "specie subumane, più adatte alla vita nella giungla", per competere, mettendo gli "umani evoluti" in svantaggio.

  • Jesse Owens è visto con una spilla "Alpha Phi Alpha" sul risvolto della giacca. L'APA è la prima confraternita afroamericana universitaria con lettere greche fondata nel 1906.

  • Il titolo del film è un omografo; ha due significati diversi. Il primo significato è una competizione sportiva, il secondo sono i numerosi gruppi etnici di persone.

  • C'è davvero una strada chiamata Owens. "Jesse-Owens-Allee" si trova a circa 650 metri sul lato sud dell'Olympiastadion di Berlino.

  • Nel film Jesse Owens e Luz Long parlano durante la competizione e Long aiuta persino Owens per il suo salto in lungo necessario alla qualificazione. Secondo un'intervista rilasciata da Owens allo storico Tom Ecker ("Olympic Facts and Fables") nel 1965 si tratta di un mito. Owens e Long non hanno mai parlato durante le Olimpiadi. Apparentemente questa leggenda è stata precedentemente creata da Owens stesso per far sentire meglio il figlio di Long dopo la morte di suo padre. Tuttavia è vero che i due sono diventati amici alla fine delle Olimpiadi e hanno mantenuto i contatti in seguito, fino alla morte di Long nel 1943 in Sicilia.

  • Nel film quando la Amateur Athletic Union (AAU) vota a favore della partecipazione alle Olimpiadi del 1936, il suo presidente Jeremiah Mahoney, che era a favore del boicottaggio, offre le sue dimissioni ad Avery Brundage. In realtà fu Brundage a chiedere le dimissioni degli oppositori, cosa che ha portato alcuni a farlo, incluso Mahoney.

  • Il film riguardo a Hitler si attiene alla narrazione "ufficiale" e comunemente accettata, secondo la quale al momento della premiazione Hitler abbandonò il palco d'onore ignorando Owens, reo di aver sconfitto il tedesco Luz Long. In realtà, stando all'autobiografia scritta dallo stesso Owens le cose si svolsero in modo diverso: "Dopo essere sceso dal podio del vincitore, passai davanti alla tribuna d'onore per rientrare negli spogliatoi. Il Cancelliere tedesco mi fissò, si alzò e mi salutò agitando la mano. Io feci altrettanto, rispondendo al saluto. Penso che giornalisti e scrittori mostrarono cattivo gusto inventando poi un'ostilità che non ci fu affatto". Anche la figlia di Owens, Marlene Owens Rankin, conferma le parole del padre: "In realtà, mio padre non si è mai sentito snobbato da Hitler. In retrospettiva, mio padre fu profondamente ferito dal fatto che Franklin Delano Roosevelt, il presidente americano dell'epoca, non l'avesse ricevuto alla Casa Bianca".

  • Il film costato 30 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 25.


 

La colonna sonora




  •  Le musiche originali del film sono della compositrice britannica Rachel Portman, la prima donna ad aver vinto un Premio Oscar alla migliore colonna sonora nel 1997 per le musiche del film Emma. Altri crediti di Portman includono musiche per Le regole della casa del sidro, Chocolat, Oliver Twist di Roman Polański e La duchessa.

  • La colonna sonora include il brano "Let the Games Begin" scritto e interpretato da Aloe Blacc appositamente per il film.


 

TRACK LISTINGS:

1. Race Opening Titles
2. Three World Records
3. The Men's Broad Jump Final
4. On the Bus to USC
5. U.S. Olympic Vote
6. Training
7. A Business Proposal
8. Avery Visits Berlin
9. Hope You Don't Go
10. The 200m Final
11. I Came Here to Run
12. Fresh Blood
13. Arrival at the Games
14. Meeting With Goebbels
15. Meters Are Longer Than Yards
16. The Olympic Stadium
17. It's Not Your Race
18. The Final Event
19. Those Are the Rules
20. Waiting for Ruth
21. Please Take Your Last Jump
22. You Made History
23. Let the Games Begin - Aloe Blacc

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

 

  • shares
  • Mail